Calciomercato Napoli/ News, Carratelli: rinnovo Benitez? Ci vuole unità d’intenti. Hamsik ha deciso (esclusiva)

- int. Mimmo Carratelli

Calciomercato Napoli news, esclusiva con Mimmo Carratelli: il noto giornalista ha parlato del calciomercato partenopeo e in particolare della situazione-rinnovo per mister Benitez

duvan_hamsik
(dall'account Twitter ufficiale @sscnapoli)

Perdendo nell’ultimo week-end di campionato il Napoli ha probabilmente salutato la qualificazione in Champions League nella prossima stagione, a meno di un cammino trionfale in Europa League. E ad oggi non c’è ancora certezza riguardo il futuro di Rafa Benitez, tecnico iberico. Il noto giornalista Mimmo Carratelli ha parlato del calciomercato del Napoli in esclusiva per IlSussidiario.net.

Il Napoli contro la Roma ha praticamente perso la possibilità di giocare in Champions non crede? Penso di sì anche perché credo che sarà difficile poter vincere l’Europa League in questa stagione. Purtroppo il Napoli ha perso tanto terreno nei confronti della Lazio.

Una Lazio che corre troppo per questo Napoli… I biancocelesti hanno recuperato ben 16 punti in sette giornate al Napoli. Un dato di fatto che fa capire l’entità della rimonta da parte della Lazio.

Intanto sul fronte Benitez si attende solo il giorno del compleanno dello spagnolo (16 aprile)… Speriamo solo il mister e De Laurentiis non si vedano solo per gli auguri… Scherzi a parte, credo che entrambi debbano credere nel progetto del Napoli nella prossima stagione.

Cosa manca a questo Napoli? Sicuramente il centrocampo, mancano gli uomini adatti al gioco di Benitez, ovvero coloro in grado di contenere e ripartire allo stesso tempo.

La conferma di Benitez porterebbe l’addio di Hamsik? Non credo proprio, Hamsik ormai sta bene a Napoli, ha deciso di non andare via, si è accontentato non ha intenzione di puntare più in alto. Per questo non dirà sì ad un altro club importante.

La curva della Roma è stata squalificata per una giornata: che pensa di questo provvedimento? Io credo che gli attori morali, ovvero arbitro e giocatori, dovevano intervenire chiedendo la rimozione di quegli striscioni. Il calcio ha perso un’altra volta.

(Claudio Ruggieri)

© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori