Calciomercato Napoli/ News, Gabriel tornerà al Milan Notizie 12 novembre 2015 (aggiornamenti in diretta)

- La Redazione

Calciomercato Napoli news, notizie al 12 novembre: tutte le trattative, gli affari, le ultime novità sulle operazioni in entrata e in uscita della società azzurra in questi giorni.

jorginho_valbuena
(INFOPHOTO)

Come era prevedibile fin dal suo arrivo al Napoli Gabriel non sta giocando, anche perchè Pepe Reina è tornato in azzurro in una forma davvero stratosferica. E’ così che riporta la redazione di EuropaCalcio.it il Milan potrebbe decidere di riportare il calciatore alla base a fine stagione. Questo anche perchè Cristian Abbiati dovrebbe ritirarsi e Diego Lopez potrebbe partire destinazione Liga anche per un rapporto mai sbocciato con Sinisa Mihajlovic. E’ così che Gabriel tornerebbe al Milan, ma non per giocare. Infatti potrebbe diventare il numero 12 alle spalle della stella emergente Donnarumma.

E’ l’uomo simbolo della rinascita del Napoli di Sarri in questa stagione. Stiamo parlando di Jorginho, centrocampista italo-brasiliano, tornato sui livelli di Verona. Intervistato da Radio Kiss Kiss Napoli, il giocatore del Napoli ha parlato della sua rinascita: “Nel centrocampo a tre riesco ad esprimermi al meglio, lo state vedendo, mentre a due non riuscivo a fare bene, il modulo mi ha un po’ penalizzato. La Nazionale? Mi aspettavo la convocazione, un po’ ci sono rimasto male ma non c’è nessun problema, il mio primo pensiero è il Napoli e sto bene qua“.

Il difensore del Torino Maksimovic è stato intervistato da Tuttosport e ha parlato del possibile addio dell’estate scorsa. Il calciatore serbo ha infatti confermato: “Il 31 agosto è arrivata l’offerta più importante da parte del Napoli che voleva offrire 18 milioni di euro. E’ la cifra più importante che è stata presentata, però sarei potuto partire solo in un caso. Se quella offerta fosse arrivata due o tre settimane prima allora sarei andato via dal Torino“. Maksimovic ha confermato l’esistenza della grande offerta del Napoli offerta al Torino per prendere il centrale serbo. Difficile che il Torino però potesse dare il via libera alla cessione del giocatore che è rimasto in maglia granata anche se in questo momento sta recuperando dal suo infortunio.

Gennaio 2016 si avvicina e di conseguenza anche il calciomercato di riparazione. Le varie società italiane stanno preparando la migliore strategia per cercare di sfruttare il primo mese dell’anno venturo, innestando lo scacchiere con elementi di qualità. Fra queste vi è ovviamente anche il Napoli che secondo il noto giornalista sportivo di Sky, Massimo Ugolini, dovrebbe intervenire per rinforzare il centrocampo: «Ciclo della maturità per il Napoli – ha ammesso Ugolini parlando ai microfoni di Radio Kiss Kiss considerano le difficoltà e la necessità di imporsi anche contro le squadre considerate più abordabili: ho visto segnali positivi, sono convinto però che i mesi decisivi saranno febbraio-marzo per quanto riguarda lo scudetto, ma il Napoli ha mandato dei segnali importanti al campionato. Gli azzurri dovranno allargare la lista dei titolarissimi e con il mercato di gennaio dovrà migliorare il centrocampo». Tenendo conto della partenza di De Guzman ormai certa, e delle prove incerte di Valdifiori, è logico pensare che verrà realmente fatto qualcosa per il reparto di mezzo.

A un passo dall’addio dal Napoli nel calciomercato estivo, oggi è uno dei giocatori che ha sicuramente più tratto beneficio dall’addio di Rafa Benitez e dal conseguente arrivo al Napoli di Maurizio Sarri. Il centrocampista italo-brasiliano è stato letteralmente rilanciato dall’allenatore toscano, ma nel corso del calciomercato estivo erano state tante le voci su un possibile addio. Joao Santos, agente dell’ex Verona, è intervenuto ai microfoni di Radio Kiss Kiss per svelare alcuni retroscena molto interessanti: “Colantuono lo voleva all’Udinese in estate, senza parlare con la società ma sondando il terreno direttamente con me. In estate ero preoccupato della situazione, pensavo che il Napoli volesse magari puntare su altri giocatori ed avevo preso contatti con tre-quattro squadre. Appena ho parlato con Giuntoli, però, mi ha subito detto “Jorginho è nostro, gioca con noi e non si muove”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori