Calciomercato Inter/ News, Casotti: Gignac piace ai nerazzurri, ma c’è concorrenza. Notizie al 10 marzo 2015 (aggiornamenti in diretta)

- La Redazione

Calciomercato Inter, il club nerazzurro segue l’attaccante del Marsiglia, Gignac, nazionale francese. Il giocatore è in scadenza di contratto e sarebbe quindi acquistabile a zero

gignac_thauvin
Gignac, attaccante del Marsiglia (Foto Infophoto)

In occasione del calciomercato estivo, l’Inter potrebbe decidere di rinforzare l’attacco, soprattutto se Mauro Icardi facesse le valigie, attratto dalle offerte milionarie e dal prestigio delle big. Il club meneghino avrebbe già individuato il possibile sostituto dell’attaccante argentino: Gignac. Il centravanti della nazionale francese, in forza all’Olympique Marsiglia, ha il contratto in scadenza al prossimo 30 giugno e un suo addio sembrerebbe scontato, anche perché del rinnovo non sembra esservi neanche l’ombra. A riguardo ha detto la sua Federico Casotti, direttore di Goal.com nonché esperto di calcio francese; intervistato dai microfoni di Voci di Sport ha ammesso: «Gignac pare intenzionato a non proseguire con il Marsiglia, svincolandosi al termine della stagione: tutto questo nonostante il suo legame con l’OM sia sincero e profondo da tempi non sospetti. Legittimo dal suo punto di vista volersi concedere una chance all’estero. L’Inter è alla finestra ma non è la sola, e consideriamo che Gignac al momento prende circa tre milioni e mezzo di Euro di ingaggio. Sarà insomma un parametro zero molto oneroso».

Fra i tanti nomi accostati all’Inter in occasione del calciomercato della prossima estate, vi è anche quello di Mattia Perin. L’estremo difensore del Genoa e della nazionale italiana, è ormai pronto per fare il titolare in una big di Serie A, e visto il possibile addio di Handanovic, in corso Vittorio Emanuele starebbero pensando di presentare un’offerta concreta. Una proposta che difficilmente verrebbe rimandata al mittente da parte del giovane guardiano, come ha spiegato nelle scorse ore lo stesso Perin, parlando ai microfoni di Gazzetta Tv: «L’Inter è una grande squadra e sarebbe difficile da rifiutare ma sono del Genoa e penso a concludere questo campionato che sta andando bene». Sulle tracce del ragazzo vi sono anche diverse big inglesi e attenzione anche a Roma e Napoli.

Giovedì l’Inter giocherà in Germania, a Wolfsburg, contro la società tedesca seconda in campionato. Un match difficile per i nerazzurri visto che il club teutonico è sicuramente importante e vanta giocatori di grande livello. Uno di questi è Luiz Gustavo, centrocampista brasiliano ex Bayern Monaco grande obiettivo di mercato di Walter Mazzarri, ex tecnico dell’Inter. Il brasiliano è sempre stato indicato come un possibile colpo dal tecnico toscano ma il Wolfsburg ha spesso rifiutato ogni proposta per il proprio giocatore.

Fra i vari nomi accostati all’Inter per il calciomercato della prossima estate, c’è anche quello di Pedro. L’attaccante della nazionale spagnola, di proprietà del Barcellona, sta vivendo una stagione un po’ travagliata. L’arrivo di Luis Suarez al Camp Nou ha infatti tolto spazio vitale all’ex canterano dei blaugrana che di conseguenza starebbe valutando con attenzione il da farsi, alla luce anche del contratto in scadenza fra meno di un anno e mezzo, al 30 giugno del . A riguardo vanno sottolineate le parole dello stesso Pedro, che poco fa ha parlato ai microfoni di BeInSports facendo chiaramente capire di essere pronto ad andarsene: «Al momento per me è molto difficile trovare un posto tra i titolari in squadra: per tutta la stagione finora ho avuto pochissime opportunità per mettermi in mostra e ho dovuto anche aspettarle per sfruttarle al massimo. Con la squadra sto vivendo un momento difficile, mi riservo di discutere il mio futuro con il club a fine stagione, anche se adesso mi sto concentrando sulla squadra: ho voglia di giocare e fare bene».

Il primo colpo del calciomercato estivo di casa Inter sarà il riscatto di Davide Santon. Il giovane terzino destro è tornato ad Appiano Gentile durante lo scorso mercato di riparazione con la formula del prestito oneroso con riscatto legato ad un determinato numero di presenze. Come sottolineato dalla redazione di Goal.com pare che la società di corso Vittorio Emanuele abbia già comunicato al Newcastle la volontà di far valere il riscatto, versando circa 3,5 milioni di euro nelle casse degli stessi Magpies. Santon ha avuto un impatto sicuramente positivo con la casacca nerazzurra e ciò ha indotto l’Inter ha riscattare subito il ragazzo, superando così eventuali offerte future.

La Dinamo Kiev vorrebbe trattare la cessione di Aleksandar Dragovic, centrale difensivo di nazionalità austriaca. Su di lui ci sono diversi club importanti tra cui l‘Inter: gli ucraini sanno benissimo che il giocatore ha intenzione di andare via a fine stagione per questo potrebbero accelerare la cessione del ragazzo per riprendere i soldi spesi in precedenza per strapparlo dal Basilea. A Mancini non dispiacerebbe avere un giovane difensore importante come Dragovic, potrebbe fare coppia con l’altro talento Murillo.

Il rinnovo di Mauro Icardi non è ancora arrivato e l’Inter ovviamente vuole assolutamente tenersi pronta per un eventuale addio del giocatore argentino. Per questo la società nerazzurra ha intenzione di puntare con decisione su qualche giocatore importante per la prossima stagione e nel mirino ci sarebbe anche Lacazette, attaccante francese del Lione che piace molto all’allenatore nerazzurro Roberto Mancini. Un giocatore molto dotato tecnicamente che quest’anno è capocannoniere in Francia con 23 gol, uno più bello dell’altro. La sua valutazione però è già arrivata alle stelle. 

Terzo portiere dell’Inter, potrebbe proseguire la propria esperienza ad Appiano Gentile anche dopo il calciomercato estivo. Il 32enne guardiano ha il contratto in scadenza al prossimo 30 giugno ma il suo addio non sembra ancora vicino. Lo ha detto chiaramente l’agente dello stesso, Davide Lippi, parlando nelle scorse ore ai microfoni di Gazzetta.it: «Tommaso sta facendo una stagione importante, lavora molto. Sono tutti contenti all’Inter. Penso che ci sia spazio anche per sistemare a breve il suo contratto. Ci speriamo, Tommaso vorrebbe davvero restare e so che all’Inter sono molto contenti del suo operato». Berni si trova all’Inter dalla scorsa estate ma per lui si è trattato di un ritorno, avendo esordito proprio nelle giovanili nerazzurre nel lontano 2002.

Potrebbe chiudersi questa settimana la pratica relativa al rinnovo del contratto di Mauro Icardi. L’attaccante dell’Inter è in scadenza nel 2018 ma la dirigenza sta facendo di tutto per blindarlo fino al 2019 con annesso aumento dell’ingaggio, un metodo per far lievitare il prezzo del suo cartellino. Le due parti stanno trattando ormai da giorni e nelle prossime ore si incontreranno nuovamente per limare gli ultimi dettagli. Due le questioni principali: la gestione dei diritti d’immagine e la data di inizio del nuovo ingaggio (Icardi preme per averlo subito, mentre l’Inter a partire dal primo luglio). La cosa certa è che la volontà degli attori coincide e di conseguenza la fumata bianca potrebbe arrivare già entro la settimana in corso.

L’allenatore dell’Inter, Roberto Mancini, ha parlato ai microfoni di Gazzetta Tv nella serata di ieri. Il tecnico nerazzurro si è soffermato molto sul calciomercato estivo, che dalle parti della Pinetina sarà decisamente scoppiettante. Si comincia con il parlare di Yaya Touré, il vero sogno di Mancini e dell’Inter: «Ha giocato in tutti i campionati – spiega lo jesino – e gli manca solo la Germania e l’Italia. Se, come sembra, vuole fare l’esperienza da noi, ci sarà la possibilità di vederlo qui. Non sarà semplice, vero, ma se verrà in Italia, verrà all’Inter. Yaya ha personalità e qualità tecniche incredibili». L’allenatore dell’Inter passa quindi a commentare il probabile arrivo di Toulalan dal Monaco, centrocampista che giungerà a costo zero e la cui operazione sembra ormai chiusa: «Può giocare con Medel, Guarin e anche Yaya». A gennaio l’Inter ha acquistato tanto, ma non tutti i tentativi sono andati a buon fine, come ad esempio quello per Richards: «Lo volevamo». Infine l’allenatore nerazzurro ha replicato in maniera ironica a Bolingbroke che poche ore prima aveva spiegato di come lo stesso Mancini avesse carta bianca sul mercato: «Ah sì? Forse si sono dimenticati la penna – sorride -. Se è veramente illimitato allora è un problema. Di sicuro cercheremo di fare una squadra competitiva, e il resto si vedrà in questi mesi restanti».

È tornato a parlare della sua esperienza sulla panchina dell’Inter dopo l’esonero del 14 novembre che ha comportato il ritorno di Roberto Mancini in nerazzurro. Ai microfoni del giornale giapponese World Soccer Digest ha dichiarato: “Se penso al mio cammino, non so chi in Italia negli ultimi 10 anni abbia realmente fatto meglio di me. L’anno scorso avevo preso una squadra alla fine di un ciclo e che arrivava da una stagione disastrosa nella quale si era classificata al 9° posto. Abbiamo conquistato un buon 5° e siamo tornati in Europa League, con i giusti presupposti per rilanciarci verso l’obiettivo del 3° posto valido per la Champions League. E devo dire che se me l’avessero consentito sono certo che tale traguardo non ci sarebbe sfuggito“. Per il quanto riguarda il suo futuro è molto chiaro: “In questo momento sto valutando il tutto con molta calma. Le proposte sembrano non mancare, fermo restando che sono ancora sotto contratto con l’Inter fino al giugno 2016 e quindi ho tutto il tempo per fare la scelta più giusta“. Non ha escluso una pista estera, spiegando che sta studiano l’inglese e che vede la Liga spagnola come l’ideale per la sua filosofia calcistica. E anche l’ipotesi di andare a sedersi sulla panchina di una nazionale non è stata scartata da Mazzarri, che nei prossimi mesi sarà sicuramente al centro di diverse voci di calciomercato.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori