Calciomercato Inter/ News, Ag.Pedro: Nerazzurri solo un’ipotesi Notizie al 9 aprile 2015 (aggiornamenti in diretta)

- La Redazione

Calciomercato Inter, nelle ultime settimane si è a lungo parlato della possibilità di vedere Pedro con la maglia nerazzurra. Ne ha parlato l’agente del calciatore blaugrana Antonio Sanz.

pedro_iniesta
Pedro (sinistra), 27 anni, 48 presenze e 16 gol con la nazionale maggiore spagnola (INFOPHOTO)

Tra gli obiettivi dell’Inter per la prossima stagione c’è sicuramente anche Pedro del Barcellona, attaccante spagnolo ormai chiuso in maglia blaugrana. Di questa ipotesi ha parlato l’agente del calciatore Antonio Sanz a FcInterNews.it: “Al momento smentisco che Roberto Mancini abbia chiamato il giocatore o abbia iniziato a parlare con noi. Il futuro di Pedro verrà discusso alla fine della stagione con la dirigenza del Barcellona. Non mi sbilancio, posso solo dire che l’Inter è un’ipotesi e niente di più al momento. Valuteremo l’offerta del Barcellona e poi prenderemo una decisione“.

Nelle ultime settimane era stato dato praticamente per fatto l’affare che avrebbe visto passare Jeremy Toulalan verso l’Inter. Oggi però sembra essere cambiato tutto e l’affare sfumare sul foto finish. Questo perchè secondo quanto appreso da TuttoMercatoWeb il centrocampista avrebbe rinnovato il suo contratto con il Monaco. Nonostante la cifra importante proposta dai nerazzurri pare che Toulalan abbia deciso di rimanere in Francia soprattutto per motivi familiari.

Fa sul serio per avere Widmer e Allan durante il calciomercato della prossima estate. In base alle indiscrezioni circolanti in queste ore in Indonesia, terra del presidente Erick Thohir, il club nerazzurro investirà 23 milioni di euro dei 60 messi a disposizione dal patron, per assicurarsi Silvan Widmer e Allan, rispettivamente terzino destro e centrocampista dell’Udinese. Ennesima conferma, quindi, circa l’interesse della società di corso Vittorio Emanuele per i due talenti dei friulani che in estate sembrerebbero destinati a fare le valigie per il definitivo salto di qualità. L’Inter dovrà comunque guardarsi da una forte concorrenza capitanata in particolare da Juventus, Fiorentina e Napoli, tre big della Serie A che seguono gli stessi obiettivi dei nerazzurri.

Tanti sondaggi in casa Inter in vista del calciomercato della prossima estate. Fra i principali obiettivi vi è un rinforzo per l’attacco, alla luce delle incertezze legate alla permanenza di Icardi e Palacio. Il nome caldo è quello di Pedro, che stando a quanto scrive stamane il Corriere dello Sport, avrebbe già detto sì ai nerazzurri dopo un recente incontro con il dt Ausilio. Ora bisognerà convincere il Barcellona che chiede 17 milioni di euro, una cifra ritenuta un po’ alta dai vertici di corso Vittorio Emanuele, che puntano invece a chiudere a 8/10 milioni di euro più bonus, per via del contratto in scadenza nel . Secondo l’Inter la volontà di Pedro di vestire la casacca meneghina sarà fondamentale per chiudere la trattativa. «La mia situazione è complicata – ha detto il nazionale iberico nelle scorse ore dopo la vittoria contro l’Almeria – l’ho sempre detto, vedremo quello che decideremo tutti insieme».

Continua a circolare l’indiscrezione circa un possibile ritorno ai vertici dell’Inter dell’ex presidente Massimo Moratti. Il noto petroliere vorrebbe riprendere in mano la compagine meneghina per riportarla ai vertici del calcio mondiale, dopo due stagioni di magra. Un’opzione accolta a braccia aperte da un grande ex nerazzurro come Sandro Mazzola, che stamane ha commentato il tutto ai microfoni de La Gazzetta dello Sport: «Moratti sarebbe accolto con sollievo dai più. Anzitutto perché alla famiglia sono legati tutti i nostri trionfi. Quindi è sinonimo di fiducia, dà garanzia di impegno e di comportamenti in linea con i sentimenti dei tifosi, non con i ragionamenti degli imprenditori. Moratti può davvero tornare? Mah, a volte si smentisce per necessità del momento… Ripeto, io mi auguro che riprenda in mano lui la situazione e porti a compimento, insieme con Mancini, un mercato serio. Non penso sia possibile cambiare 10, ma 5 giocatori veri servono. A centrocampo e in difesa. Salvo poi recuperare gente che sta rendendo assai meno di quanto vale. E quello sarà compito dell’allenatore, che è bravo e merita di continuare». Secondo Mazzola, il progetto di Erick Thohir è fin troppo confusionario, e a tutt’oggi l’ex calciatore non ha ancora capito quali siano i piani del tycoon indonesiano: «La gestione Thohir ha ancora troppi lati oscuri e troppi punti deboli – racconta Mazzola – In primis la confusione dei programmi: voi avete capito dove andiamo a parare, che squadra si intende costruire… Sento parlare di una squadra impostata su giovani come Icardi e Kovacic, poi però spuntano obbiettivi di mercato ultratrentenni come Touré». L’idea di Moratti è quella di costituire una cordata con l’altro ex presidente, Ernesto Pellegrini, composta da alcuni fondi americani e cinesi, e un nocciolo duro di 20/30 mila azionisti vip, in grandi di investire dai 1000 euro all’anno in su.

Il primo acquisto del calciomercato estivo di casa Inter sarà Petr Cech. Ne è convinto il quotidiano Corriere dello Sport, che parla di operazione ormai chiusa. Il club nerazzurro avrebbe in pugno il cartellino del nazionale ceco, che lascerà il Chelsea in estate con il benestare di Mourinho. Per l’esperto guardiano pronto un contratto da due anni con opzione per una terza stagione, e ovviamente la maglia da titolare. Cech andrà a rimpiazzare Samir Handanovic, che lascerà Appiano Gentile per trasferirsi in un club con cui giocare la Champions League. Il nazionale sloveno sta tentennando sul rinnovo (vuole 3 milioni contro i 2,5 offerti dai nerazzurri), in attesa che gli arrivi una proposta interessante.

Il rinnovo di Handanovic è legato al futuro tecnico dell’Inter. Il portiere sloveno infatti potrebbe decidere di rinnovare ma prima vorrà sentire il progetto in vista della prossima stagione nella speranza di poter lottare davvero per qualcosa di importante nella prossima stagione. Non sarà sicuramente facile o semplice per l’Inter mostrare il proprio progetto al portiere sloveno che ha diverse offerte dall’estero: su di lui infatti ci sarebbe il Liverpool pronto a mettere le mani sul forte portiere sloveno.

Il direttore dell’area tecnica dell’Inter, Piero Ausilio, fa sul serio per Paulo Dybala. Come scritto stamane da La Gazzetta dello Sport, martedì il dirigente meneghino ha incontrato l’entourage dell’attaccante del Palermo, attualmente a Milano. La squadra di corso Vittorio Emanuele ha quindi manifestato le proprie intenzioni concrete per assicurarsi il gioiello argentino, ma la Juventus resta la società attualmente in pole position per acquistare il suddetto. Il problema principale per le italiane sembrerebbe essere l’Arsenal, che rimane alla finestra e che potrebbe mettere sul piatto i famosi 40 milioni di euro richiesti da Maurizio Zamparini: se così fosse, addio Dybala…

Ha smentito di voler riacquistare l’Inter, ma in realtà, come sottolineato stamane nuovamente da La Gazzetta dello Sport, l’idea circola nelle mente del petroliere meneghino… e in quella di Ernesto Pellegrini. Proprio così perché sarebbero i due ex presidenti i due principali ideatori del nuovo piano per riacquistare la società di corso Vittorio Emanuele per riportarla in vetta al mondo. L’idea è quella di creare una sorta di azionariato popolare composto da 20/30 mila azionisti vip, coloro che sarebbero disposti a sborsare dai 1000 euro in su ogni anno, in cambio di benefit e di partecipare all’attività della società. Inoltre, si aggiungerebbero altri fondi di investitori stranieri, molto probabilmente cinesi e americani, per consolidare il tutto. Sia chiaro, Thohir non ha già mollato la barca, ma è logico che fino ad ora ha investito molto senza ottenere alcun riscontro, soprattutto sportivo.

E’ Yaya Tourè il grande sogno dell’Inter per la prossima sessione di calciomercato estivo, ma assiscurarselo sarà tutt’altro che semplice. I costi elevati dell’operazione e la volontà del Manchester City di trattenerlo rendono complicato riuscire a concludere un simile colpo. Roberto Mancini, dopo averlo allenato nei citizens, lo riaccoglierebbe volentieri anche a Milano ma non si sbilancia su un suo ipotetico acquisto: “Sarebbe un arrivo positivo per tutto il calcio italiano, anche se per il momento è un giocatore del City e non possiamo parlare di lui. La nostra serie A ha comunque bisogno di ritrovare i campioni e l’ivoriano sarebbe senza dubbio importante per tutto il movimento“. Queste le dichiarazioni equilibrate dell’allenatore nerazzurro ai microfoni di Sky Sport. Le possibilità che il fuoriclasse africano lasci Manchester ci sarebbero anche, i rapporti tra lui e il club non sono idilliaci come un tempo, ma è veramente complicato immaginarlo approdare in un’Inter senza coppe europee.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori