Calciomercato Inter/ News, Tottenham su Guarin Notizie al 28 aprile 2015 (aggiornamenti in diretta)

- La Redazione

Calciomercato Inter, i nerazzurri a fine stagione potrebbero ricevere un’offerta importante da parte del Tottenham per il centrocampista colombiano Guarin. Servono 17 milioni per prenderlo.

Stramaccioni_Stankovic
Foto Infophoto

Fredy Guarin si è ritrovato con Roberto Mancini e ha così anche riacquistato valore sul mercato. Come riporta Goal.com pare che l’agente del calciatore, Marcelo Ferreyra, sia pronto ad arrivare in Italia. Su di lui ci sarebbe il Tottenham pronto a ragionare per un eventuale acquisto. Il colombiano non è sul mercato, per convincere i nerazzurri a un’eventuale cessione servirebbe mettere sul tavolo un’offerta da 17 milioni di euro, come sottolinea Calciomercato.com. 

A fine stagione i nerazzurri daranno l’addio a Samir Handanovic, il portiere sloveno sarà sacrificato di fronte a un’offerta importante. Sono diverse le alternative per raccoglier ela sua eredità. France Football rivela un retroscena interessante. Stephane Ruffier del Saint Etienne sarebbe stato offerto al club meneghino che arriverebbe al massimo a sette milioni di euro. Portiere di 28 anni Ruffier ha collezionato due presenze anche con la nazionale francese, dal 2011 difende la porta del Saint Etienne dopo essere stato lanciato in Ligue 1 dal Monaco.

In occasione del calciomercato estivo potrebbe verificarsi un gradito ritorno in casa Inter: stiamo parlando precisamente di Dejan Stankovic. L’attuale vice-allenatore dell’Udinese potrebbe dire addio ai friulani qualora Stramaccioni lasciasse il posto. A quel punto l’ex centrocampista rimetterebbe piede ad Appiano Gentile con un ruolo ancora da definire, molto probabilmente di raccordo fra i giocatori e lo staff tecnico. In poche parole Sylvinho manterrebbe il proprio incarico di vice di Mancini, mentre Stankovic svolgerebbe altri compiti per cercare di mediare fra i piani alti di corso Vittorio Emanuele e appunto il parco dei calciatori. Chissà che la sfida in programma questa sera al Friuli fra l’Udinese e l’Inter non sia occasione proprio per approfondire tali discorsi.

Fra i giocatori accostati all’Inter per il calciomercato della prossima estate vi è anche il talentuoso Nabil Bahoui, 23enne attaccante esterno nato in Svezia e di proprietà degli svedesi dell’Aik Solna. Nelle scorse ore il diretto interessato è uscito allo scoperto, parlando ai microfoni della stampa nazionale e commentando le voci che lo vogliono in orbita nerazzurra: «L’Inter è un grande club, lo seguivo quando Zlatan Ibrahimovic giocava lì. Sono una grande squadra anche se quest’anno sono a metà classifica. Ci può essere l’interesse di tanti club, comunque; bisogna vedere se poi quale si concretizzerà. Ma è sempre divertente sapere che gli scout vengono qui in Svezia apposta per visionarmi. Ma è una cosa che non mi condiziona, succede ormai da diverso tempo. Ci sono abituato». Nabil Bahoui fa comunque capire che il suo addio non è una priorità, e nel suo futuro ci sarà ancora l’Aik Solna: «Non ho un torneo preferito. Se ci sarà una buona occasione perché no, ma prima deve essere l’AIK ad accettare le offerte. Poi starà a me decidere. Fino a quel momento, però, sarò professionista fino in fondo e farò di tutto per portare a vincere la mia squadra. Ho un contratto di un anno e mezzo con l’AIK e mi aspetto di rimanere qui. Ma qualcosa può accadere nel frattempo. Ci sono state talmente tante voci che ho smesso di tenerne conto».

La principale notizia emersa dalla conferenza stampa di Mancini pre Udinese-Inter è senza dubbio di calciomercato: a fine stagione si consumerà l’addio fra i nerazzurri e Lukas Podolski. Se fino a qualche settimana fa c’era ancora qualche dubbio, da poche ore il tutto è di fatto ufficiale. «In Italia abbiamo il vizio di non saper aspettare – ha confessato Mancini – non tutto può avvenire velocemente, soprattutto quando si passa da un paese ad un altro, da un club ad un altro. Lo stesso vale per Podolski che reputo un ottimo giocatore e un ottimo professionista. La sia situazione è poi un po’ diversa perché è in prestito e vuole tornare all’Arsenal. Così sarà». Podolski aveva già fatto capire in alcune recenti interviste di voler rimettersi in gioco all’Emirates Stadium e la società di corso Vittorio Emanuele lo accontenterà, alla luce di una mezza stagione tutt’altro che idilliaca. Mancini si è soffermato anche sul talento del Parma José Mauri, giovane argentino che lo stesso tecnico interista ha visionato da vicino domenica pomeriggio nel match del Tardini: «Ha qualità, lo conosco da tempo – confessa – può essere un’opzione come altre, probabilmente diventerà un giocatore da grande squadra».

Spinge per Paulo Dybala, fra i principali obiettivi per il calciomercato estivo. Dopo i contatti con gli agenti e la presenza di Mancini al Tardini per il match fra il Parma e il Palermo, il tecnico jesino avrebbe preso in mano la cornetta e chiamato direttamente l’ex Instituto. Lo jesino ha provato a sfoggiare tutto il suo charme, parlando al gioiello rosanero ed esternandogli il progetto futuro e la possibilità l’anno prossimo di giocare al fianco di Mauro Icardi a San Siro. Pare che lo stesso giovane sudamericano sia rimasto affascinato dal progetto ma nel contempo il ragazzo è conscio che a decidere sarà soprattutto Zamparini. Il patron del Palermo vuole almeno 40 milioni di euro, una cifra che attualmente l’Inter non sembrerebbe in grado di investire per un sol giocatore.

È reduce da due stagioni positive con la maglia del Genoa ed il suo nome inizia a circolare anche nelle liste della spesa dei club italiani più importanti. Tra questi c’è anche l’Inter, che nella prossima estate effettuerà diverse operazioni di calciomercato in entrata e pensa anche alla difesa, troppo traballante quest’anno. Il suo agente Diego Tavano ha così commentato le indiscrezioni sul difensore francese ai microfoni di EuropaCalcio.it:Credo siano normali queste voci, nel suo ruolo è uno dei migliori in Italia, ma ora come ora pensa solo al Genoa. Dall’estero Stoccarda, Anderlecht ed Olympiakos hanno bussato alla porta del Genoa già l’anno scorso con un’offerta ufficiale ritenuta però troppo bassa dalla dirigenza rossoblu. Sono grandi soddisfazioni per il ragazzo, ma il suo futuro è nelle mani del Genoa“. L’Inter dovrà battere concorrenza anche straniera per arrivare a De Maio, il cui prezzo comunque non dovrebbe superare i 7 milioni di euro.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori