Calciomercato Inter/ News, Spinosi (ag. FIFA): in estate sarà rivoluzione. Kovacic, futuro in bilico (esclusiva)

- int. Lodovico Spinosi

Calciomercato Inter news, esclusiva con Lodovico Spinosi: l’agente Fifa parla del calciomercato nerazzurro e in particolare di Mateo Kovacic, che con Mancini non trova uno spazio fisso

mancini_riflesso
Roberto Mancini (Infophoto)

L’Inter vuole finire al meglio la stagione perché Mancini ha l’obiettivo di entrare almeno in Europa League, per non gettare completamente un anno difficile. Anche perché il tecnico di Jesi è già pronto per acquistare giocatori importanti nel calciomercato estivo, come Yaya Touré del Manchester City, centrocampista ivoriano che tanto piace all’allenatore dell’Inter. L’agente Fifa Lodovico Spinosi ha parlato del calciomercato dell’Inter in esclusiva per IlSussidiario.net.

Come giudica l’operato di Mancini fino a questo momento? Non positivo ma anche il Mancio si aspettava di più da questa Inter. Non potevamo certo pensare che Mancini avesse la bacchetta magica per cambiare la squadra ma si sta già vedendo un calcio diverso.

Continuerà il rapporto tra lui e l’Inter? Credo di sì, dipenderà molto dalla volontà della società di seguire il tecnico nel proprio operato in vista della prossima stagione. Di certo ci sarà una rivoluzione in estate.

A partire da Kovacic? E’ strano vedere un giocatore come il croato non essere al centro del progetto di Mancini. Il futuro di Kovacic è ancora da decifrare, potrebbero cambiare molte cose.

Potrebbe andare via? Chi lo sa, tutto può succedere anche perché Kovacic ha mercato ed è ancora giovane. Certo, non sarebbe quella cessione che cambierebbe i piani del calciomercato dell’Inter.

Per acquistare Touré serve altro non crede? Lasciamo stare questi discorsi, per me è un’idea utopistica perché l’ivoriano è un grande giocatore ma è fuori dai parametri dell’Inter.

La strada per accontentare Mancini sembra quella… Assolutamente sì, servono i grandi giocatori, per questo entrare in Europa sarebbe importante per i nerazzurri.

(Claudio Ruggieri)

© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori