Calciomercato Milan/ News, Real Madrid e Barcellona su De Sciglio. Notizie 11 dicembre 2015 (aggiornamenti in diretta)

Calciomercato Milan news, notizie 11 dicembre 2015: il terzino rossonero, Mattia De Sciglio, piace a Real Madrid e Barcellona. Il Milan però vuole il rinnovo. 

11.12.2015 - La Redazione
galliani_cravatta
Adriano Galliani (infophoto)

Mattia De Sciglio è sembrato un po’ sottotono in questa prima parte del campionato, ma nonostante il rendimento non eccellente Sinisa Mihajlovic ha deciso di puntare sempre su di lui nelle ultime gare. Il suo contratto con il club rossonero scadrà nel 2017 ma,  come riporta “Il Corriere dello Sport”, la dirigenza del Milan starebbe già pensando ad un rinnovo per blindarlo in vista di eventuali offerte da parte di club esteri. Proprio dall’estero, infatti, arrivano le prime attenzioni di Real Madrid e Barcellona: già dallo scorso anno il Real Madrid aveva manifestato il proprio interesse nei confronti del terzino ma il Milan aveva rimandato ogni tipo di offerta al mittente; ora ci si mette anche il club blaugrana con Ariedo Braida che lo tiene sott’occhio e lo monitora costantemente. Il Milan non vuole privarsi del proprio giocatore, tutte le offerte verranno declinate. 

M’Baye Niang non ha dubbi sul suo futuro. L’attaccante rossonero sta trovando spazio con Sinisa Mihajlovic e, ai microfoni del “Corriere dello Sport” svela di voler restare a Milano per tanti anni ancora. “Se dipendesse da me non ci sarebbero problemi, mi vedo in questa squadra e vorrei restare per almeno altri 10 anni” svela Niang. Il giocatore ha passato un breve periodo al Genoa ma la sua volontà è sempre stata quella di vestire la maglia rossonera: “Volevo tornare al Milan perchè mi sento parte integrante di questa squadra e della società. A gennaio accettai di andare al Genoa in prestito secco per dimostrare poi di essere uno da Milan. Ma ho sempre voluto tornare qui a Milano” conclude l’attaccante rossonero che spera di poter rivedere il Milan nei primi posti della classifica. “Dobbiamo solo pensare a lavorare e non pensare a cosa accade fuori da Milanello”. 

In casa Milan si respira aria di rivoluzione. Il pareggio contro il Carpi di domenica scorsa non è piaciuto alla dirigenza rossonera e la panchina di Sinisa Mihajlovic comincia a traballare. Quest’oggi il presidente Silvio Berlusconi sarà a Milanello per il consueto pranzo natalizio con gli sponsor e non è detto che non decida clamorosamente di avanzare l’idea di un possibile esonero del tecnico, qualora i risultati contro Verona e Frosinone dovessero esser deludenti. “TuttoSport” questa mattina svela un’indiscrezione sul papabile allenatore scelto per il dopo-Mihajlovic: si tratta di Cesare Prandelli, tecnico attualmente senza squadra che piace molto a Silvio Berlusconi. In casa Milan, però, ci sono ancora i contratti di Seedorf e Inzaghi da pagare, sarà difficile quindi che il patron rossonero possa concedersi il lusso di tesserare un altro allenatore a stagione in corso. 

Fra i reparti che il Milan dovrà maggiormente migliorare in occasione del calciomercato di riparazione del prossimo mese di gennaio, vi è senza dubbio la difesa. Il club rossonero ha subito spesso e volentieri troppe reti in questa prima metà stagione e di conseguenza la dirigenza proverà ad intervenire. Diversi i giocatori accostati al Diavolo in queste ultimi giorni, ma stando a quanto scoperto dalla redazione di Tuttomercatoweb, attenzione alla novità Jemerson. Si tratta di un centrale classe 1992 di origini brasile che gioca in patria, fra le fila dell’Atletico Mineiro, nel giro della nazionale verdeoro allenata da ct Dunga. Galliani lo segue da vicino così come la Fiorentina, altra società interessata al ragazzo.

Giacomo Bonaventura nell’intervista concessa ai microfoni del Guerin Sportivo ha ricordato quel rocambolesco ultimo giorno di calciomercato della finestra estiva del 2014 quando si trasferì dall’Atalanta al Milan: “Alla mattina ero un giocatore dell’Inter, fatta e finita. Da Bergamo siamo partiti col presidente Antonio Percassi e il direttore generale Pierpaolo Marino. Mi voleva Walter Mazzarri. Sono sincero: ero contento della cosa, dopo quattro anni di Atalanta andavo in una società più grande. L’Inter doveva cedere Fredy Guarin per aprire un posto e invece il colombiano non è stato ceduto. Così al pomeriggio di quel lunedì incredibile ho immaginato che non se ne facesse più nulla. Alle 20.30, però, mi ha bloccato Marino dicendomi che lo aveva chiamato Adriano Galliani e che saremmo andati a Casa Milan. Stavo per ridere, era una situazione pazzesca”. Bonaventura è stato ad un passo dal vestire la maglia nerazzurra, l’accordo c’era già tra le parti, ma il mancato trasferimento di Fredy Guarin impedì la chiusura della trattativa e ad approfittarne fu il Milan, che a sua volta aveva dovuto rinunciare a Jonathan Biabiany per alcuni problemi cardiaci riscontrati nelle visite mediche.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori