Calciomercato Napoli/ News, Ag.Maggio: Sondaggio della Fiorentina Notizie al 2 febbraio (aggiornamenti in diretta)

- La Redazione

Calciomercato Napoli, l’agente di Christian Maggio ha confermato un sondaggio della Fiorentina per il terzino azzurro che alla fine potrebbe anche rimanere al Napoli con un rinnovo.

henrique_vargas
Henrique, difensore Napoli (Infophoto)

L’agente di Christian Maggio, Massimo Briaschi, ha parlato ai microfoni di TuttoMercatoWeb: “C’è stato solo un sondaggio da parte della Fiorentina, niente di più“. Il calciatore va in scadenza di contratto a luglio prossimo e al momento non ha rinnovato con gli azzurri anche se si è parlato molto della possibilità di vederlo ancora rinnovare a Napoli con un rinnovo di contratto importante però ancora non proposto.

Bruno Uvini doveva passare allo Sporting Lisbona, ma la trattativa è saltata dopo il ritorno del centrale dal Brasile. Il calciatore ora, come riportato da Sky Sport, è a un passo dal prestito al Palermo. I rosanero avrebbero deciso di chiudere con la Sampdoria l’affare Ezequiel Munoz, una volta ufficializzata questa trattativa andranno a prendere un calciatore di prospettiva e che possa integrarsi nel modulo di Beppe Iachini. La scelta sembra essere ricaduta proprio su Uvini.

Josip Radosevic avrebbe trovato squadra, il centrocampista croato sarebbe vicinissimo dal firmare un accordo con la squadra del Rijeka. Il ragazzo aveva rifiutato diverse offerte dalla Serie B dopo che era stato praticamente a un passo dal Varese, mancavano solo le firme, scegliendo poi di non giocare in una categoria inferiore. Ritorno quindi in patria, ma solo in prestito perchè il Napoli crede molto in lui per il futuro.

Henrique non lascerà il Napoli nelle prossime ore che ci separano dalla chiusura del calciomercato di riparazione 2015. Il centrale di difesa brasiliano pare sia stato fortemente tentato dal cambiare casacca, attratto da alcune proposte sia verdeoro quanto spagnole, ma alla fine ha deciso di rimanere a Castelvolturno. Come sottolineato dal quotidiano Cronache di Napoli, è stato Rafa Benitez ha convincere lo stesso Henrique a rimanere al San Paolo ,almeno fino al termine della stagione in corso, visto che, tenendo conto dei molteplici impegni fra campionato e Europa, ci sarà sicuramente spazio anche per lui. A giugno, poi, se ne riparlerà.

Sembra destinato a lasciare il Napoli al termine della stagione in corso. La sua permanenza al San Paolo è ormai giunta agli sgoccioli, visto che lo stesso tecnico è convinto di aver ormai chiuso un ciclo in azzurro, e soprattutto, vorrebbe fare ritorno a Liverpool, per riabbracciare la sua famiglia. Interrogato sull’argomento l’ex Chelsea dribbla sempre la questione, e tale presa di posizione non sembra andare fin troppo a genio al noto Fulvio Collovati: «Benitez la faccia finita con queste manfrine – scrive su Tmw tanto abbiamo capito che per il futuro ha altre ambizioni. O, magari, anche semplici esigenze personali da rispettare. Ma per lo meno ci risparmi le sceneggiate o le predizioni da Nostradamus: “Il Napoli sarà grande anche senza di me”. Non abbiamo dubbi, anche perché il suo Napoli, rispetto a quello di Mazzarri, non è che abbia preso il volo, anzi…».

Non riuscirà ad assicurarsi Matteo Darmian durante il calciomercato di riparazione in corso. Il club partenopeo vorrebbe rinforzare le fasce con l’ottimo esterno d’attacco di sinistra della nazionale italiana di proprietà del Torino, ma bisognerà superare le forti resistenze dei granata. Nelle scorse ore, infatti, il patron Urbano Cairo è uscito allo scoperto, dichiarando: «Noi adesso i giocatori importanti oggi non li vendiamo in assoluto. Darmian non è un giocatore che venderemo. E’ per noi molto importante. Vediamo di capire con lui anche le sue esigenze. Vedremo di trovare dei punti di incontro. Ho tante richieste per lui ma le ho respinte tutte. A giugno ne parleremo con lui e si vedrà. E’ un mio pupillo, un ragazzo strepitoso. Tengo tanto a lui ma dobbiamo essere in due a essere felici». Tutto rimandato quindi alla prossima estate quando Darmian sarà con grande probabilità uno dei grandi colpi del calciomercato estivo. Il Napoli è in pole position, ma attenzione anche a tutte le altre big, a cominciare da Milan, Inter e Juventus. E’ molto probabile che si parta da una base d’asta di 15 milioni di euro.

Il calciomercato di casa Napoli ha regalato fino ad oggi due colpi, Gabbiadini e Strinic, entrambi portati a termine a fine dicembre/inizio gennaio. Gli azzurri necessiterebbero anche di un altro paio di innesti, magari un centrale di difesa e un nuovo centrocampista, ma non sembrano esservi le finanze per portare a termine tale obiettivo. Secondo l’editorialista de La Repubblica, Corbo, il Napoli ha speso male le proprie liquidità: «Il problema del Napoli è la competenza, i tifosi pensano che De Laurentiis non spenda per la squadra, ciò non è vero – le parole ai microfoni di Radio MarteDe Laurentiis spende tanto ma spende male, vi faccio un esempio: se a gennaio spendi 13 milioni per Gabbiadini poi non puoi prendere un centrocampista forte che realmente ti serve. Purtroppo sono stati spesi 17 milioni per Inler e 10 per Jorginho, sono 27 milioni che stanno in panchina tutte le domeniche». Secondo Corbo tale problema potrebbe risolversi con l’innesto di un dirigente di qualità: «O si da piena fiducia a Benitez, o bisogna portare in azzurro un grande dirigente, una mente tecnica, che sa prendere il giocatore giusto per il posto carente. Se non si prende un dirigente di grandissima autorevolezza, difficilmente gli investimenti di De Laurentiis daranno mai al Napoli lo slancio per entrare nel circuito internazionale».

Interessante retroscena di calciomercato riguardante il Napoli. I colleghi di CalcioNapoli24.it hanno infatti svelato un tentativi concreto del direttore sportivo Riccardo Bigon per avere subito Jeremy Toulalan, centrocampista del Monaco, con un lungo passato nella nazionale francese. Pare che il ds abbia provato seriamente ad acquistare il giocatore dei monegaschi durante la sessione di mercato in corso ma lo stesso, dopo averci pensato, ha declinato la proposta, voglioso di continuare a giocarsi la Champions League con il club del Principato, che ricordiamo, ha conquistato gli ottavi di coppa e dovrà sfidare l’Arsenal.

Continua a tenere banco in casa Napoli il futuro di Rafa Benitez. Il tecnico partenopeo ha il contratto in scadenza a fine giugno, fra meno di cinque mesi, e sono molti quelli convinti che al termine del campionato in corso l’ex Chelsea farà ritorno a Liverpool dalla sua famiglia. Ieri lo stesso allenatore del Napoli è uscito allo scoperto, e interpellato al triplice fischio finale di Chievo-Napoli ha ammesso: «Ne riparleremo tra un paio di mesi. Intanto, voglio continuare a lavorare con impegno. In Italia, quando si è in scadenza, è come se si avvicinasse la fine del mondo, mentre per me non lo è. Al Chelsea nonostante già sapessi che sarei andato via ho ottenuto il terzo posto e vinto l’Europa League. E’ questione di professionalità». Benitez non scioglie quindi i dubbi: se ne riparlerà solo all’inizio della prossima primavera.

Il Napoli in questo calciomercato invernale non ha fatto tanti colpi, sono arrivati solo Strinic e Gabbiadini, ovvero un esterno sinistro difensivo e un esterno d’attacco. Entrambi sono diventati importanti per il Napoli, il croato ha ormai conquistato la fascia sinistra, mentre l’ex giocatore della Sampdoria ha siglato il gol vittoria in casa del Chievo Verona allontanando tutti i dubbi riguardo la sua utilità nel modulo di Benitez. Ora il Napoli si gode i due colpi di gennaio cercando di racimolare quanti più punti possibili.

Grande prestazione dell’attaccante del Napoli, Manolo Gabbiadini, nella sfida di ieri pomeriggio contro il Chievo. A Verona il neo-acquisto degli azzurri ha trovato la prima rete ufficiale con la casacca dei partenopei, gol che ha permesso alla squadra di ottenere i tre punti. A fine match il tecnico Rafa Benitez ha voluto incensare il giocatore proveniente dalla Sampdoria: «E’ difficile da controllare. Può giocare a destra, a sinistra, al centro, in tutti e quattro ruoli in attacco. Non dà punti di riferimento ai difensori. Con lui, De Guzman, Mertens e gli altri possiamo affrontare più partite a settimana». In molti, fra addetti e lavori e tifosi, avevano storto un po’ il naso di fronte all’arrivo del giovane attaccante dalla Sampdoria, pagato circa 12 milioni di euro, ma ieri il diretto interessato ha decisamente risposto alle critiche.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori