Calciomercato Inter/ News, Mancini: Icardi rimane, io lo stesso. Notizie all’1 maggio 2015 (aggiornamenti in diretta)

- La Redazione

Calciomercato Inter, il tecnico del club nerazzurro, Roberto Mancini, ha parlato ai microfoni del quotidiano La Repubblica stamane, soffermandosi sul futuro di Icardi e sul proprio

roberto_mancini_city_r400
Roberto Mancini, allenatore Inter (Infophoto)

Mauro Icardi non verrà sacrificato dall’Inter in occasione del calciomercato della prossima estate. Il club nerazzurro vuole proseguire a fare affidamento sull’attaccante argentino e lo stesso, Roberto Mancini. Questa mattina lo jesino ha rilasciato una lunga intervista ai microfoni de La Repubblica in cui ha si è soffermato proprio sul futuro dell’ex Sampdoria: «Icardi rimane? Certo. È migliorato molto e ha ancora margini. All’inizio non mi piaceva il suo atteggiamento nel lavoro, ma è cambiato e si vede». E al fianco di Icardi (che piace comunque moltissimo alle big inglesi, Chelsea in primis), ci sarà anche lo stesso Mancini: «Mi mancano la Champions e la lotta per lo scudetto – ha chiosato lo jesino – vorrei ritrovarle qui, e riscoprire il piacere di costruire una squadra vincente, come accadde dieci anni fa, e vederla crescere giorno dopo giorno. Rimango qui, certo: ormai la fesseria l’ho fatta, ah ah».

Il calciomercato estivo di casa Inter sarà scoppiettante, sulla falsa riga di quanto avvenuto lo scorso mese di gennaio. Ad annunciarlo, seppur in via indiretta, è stato l’allenatore nerazzurro Roberto Mancini, che quest’oggi ha rilasciato un’intervista ai microfoni del quotidiano La Repubblica. «Il presidente è carico e positivo – confessa lo jesino – è consapevole che per costruire una squadra ci vuole tempo e si deve passare attraverso momenti difficili. L’obbiettivo però sarà quello di partire per vincere lo scudetto, tutti devono metterselo in testa. Dopo aver parlato con Thohir sono fiducioso: costruirà una squadra per vincere nel tempo!». Per Mancini, serviranno giocatori di grandi qualità e nel contemporaneo di personalità, meglio se esterni: «All’Inter del futuro mancano giocatori che sappiano capire al volo le situazioni – ha proseguito Mancini – gente che parli, che guidi e che abbia una tecnica straordinaria. Non è un mistero che mi piacciano le ali veloci che creano superiorità, tipo David Silva». Infine un commento sul giovane talento Gnoukouri, lanciato un po’ a sorpresa in prima squadra proprio da Mancini: «Può diventare un grande giocatore – ammette – l’ho visto allenarsi con la prima squadra per la prima volta a novembre quando sono arrivato e non mi era piaciuto. L’ho rivisto al ‘Viareggio’ giocare una partita perfetta e l’ho fatto ritornare con noi, mi è piaciuto e l’ho lanciato in prima squadra».

In occasione del calciomercato della prossima estate, l’Inter darà vita ad un sacrificio per finanziare i colpi in ingresso e pagare i vari obblighi di riscatto. Al di la di Samir Handanovic, tutto fa pensare che uno fra Kovacic ed Hernanes lascerà sicuramente Appiano Gentile. Il Profeta sta vivendo un grande finale di stagione e sulle sue tracce vi è da tempo il Paris Saint Germain. E’ vero anche, però, che il talento della nazionale croata ha ben più ammiratori e soprattutto dalla sua cessione si potrebbero ricavare circa 30 milioni di euro, rispetto ai “soli” 20 derivanti dalla partenza dell’ex Lazio. Tutto dipenderà da cosa deciderà Mancini e dalle proposte che perverranno dalle parti di corso Vittorio Emanuele.

Nuovi contatti fra l’Inter e l’entourage di Samir Handanovic, per trattare il rinnovo del contratto dello stesso portiere. Il nazionale sloveno ha l’accordo in scadenza al 30 giugno del , e vorrebbe giocare la Champions League, ma come sottolineato nelle scorse ore dalla redazione di Sky Sport, attualmente non vi sarebbero proposte concrete per avere il nazionale sloveno, se non un approccio iniziale del Manchester United. Sullo sfondo rimane la Roma, che però attende la conclusione del campionato per capire se disputerà o meno la Champions League durante la prossima stagione. La cosa certa è che il rinnovo di Handanovic con l’Inter non è affatto da escludere a priori.

Sfrutterà l’incontro previsto domenica pomeriggio a San Siro contro il Chievo, per approfondire qualche argomento di calciomercato. Su tutti, c’è la questione riguardante il futuro di Zukanovic. Il terzino sinistro/difensore centrale di proprietà dei clivensi è finito sul taccuino del club di corso Vittorio Emanuele e pare che la stessa Inter abbia già presentato una proposta per un prestito con diritto/obbligo di riscatto fissato attorno ai 3 milioni di euro. Le due squadre ne parleranno concretamente fra due giorni, anche perché in ballo c’è anche il futuro di Schelotto, che potrebbe essere interamente girato al Chievo magari con l’aggiunta di un’altra contropartita.

Nella giornata di ieri è stato segnalato un ritorno di fiamma dell’Inter per Erick Lamela, in uscita dal Tottenham dopo che in queste due stagioni non è riuscito a convincere gli Spurs di aver fatto bene ad investire circa 30 milioni di euro per il suo acquisto dalla Roma. Il suo rendimento non ha convinto e per caratteristiche l’argentino non è sembrato adatto ad un campionato come la Premier League. Si è parlato pertanto di un possibile rientro in Serie A, dove Roberto Mancini sicuramente lo accoglierebbe volentieri seppur abbia in Xherdan Shaqiri un giocatore non tanto diverso da lui. Ma l’ex gioiello del River Plate ai microfoni di Fox Spots ha smentito ogni ipotesi l’ipotesi di calciomercato di lasciare Londra a fine stagione: “Certamente io mi vedo ancora qui. Certe domande stanno cominciando a diventare usuali, ma io al Tottenham sto davvero bene, e continuo a vedermi con questa maglia“.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori