Calciomercato Inter/ News, quale sarà il futuro di Bardi? Notizie al 2 aprile 2015 (aggiornamenti in diretta)

- La Redazione

Calciomercato Inter, il club nerazzurro potrebbe in estate lanciare una rivoluzione tra i pali. Handanovic dovrebbe partire, Perin potrebbe arrivare ma ci si interroga sul futuro di Bardi.

kovacic
Mateo Kovacic, centrocampista Inter (Infophoto)

Francesco Bardi è un ottimo talento anche se la stagione in corso ha frenato la sua ascesa. L’arrivo di Rolando Maran l’ha fatto accomodare in panchina, con Bizzarri diventato titolare. Bardi però nella nazionale Under21 ha dimostrato di avere qualità al di sopra della norma. Calciomercato.com ha analizzato la situazione che ruota attorno ai portieri di casa Inter. Samir Handanovic è pronto a partire, ma le ultime portano tutte verso Mattia Perin. Se dovesse davvero arrivare il portiere del Genoa che fine farà Bardi? Di certo con un giovane portiere di quel valore acquistato non sarà facile far accettare al titolare dell’Under di andare ancora una volta in prestito.

È di sicuro uno degli obiettivi dell’Inter per la prossima stagione. Secondo quanto riportato dal Daily Mail ci sarebbero stati dei contatti concreti tra Inter e Manchester City per parlare del calciatore ormai fuori dal progetto della squadra inglese. Il montenegrino classe 1989 ha dato il meglio di sè con la maglia della Fiorentina a cavallo tra il 2008 e il 2013 nonostante un brutto infortunio gli fece saltare una stagione per intera. Nelle ultime due annate in Inghilterra coi Citizens non è riuscito a ripetersi accumulando appena 11 gol in 44 presenze.

Nonostante le smentite di rito da parte di società e del calciatore Mauro Icardi rimane uno dei nomi più chiacchierati. L’attaccante argentino potrebbe davvero partire a fine stagione, ma solo nel caso arrivi un’offerta difficile da rifiutare. Bruno Longhi oggi ha spiegato a SportMediaset: “Non può perdere l’attaccante l’Inter e non lo farà a meno di una proposta davvero indecente. Non si parla di 30, 40 o 50 milioni, partirà solo se dovesse arrivare un’offerta intorno ai 60 milioni“.

Sarà costretta a sacrificare un pezzo pregiato durante il calciomercato della prossima estate. Mauro Icardi potrebbe rimanere mentre Mateo Kovacic dovrebbe fare le valigie. Il centrocampista della nazionale croata non riesce ad esplodere, e di conseguenza i nerazzurri sarebbero pronti a cederlo al miglior offerente. Fra le società che hanno mostrato interesse per l’ex Dinamo Zagabria vi è senza dubbio il Barcellona. I blaugrana avevano presentato un’offerta già durante la scorsa estate, e sarebbero pronti a tornare all’assalto. Come svelato dai colleghi di Sportmediaset l’Inter potrebbe favorire la cessione di Kovacic, per arrivare a Pedro, attaccante dei catalani con il contratto in scadenza nel 2016 e voglioso di cambiare casacca. Oltre al giocatore spagnolo, in corso Vittorio Emanuele potrebbero introitare anche una decina di milioni di euro, visto il valore del cartellino del croato.

Il calciomercato di riparazione dello scorso mese di gennaio è servito all’Inter per assicurarsi diversi innesti di qualità. Fra questi spicca senza dubbio Xherdan Shaqiri, attaccante della nazionale svizzera che ha lasciato il Bayern Monaco con la formula del prestito con obbligo di riscatto, per iniziare appunto una nuova avventura ad Appiano Gentile. A circa tre mesi dallo sbarco in Italia, Xherdan Shaqiri racconta le sensazioni vissute in questi 90 giorni: «Volevo conoscere una nuova mentalità – spiega l’ex Basilea ai microfoni della CNN era importante per me, così sono stato molto felice del fatto che l’Inter e il suo allenatore mi abbiano volute. Sono anche vicino alla mia famiglia, la Svizzera da Milano e per me averla vicino è molto importante. Roberto Mancini ha tanta esperienza ed è tornato all’Inter per riportare il club dov’era prima. Penso che torneremo ai vertici dell’Italia e dell’Europa in futuro». Ricordiamo che il cartellino di Shaqiri costerà 15 milioni di euro, soldi che corso Vittorio Emanuele dovrà versare nelle casse dei bavaresi il prossimo mese di giugno.

Sarà uno dei giocatori più gettonati durante il calciomercato della prossima estate. Il centrocampista del Manchester City ha il contratto in scadenza al 30 giugno di quest’anno e lascerà i Citizens per iniziare una nuova avventura, molto probabilmente lontano dalla patria. Lo vogliono in tante, ma l’Inter, stando a quanto svelato in queste ore dal tabloid Daily Star, starebbe provando ad anticipare la concorrenza. Il club di corso Vittorio Emanuele si vorrebbe giocare la carta Roberto Mancini, allenatore che Milner conosce molto bene. Alla finestra vi sono anche Roma, Milan, Napoli e Juventus, mentre in Inghilterra il giocatore piace molto al Liverpool.

Fra i talenti più puri di casa Inter vi è senza dubbio George Puscas. Il 18enne attaccante della nazionale rumena, sta vivendo un grande campionato con la casacca della Primavera, e all’attivo ha anche 5 presenze con la squadra maggiore fra Serie A, Europa League e Coppa Italia. Un campionato da incorniciare quello del classe 1996 prelevato nell’estate del 2013 dal Liberty Oradea che sogna in grande. Intervistato stamane dai microfoni del Corriere dello Sport, Puscas ha parlato così del proprio futuro: «Cosa mi aspetto da qui a giugno? Giocare sempre di più. Cosa farò la prossima stagione? Decideremo insieme al club a fine stagione. Se ai dirigenti va bene che vada in prestito altrove a giocare, per me va bene. Il mio sogno? Diventare un giocatore importante e vincere con l’Inter, la squadra che seguivo di più da bambino insieme al Chelsea».

Parla di calciomercato il direttore generale dell’Inter, Marco Fassone. Interpellato stamane dai microfoni di Tuttosport, il dirigente nerazzurro ha affrontato diverse tematiche in vista della prossima estate. Si comincia col parlare del futuro di Yaya Toure, operazione complicata ma possibile grazie alla presenza di Roberto Mancini: «Chi non sogna di avere nella sua squadra un giocatore come lui? – si domanda Fassone – Touré darebbe al nostro club quel qualcosa che oggi manca, però l’ingaggio e la valutazione del City non sono ostacoli da nulla. A gennaio alcuni giocatori molto importanti hanno preso in considerazione il nostro progetto solo per la presenza di Mancini, senza parlare di denaro: Roberto è una calamita per i top player, ama partecipare alle nostre riunioni e ha una conoscenza enciclopedica sui giocatori. Mancini è il centro del nostro motore». Un big in ingresso potrebbe però comportare una cessione eccellente, e fra gli indiziati vi sono i due talenti Icardi e Kovacic: «Vogliamo che restino – spiegato Fassone – e prima di prendere in considerazione un’offerta, la valuteremo con accuratezza. Intanto al rinnovo di Icardi manca molto poco. Se vogliamo acquistare almeno tre giocatori per comporre una spina dorsale importante, bisognerà trovare i soldi anche attraverso delle cessioni. Non bisogna però solo pensare a un sacrificio importante, abbiamo molti giocatori in giro che possono rappresentare una risorsa economica notevole». Sulla lista dei partenti c’è anche Samir Handanovic, il cui contratto scadrà il 30 giugno del : «E’ una questione da risolvere con urgenza – ammette il dg dell’Inter – Nei prossimi giorni torneremo a parlare col suo agente, ma dobbiamo capire cosa vuole fare Samir: noi non possiamo però rimanere la prossima stagione con il portiere titolare con il contratto in scadenza». Infine un commento su Darmian del Torino, giocatore che piace molto all’Inter ma… «Il Torino è una boutique fra le più care in Italia. Darmian ci piace, ma siamo fermi a questo, sicuramente dovremo trovarci per parlare di Benassi…».

Stevan Jovetic sarà uno dei giocatori più gettonati dalle big italiane in occasione del calciomercato della prossima estate. L’attaccante della nazionale montenegrina vuole lasciare il Manchester City visto il poco spazio trovato in questa stagione, e gradirebbe rimettere piede in Italia. Lo vogliono due big in particolare, come sottolinea il collega di Sky, Luca Marchetti, a Tuttomercatoweb: da una parte l’Inter, che sta trattando da tempo con l’agente, e che mette sul piatto il solito prestito con obbligo di riscatto; dall’altra c’è la Juventus, che segue l’ex Fiorentina ormai da anni e che dalla sua ha una liquidità maggiore rispetto ai nerazzurri.

Non lascerà l’Inter durante il calciomercato della prossima estate. Nonostante i continui rumors e le possibili avance di qualche big di prestigio, leggasi in particolare il Paris Saint Germain, l’allenatore jesino è intenzionato a rimanere al suo posto anche l’anno prossimo, quello che probabilmente segnerà la definitiva svolta ad Appiano Gentile. Del futuro dell’ex Galatasaray e Manchester City ne ha parlato nelle scorse il direttore generale Marco Fassone, ospite nelle scorse ore presso la redazione di Tuttosport: «Mancini qui la prossima stagione? Assolutamente si – confessa – lui è fondamentale per questo progetto, è il nostro motore, l’allenatore su cui abbiamo puntato. Quando sento parlare di clausole e potenziale divorzi a fine stagione mi viene da sorridere. Roberto resterà con noi, spero molto a lungo».

Di Nabil Fekir si parla molto in chiave calciomercato da qualche mese a questa parte. Il talentuoso trequartista classe 1993 milita nel Lione e in questa stagione si sta affermando attirando su di sé l’interesse di molti club importanti. Tra questi c’è anche l’Inter. Il giovane francese in Ligue ha messo a segno la bellezza di 11 reti in 26 partite, un buon bottino che può ulteriormente crescere da qui al termine della stagione. Fekir per ora non vuol sentire parlare di futuri trasferimenti, è concentrato sul presente e lo dimostra ai microfoni de L’Equipe: “Le ultime partite saranno emozionanti e questo mi darà ancora più motivazioni, anche se ero ben motivato già prima a fare bene il finale di stagione. Ora starà a noi fare buone prestazioni per rimanere il più possibile ai vertici della classifica“. Ogni discorso di calciomercato andrà rimandato al termine della stagione. L’Inter monitora la situazione del talento francese, ma dovrà fare attenzione sia alle richieste economiche del Lione che alla concorrenza (soprattutto dell’Arsenal).

© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori