Calciomercato Roma/ News, Valdiserri: Santon avrebbe fatto comodo. Notizie al 20 febbraio 2015 (aggiornamenti in diretta)

- La Redazione

Calciomercato Roma, il giornalista sportivo Luca Valdiserri, ha parlato del mercato di gennaio dei giallorossi, “denunciando” il mancato arrivo di Davide Santon: ecco le sue parole

SantonPalermo
Foto Infophoto

Continuano le critiche da parte degli addetti ai lavori al calciomercato di riparazione della Roma. I giallorossi hanno acquistato due attaccanti, Ibarbo e Doumbia, e un difensore centrale, l’ex rossoazzurro Izco. Serviva però ben altro, in particolare un rinforzo sulle corsie, dove Ashley Cole e Maicon non hanno affatto convinto in questa prima parte stagionale. Secondo il giornalista sportivo Luca Valdiserri è mancata la comunicazione fra il direttore sportivo Walter Sabatini, e il tecnico Rudi Garcia. Intervistato dai microfoni di Rete Sport ha ammesso: «Credo che quest’anno il grande problema della Roma sia stata la mancanza di chiarezza tra Garcia e Sabatini, nel momento in cui andavano affrontate delle priorità. Una domanda che farei: perché Santon è andato all’Inter?».

Fa mea culpa il direttore sportivo della Roma, Walter Sabatini. L’artefice della finestra di trattative di gennaio è tornato a parlare del calciomercato di riparazione di gennaio, facendo chiaramente capire di non aver dato vita ad una sessione così esaltante. Interpellato dai microfoni di Roma Radio, emittente radio ufficiale dei giallorossi, ha ammesso: «Alcune scelte fatte da me potrebbero essere discutibili. Doumbia e Ibarbo sono forti, forse potevo far meglio su tempi e modi. Non rinnego il valore dei giocatori, forse avrei potuto fare scelte diverse rispetto alla tempistica. Il Doumbia di ieri se fosse stato quello di 40 giorni fa o quello che sarà tra 20 giorni, avrebbe fatto 2 gol». Le critiche maggiormente sollevate nei confronti del ds Sabatini riguardano in particolare la cessione di Mattia Destro, girato al Milan in prestito, e il mancato arrivo di un rinforzo sulle corsie, soprattutto la fascia destra, con Maicon attualmente fermo ai box per infortunio.

Il nome di Kevin Strootman potrebbe tornare di moda durante il calciomercato estivo. Il centrocampista della Roma è da tempo nel mirino delle big europee, a cominciare dal Manchester United. Il club inglese è guidato da Van Gaal, uno che conosce molto bene l’ex PSV Eindhoven. Attenzione però alle novità riportate dal tabloid britannico Daily Express, che vogliono lo stesso allenatore dei Diavolo Rossi aver tirato il freno a mano; pare infatti che il tecnico orange sia un po’ preoccupato dalle condizioni fisiche di Strootman, di nuovo fermo ai box dopo il secondo infortunio al ginocchio. Il Manchester United attenderà nei prossimi mesi il da farsi, per vedere come evolveranno le condizioni dello stesso giocatore per poi prendere una decisione.

In occasione del calciomercato estivo la Roma proverà ad assicurarsi Luiz Adriano. Dopo averci tentato invano in occasione del mercato di gennaio, la società capitolina sta programmando un nuovo assalto per i mesi di luglio e agosto. Non sarà però semplice per il club capitolino mettere le mani sull’attaccante brasiliano visto che la concorrenza è data in aumento. Come sottolineato stamane dal tabloid inglese Metro, il giocatore piace molto al Liverpool. I Reds sarebbero infatti pronti a presentare un’offerta per avere subito il verdeoro, che dovrebbe aggirarsi attorno ai 10 milioni di euro, una cifra che dovrebbe soddisfare gli ucraini dello Shakhtar.

Non sta attraversando un momento di forma importante, il giocatore bosniaco piace a molti club stranieri e potrebbe andare via in estate. Il Liverpool è pronto a prendere il calciatore ex Lione offrendo alla Roma una ricca offerta anche se i giallorossi valutano il calciatore oltre 40 milioni di euro. Pjanic non è più un giocatore incedibile per la Roma, la società capitolina potrebbe valutare l’addio del calciatore puntando su altri giovani talenti. In rampa di lancio c’è Paredes che sta convincendo anche i tifosi e lo staff tecnico.

Gioca nella Roma da più di venti anni, ma in passato è stato vicino a diverse big, sia italiane quanto straniere. E’ noto e risaputo l’interesse del Milan, con il patron rossonero Silvio Berlusconi fra i principali estimatori, storicamente, del numero 10 giallorosso. Oltre al Diavolo, però, altre big si sono fatte avanti negli anni per tentare di acquistare l’attuale capitano della Roma. Lo racconta il suo ex agente, Franco Zavaglia, interpellato dai microfoni del mensile Calcio2000: «Se solo la Samp lo ha cercato negli anni? Macché! Milan, Juventus e Real Madrid su tutte. Ma Francesco ha sempre avuto l’ostinazione di rimanere a Roma e nella Roma, lui era un tifoso e mi sembra che negli anni l’abbia abbondantemente dimostrato».

È stato uno dei protagonisti del calciomercato di riparazione da poco chiusosi. L’ex attaccante della Roma, appena 16enne, ha lasciato la capitale per vivere una nuova avventura in Olanda, fra le fila del PSV Eindhoven. Una trattativa molto chiacchierata quella dell’Under-17 azzurro, che lo stesso commenta così ai microfoni de La Gazzetta dello Sport: «A me è sembrato un passaggio normalissimo, anche se ho cambiato Nazione. L’ho fatto per migliorare, per un percorso di crescita. In Italia nei giovani credono poco, all’estero è tutto diverso. Non so di altre squadre, di queste cose se ne occupano mia madre e il mio procuratore: mi hanno presentato la proposta del Psv, e io ho accettato». Scamacca ha lasciato la capitale per mancanza di stimoli in quel di Roma, a differenza invece di quanto trovato in Olanda, dove si allena con Van Bommel e Van Nistelrooy: «Ho avuto l’impressione che sarei salito in Primavera solo per fare numero, a cosa mi sarebbe servito? Uno all’età mia deve giocare, per crescere e migliorarsi. Il campionato Allievi è sin troppo facile, poco allenante. E i ritmi sono bassi, in Italia: quelli che ho trovato in Olanda li trovavo solo con le gare con la Nazionale. Ma fai 2-3 giorni ad alto ritmo, e poi torni nel club e rallenti. Ma attenzione, non è una critica alla Roma: io devo solo dire grazie al club: se sono in Nazionale, se sono andato al Psv è tutto merito loro. Del resto, quando mi cercarono, non ci pensai un attimo: tifoso romanista, giocavo nella Lazio, accettai al volo. In tanti dalla Lazio hanno cambiato sponda: il settore giovanile giallorosso ha un appeal fortissimo». Il suo obiettivo futuro è comunque quello di giocare in Serie A, naturalmente con la casacca giallorossa addosso: «Il mio obiettivo è giocare all’Olimpico con la maglia della Roma. Se riuscirò a fare qualcosa di importante, diventando un giocatore che può interessare alla Roma, nessuno si ricorderà che sono quello che è andato via dal settore giovanile. O scappato, come dicono loro». Infine un commento su Bruno Conti, uno che non ha proprio preso bene l’addio di Scamacca: «Con Bruno Conti avevamo un grandissimo rapporto, c’è rimasto molto male. Ma lui è stato giocatore, anzi un grandissimo giocatore: secondo me sotto sotto la può capire la mia scelta, anche se non lo ammetterà mai. Però ho sentito tanti parlare senza conoscere la situazione. E non si può dare del mercenario a un ragazzo di 16 anni».

Radja Nainggolan è ancora in comproprietà tra Roma e Cagliari. Il club giallorosso ha provato a risolvere la situazione in proprio favore già nell’ultima sessione di calciomercato, ma non ha trovato un’intesa con i sardi e dunque il tutto è stato rinviato. Francesco Marroccu, direttore sportivo dei rossoblu, nell’intervista concessa a Tuttomercatoweb.com ha parlato proprio di questa vicenda: “C’è una comproprietà aperta, appena gli interessi del campionato saranno un po’ tranquilli troveremo modo con la Roma di incontrarci e di discutere. I rapporti con i giallorossi sono ottimi, troveremo una soluzione che lascerà tutte le parti contente”. La Roma non può perdere un giocatore importante come il centrocampista belga. Nainggolan è già nel mirino dei top club europei e se la società romanista non dovesse riuscire a riscattarlo, potrebbe aprirsi un’asta per assicurarselo. La sensazione è che Walter Sabatini, ds capitolino, riuscirà a strappare il giocatore al Cagliari inserendo magari qualche contropartita tecnica nell’affare di calciomercato.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori