AC Milan/ News: Muntari, l’addio e le scuse a Baresi e Maldini per quella fascia da dimenticare!

- La Redazione

Ac Milan news, l’addio di Muntari: il ghanese ha deciso di non giocare più visto che probabilmente non ci sarà nella prossima stagione rossonera. Un comportamento sicuramente irrispettoso.

muntari_inzaghi
Infophoto

E’ stata finalmente chiarita la mancata presenza di Sulley Muntari nella lista dei convocati del Milan in vista del match contro il Palermo. All’inizio si è pensato clamorosamente ad una scelta tecnica o ad un problema fisico da parte del centrocampista ghanese, ieri il suo agente Pastorello su Twitter ha invece chiarito la situazione: “Muntari ha chiesto di non essere convocato visto che non rientra nei piani della prossima stagione. Il Milan ha dato l’ok”. Sulley Muntari non giocherà più nel Milan in questa stagione, in estate andrà via e su di lui ci sono alcuni club di Premier League ma anche proposte dalla Mls. La situazione di Muntari aiuta a capire in maniera dettagliata l’attuale momento del Milan che è lontano parente della gloriosa squadra che vinceva tutto in Europa e nel Mondo. Ma qui non si tratta solo di un problema di rosa ma globale: perché Muntari, nel match contro la Juventus, ha indossato la fascia di capitano che per tanti anni è stata sul braccio di due colonne come Franco Baresi e Paolo Maldini. Ultimamente sembra che la scelta del capitano avvenga in maniera molto superficiale, perché Muntari non si è dimostrato all’altezza di indossare una fascia così storica e pesante in casa Milan. E non parliamo certamente dal punto di vista sportivo (c’è una differenza abissale tra i tre calciatori) ma soprattutto sotto l’aspetto morale. Un capitano del Milan non abbandona così la nave solo perché non rientra nei piani societari della prossima stagione: i tifosi del Milan sono delusi e adirati non solo con il giocatore (e con Inzaghi) ma anche con la società che ha permesso a Muntari di avere in primis la fascia di capitano e in secondo momento di rifiutare la convocazione. Il terzo atto, quello più elegante, sarebbe anche la rinuncia a parte dello stipendio. Da buon capitano.

(Claudio Ruggieri)



© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori