Calciomercato Milan/ News, Berlusconi: sto cercando un investitore, con Inzaghi vedute diverse. Notizie al 18 maggio (aggiornamenti in diretta)

- La Redazione

Calciomercato Milan, il presidente rossonero Silvio Berlusconi, è tornato a parlare del futuro societario, presente oggi a Saronno in un Milan Club: ecco le sue dichiarazioni

Berlusconi_2_439x302
Silvio Berlusconi (Infophoto)

Torna a parlare il presidente del Milan, Silvio Berlusconi. Il numero uno rossonero si è presentato quest’oggi a Saronno, per il tour elettorale, facendo visita ad un Milan Club. Nell’occasione è stato intercettato dai cronisti presenti, e l’ex Premier è tornato a parlare del futuro societario: «Sto cercando di individuare un gruppo di possibili sostenitori del Milan che condividano con me la necessità di fare quei finanziamenti che sono necessari in questo momento nel calcio. Spero di riuscire a trovare qualcuno che possa portare avanti con me il Milan grazie a nuovi finanziamenti. Se così non sarà, andrò avanti io a fare il presidente e ho in mente un Milan tutto italiano. Io sono tra coloro che pensano che nel nostro calcio ci siano troppi stranieri». Poi Berlusconi ha proseguito: «Offerte? Ce ne sono diverse che testimoniano l’importanza del brand del Milan in Cina e in altri paesi. Le stiamo valutando, ma dobbiamo farlo con calma e prudenza perché sarà una scelta irreversibile. Dobbiamo trovare le persone giuste. Ci sono diverse offerte, ma non ne posso parlare, è meglio che restino segrete. Come far conciliare le trattative per la società e il mercato? E’ un problema che stiamo cercando di risolvere, magari con qualche finanziamento immediato. Un termine per la cessione? Non c’è una data precisa per prendere una decisione, stiamo cercando qualcuno che ci aiuti a contrastare i petrodollari». Infine un commento anche sul futuro di Inzaghi, che sembrerebbe ormai segnato, anche se Berlusconi non si sbilancia più di tanto: «Inzaghi? Ha certamente un bellissimo rapporto con il gruppo. Abbiamo però avuto visioni diverse in alcune occasioni, ma questo è un discorso che affronteremo al momento giusto. Allenatore? Vediamo, stiamo valutando cosa fare. Nomi? Ne parleremo più avanti».

Il nome di Carlo Ancelotti continua ad animare le cronache di calciomercato di casa Milan. Il club rossonero dirà addio ad Inzaghi a fine stagione per puntare su un tecnico di esperienza e di grande qualità. Se dovessero sbarcare gli investitori cinesi, a quel punto si punterà su un top coach, e l’ex tecnico sarebbe la prima scelta. Nelle scorse ore, poco prima della sfida contro l’Espanyol, Carletto ha parlato così: «Il mio futuro? Restano ancora due partite, poi vedremo». La sensazione circolante è che Ancelotti possa fare le valigie a fine campionato dopo l’eliminazione in Champions League per mano della Juventus: il Milan rimane alla finestra ma occhio anche al Manchester City.

Fra gli imprenditori ai vertici della cordata cinese che vuole acquistare il Milan vi è anche Richard Lee. L’uomo d’affari di Hong Kong, specializzato nella vendita di supercar italiane, era presente ieri all’Autodromo di Monza per la Mille Miglia. Nell’occasione è stato intercettato dai giornalisti del Corriere dello Sport, che prima si sono sentiti rispondere «Ci sono contratti di riservatezza firmati. Non può rilasciare dichiarazioni sull’argomento Milan». Insistendo, però, qualche parola il manager asiatico l’ha proferita: «Lo sanno tutti, amo le macchine: le Ferrari, ma anche le auto storiche. Berlusconi è un grande leader, spero di tornare in Italia». Sempre in base a quanto raccolto dal quotidiano romano, pare che negli scorsi giorni ci sia stato un nuovo incontro fra lo stesso Lee e il patron del Milan: le trattative proseguono.

Sarà “obbligato” ad aprire le porte agli investitori stranieri, altrimenti rischia il tracollo. E’ questo, in sintesi, il pensiero del noto Mario Sconcerti, opinionista di Sky Sport, che commentando la situazione dei rossoneri durante Terzo Tempo, ha ammesso: «Il Milan è una squadra abituata a non avere problemi di soldi è stata costruita con un abbondanza eccezionale. Se dovrà seguire le regole di tutti gli altri ci vorranno anni e anni per tornare al vertice, se invece avrà dei proprietari che comunque investiranno molto in due anni si potrebbe rifare una squadra da vertici europei». Il patron Berlusconi sta trattando in queste settimane con le due cordate, quelle capitanate da Mr Bee e da Richard Lee, e la sensazione circolante è che una delle due trattative possa essere portata a termine.

L’attaccante del Milan, Stephan El Shaarawy, potrebbe lasciare il club rossonero in occasione del calciomercato della prossima estate. L’attaccante del Diavolo è tornato in campo ieri pomeriggio, contro il Sassuolo, “festeggiando” la sua 100esima presenza con la maglia del club meneghino, e a fine match ha ammesso: «Se rimarrò? Penso di sì. Ora voglio recuperare, l’anno prossimo vedremo cosa fare». Del domani non vi è certezza quindi, e poche settimane fa il fratello/agente aveva aperto ad un possibile sbarco all’estero del Piccolo Faraone. Molto dipenderà dalle offerte che verranno recapitate in via Aldo Rossi ma anche dal prossimo allenatore e dal futuro societario: a tutt’oggi è solo un grande rebus.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori