Calciomercato Roma/ News, Assogna: Mercato largamente insufficiente Notizie al 9 marzo (aggiornamenti in diretta)

- La Redazione

Calciomercato Roma, il giornalista di Sky Sport Paolo Assogna ha fatto una riflessione sul mercato sul mercato dei giallorossi che non sono riusciti ancora ad affermarsi in giallorossi.

doumbia_costa_avorioR400
Seydou Doumbia, attaccante Costa d'Avorio (Foto Infophoto)

Il giornalista di Sky Sport Paolo Assogna ha valutato il mercato di gennaio della Roma ai microfoni di Calciomercato.it: “La scelta di portare Doumbia in giallorosso al posto di Salah la capisco, perchè i giallorossi avevano bisogno di rimpiere l’area di rigore. Il campo ha detto però che il mercato di riparazione non ha riparato nulla. Chi è arrivato non ha praticamente mai giocato. E’ giusto quindi parlare di un mercato largamente insufficiente“.

Continuano le grandi critiche sull’acquisto di Seydou Doumbia. Ne ha parlato anche l’ex attaccante giallorosso Abel Balbo a TuttoMercatoWeb: “Doumbia è arrivato nella capitale tre settimane fa, non ha giocato mai. Non penso possa avere colpe. Bisogna aspettarlo perchè ha sempre dimostrato di avere qualità. E’ stata una scelta della società a braccetto con Garcia però si è rivelata poco efficace. Arrivava dopo la Coppa d’Africa in cui non si è mai allenato e ha giocato pure poco. Il campionato russo era finito da tempo. E’ stata una scelta sbagliata“.

I giallorossi continuano a insistere per il talentuoso calciatore del Manchester City James Milner. Questi va in scadenza di contratto e potrebbe quindi essere un acquisto importante anche e soprattutto perchè si prenderebbe un calciatore forte di 29 anni e a costo zero. Il calciatore sarebbe pronto a firmare un contratto di tre anni da circa tre milioni di euro a stagione. Anche se il centrocampista rimane ancora propenso a continuare a giocare in Premier League dove è arrivata l’offerta importante del Liverpool.

La situazione in casa Roma è davvero molto delicata come si intuisce dalle parole di ieri di Rudi Garcia dopo l’ennesimo pareggio contro il Chievo Verona. Ne ha parlato l’ex direttore generale dei capitolini Gian Paolo Montali ai microfoni di TuttoMercatoWeb: “Vedo una comunicazione confusionaria, le versioni dei vari personaggi sono diversi. Sabatini si prende le responsabilità, Garcia da la colpa ai calciatori e Pallotta fa proclami. Questo non fa bene all’ambiente. Non trovo empatia interna. Dello spogliatoio però non parlo perchè non posso conoscere. L’Europa League è l’unica competizione che si può vincere, credo ci punteranno molto. Penso che la Roma passerà contro la Fiorentina“.

Proseguono le critiche nei confronti della Roma ed in particolare del calciomercato dello scorso mese di gennaio. Il club giallorosso avrebbe dovuto rinforzarsi in maniera importante in attacco e sulle corsie, ma i tre che sono sbarcati a Trigoria, leggasi Doumbia, Ibarbo e Spolli, si sono rivelati fin qui tre acquisti fallimentari. A riguardo ne ha parlato Roberto Renga, noto giornalista sportivo, intervenuto nelle scorse ore presso i microfoni di Radio Radio: «Non penso che tutte le colpe siano solo di Garcia. Senza ricordate tutto quello che si diceva a giugno, porto solo due esempi: Doumbia e Ibarbo. Quelli che dovevano rinforzare immediatamente la Roma che fine hanno fatto?».

L’allenatore della Roma Rudi Garcia non intende assolutamente abbandonare la capitale in occasione del calciomercato della prossima estate. Nonostante gli ultimi risultati negativi in serie e qualche crepa all’interno dello spogliatoio, l’ex Lille vuole proseguire la propria avventura nella Città Eterna. Lo ha fatto chiaramente capire lo stesso allenatore francese, intervistato pochi minuti fa dai microfoni di Sky Sport, al termine della premiazione della Panchina d’Oro 2013-2014: «Futuro? Il mio obiettivo è quello di inaugurare la panchina del nuovo stadio della Roma – ha spiegato Garcia senza troppi giri di parole – dovrete sopportarmi ancora per tanto tempo». Un commento naturalmente sul momento di crisi attuale di casa Roma: «Adesso dovremo cercare di preparare al meglio la partita di Europa League contro la Fiorentina. Volti scuri? Sono sereno, come sempre. Sono carico e motivato, con la società c’è unione di intenti, e siamo consapevoli che dobbiamo fare meglio di quanto stiamo facendo. E già giovedì abbiamo l’opportunità di rimediare la situazione facendo una grande prestazione a Firenze». L’obiettivo della Roma è quello di concludere il campionato attuale al secondo posto, che significa Champions League senza passare dai preliminari: «Nostro obiettivo? Qualificarci per la Champions League, vogliamo rimanere secondi, ma dobbiamo per forza offrire qualcosa in più rispetto a ieri».

In occasione del calciomercato della prossima estate farà ritorno a Roma il giovane talento Alessio Romagnoli. Il club giallorosso lo ha prestato alla Sampdoria lo scorso mese di agosto ma a fine stagione, a meno di clamorose proposte, il ragazzo rimetterà piede a Trigoria. Il 20enne centrale di difesa rappresenta infatti il futuro della squadra capitolina e nessuno negli ambienti giallorossi è intenzionato a liberarsene troppo facilmente. Tra l’altro in casa Roma bisognerà fare i conti con le incertezze legate alle condizioni fisiche di Leandro Castan, operato recentemente al cervello, e attenzione anche al futuro di Davide Astori, in prestito con diritto di riscatto nella Lupa e che potrebbe fare ritorno a Cagliari a fine giugno.

La Roma deve superare il prima possibile la crisi che sta vivendo in campionato. In Europa League è riuscita a conquistare l’accesso agli ottavi di finale, ma in campionato il rendimento delle ultime settimane è tutt’altro che brillante. Una mano in tal senso potrebbe arrivare dai giovani talenti che il ds Sabatini si è assicurato nelle ultime sessioni di calciomercato, ma che Rudi Garcia sta utilizzando con il contagocce. E’ il caso ad esempio della stellina argentina, Leandro Paredes, vistosi raramente in campo durante il campionato in corso. A riguardo vanno sottolineate le parole del giornalista sportivo Guido Zappavigna, che intervistato dai microfoni di Rete Sport ha detto: «Questo è il momento di crescere. Sabatini ha ammesso di aver sabgliato e anche Garcia si è reso conto di aver fatto qualche errore, ed è da qui che bisogna ripartire. Voglio vedere i giovani in campo: Iturbe e Paredes devono scendere sempre in campo, anche Paredes merita più spazio. Con la grinta di Iturbe e Florenzi la partita contro la Juventus ha avuto una svolta».

Si è trasferito a Roma in occasione del calciomercato di riparazione dello scorso gennaio. Il nazionale ivoriano doveva essere l’attaccante che avrebbe rimpiazzato senza rimpianti l’ex Mattia Destro, ma fino ad oggi dell’ex CSKA Mosca non ci sono praticamente notizie. Al di la dei due match giocati all’esordio, conclusisi con i fischi del pubblico capitolino, Doumbia è finito in tribuna contro il Feyenoord al ritorno, nonché contro Juventus e Chievo. Il calciatore non è ancora al 100% dal punto di vista atletico come ha spiegato nelle scorse ore il dg della Roma, Baldissoni: «Doumbia ha avuto un leggero mal di schiena, ma su di lui si sta facendo di più: un lavoro atletico. Le condizioni fisiche sono buone, quelle atletiche ancora no, visto che il campionato russo si è fermato a dicembre e c’è stata un po’ di inattività non compensata dall’impegno in Coppa d’Africa. Durante un torneo non ci si allena come in una stagione ordinaria». Resta solo da capire quando Doumbia sarà finalmente arruolabile con una forma atletica accettabile.

Continuano i sondaggi in casa Roma con l’obiettivo di individuare un nuovo portiere. In occasione del calciomercato della prossima estate la società giallorossa cercherà di assicurarsi un estremo difensore di qualità visto che De Sanctis farà da secondo, mentre Skorupski potrebbe essere girato in prestito altrove. Tanti i nomi circolanti negli ambienti giallorossi in queste settimane, da Neto ad Handanovic passando per Petr Cech, ma attenzione all’ultima idea che giunge dalla Gran Bretagna. Sembra infatti che la squadra capitolina stia pensando a Lukas Fabianski, nazionale polacco ex Arsenal, attualmente in forza allo Swansea, club della Premier League. Il 29enne portiere ha un contratto in scadenza nel 2018 e il suo valore si aggira sui 4 milioni di euro.

Nuovo talento sul taccuino del ds della Roma, Walter Sabatini. In vista del calciomercato della prossima estate, il club giallorosso starebbe pensando a Mananj; si tratta di un giovane attaccante classe di proprietà della Cremonese. Il ragazzo in questione sta vivendo una grande stagione a Cremona, e ciò avrebbe attirato gli sguardi delle big. Oltre alla Roma, infatti, anche altre società di Serie A starebbero seguendo con attenzione il talentuoso albanese, a cominciare dalla Juventus e dal Genoa, fra le squadre più lungimiranti della massima serie per quanto riguarda i giovani. Come sottolineato dalla redazione di Sky Sport, la Lupa ha già preso contatti con l’entourage del ragazzo e non è da escludere che a breve possa essere presentata un’offerta concreta.

Nuova prestazione disarmante della Roma. Ieri pomeriggio, nella trasferta di Verona contro il Chievo, il club giallorosso non è andato oltre il pareggio a reti bianche, 0 a 0, l’ennesimo in serie da quando è iniziato l’anno nuovo. La squadra capitolina non sa più vincere, e soprattutto convincere. Quell’11 giallorosso spumeggiante di inizio stagione si è praticamente sgretolato, ed ora sono in molti negli ambienti capitolini a temere per il secondo e terzo posto, visto che la Fiorentina va come un treno, e il Napoli è un avversario sempre pericoloso. Da sottolineare le parole di Rudi Garcia, che per la prima volta ha criticato pubblicamente la propria squadra: «La squadra nel primo tempo è stata scarsa – ha detto ai microfoni di Sky al termine del match del Bentegodi – si poteva giocare anche tre ore senza segnare. A volte ci sono sconfitte che ti scoraggiano certo, ma questo pareggio è stato inquietante». E ancora: «Abbiamo giocato malissimo oggi, irriconoscibili. Totti poco aiutato? Oggi non c’è stato un migliore in campo. Era previsto un pressing alto per tutta la partita, ma abbiamo sbagliato delle scelte. Certo, questo campo secco non aiuta molto, abbiamo sbagliato diversi passaggi semplici». Poi l’ex Lille ha chiuso: «Oggi non ho riconosciuto la mia squadra, domani bisogna dirsi la verità e avere una razione forte. Abbiamo 4 partite di fila per mostrare un altro volto. Questa partita mi ha stupito per la sua negatività». Parole che suonano quasi di addio quelle di Garcia, e a fine stagione, a meno di un finale da urlo, le strade dell’allenatore francese e quelle della Roma potrebbero realmente dividersi.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori