Calciomercato Roma / News, Graziani: Doumbia è stato un errore, Destro si può rimotivare 16 e 15 luglio 2015 (analisi e commenti in diretta)

- La Redazione

Calciomercato Roma news: analisi e commenti in diretta 16 e 15 luglio 2015. Ciccio Graziani, grande ex attaccante giallorosso, ha parlato di Seydou Doumbia e Mattia Destro.

romero_rinvio
Sergio Romero, 28 anni, argentino (infophoto)

Ciccio Graziani, grande ex attaccante della Roma, si è così espresso su Seydou Doumbia ai microfoni di CentroSuonoSport: Si crea poche occasioni e quando gli è capitata l’ha sbagliata. E’ stato purtroppo un acquisto non azzeccato. Tutti pensavano potesse essere il giocatore giusto per l’area di rigore della Roma e così non è stato”. Gli è stato poi chiesto se Mattia Destro si può rimotivare: “Io penso di sì, ci mancherebbe. Le motivazioni per un giocatore sono importanti: devi sentire la fiducia dei tuoi compagni, dell’allenatore. Le motivazioni arrivano attraverso la fiducia, e se hai un allenatore con cui parli poco, ti confronti poco poi diventa più difficile essere motivati“.

Il Milan continua a insistere per Alessio Romagnoli, difensore che dopo un’ottima stagione alla Sampdoria è tornato a Roma dove è cresciuto. Ne ha parlato Iacopo Savelli a Rete Sport: “Si dice che la Roma abbia bisogno di soldi e che debba vendere giocatori a cifre irrisorie. L’aver rifiutato però 25 milioni di euro per Romagnoli dimostra il contrario esatto. Se i giallorossi avrebbero avuto bisogno di 25 milioni per Dzeko lo avrebbero già fatto. Non dico che il difensore deb ba essere ceduto però uno stopper è più facile da sostituire“.

L’allenatore del Manchester United, l’olandese Louis Van Gaal, ha parlato di Sergio Romero, portiere argentino tra gli obiettivi di calciomercato della Roma. Il manager dei Red Devils è rimasto sul vago indicando però un possibile snodo cruciale: “Non posso dire se verrà o no Romero perché non posso parlare delle strategie del club. L’ho già spiegato in passato. È possibile che arrivi un altro portiere così come è possibile che non arrivi, dipende tutto da De Gea. Se resta? Si sta allenando qui e lo sta facendo nel miglior modo possibile“. La Roma rimane alla finestra ma non troppo, consapevole di poter strappare a costo zero il portiere titolare della nazionale argentina. Per il momento la porta del Manchester United è occupata dallo spagnolo De Gea che però a quanto pare non ha ancora preso una decisione sul futuro (per lui si parla di Real Madrid per il dopo Casillas). 

Il calciomercato della Roma passa anche dalle cessioni, che anzi potrebbero avere un ruolo fondamentale per procedere ai prossimi sospirati acquisti. I rumors investono in particolar modo l’attacco, reparto in attesa di una bella mano di vernice: prima di acquistare Edin Dzeko bisognerà però ‘scrostare’ dalla rosa almeno uno tra Mattia Destro e Seydou Doumbia. Il giornalista Luca Valdiserri ha detto la sua opinione sull’argomento intervenendo sulle frequenze di Rete Sport. Queste le sue dichiarazioni riportate dal sito www.laroma24.it: “Sarei contento se venissero Dzeko, Romero e Baba. Preferisco una linea di continuità, non troppi acquisti e cessioni. Terrei Romagnoli perché oltre ad essere molto forte è un giocatore cresciuto nel vivaio ed è importante per le regole del Fair Play Finanziario. Destro a Roma ha concluso, se uno deve rimanere allora dico Doumbia, ma tocca vendere entrambi“. 

Interventuto sulle frequenze di “Centro Suono Sport” il giornalista Claudio Moroni ha prima tracciato un parallelo tra James Pallotta e l’ex presidente Rosella Sensi, per poi passare ad analizzare il momento del mercato della Roma, attualmente fermo in attesa di qualche cessione:”Pallotta sta facendo come in passato Rosella Sensi: matita e foglio di carta per fare i conti. Questo lo dico alle ‘vedove di Romagnoli’ che sento in giro. A 25 milioni io lo venderei di corsa. Se la sua cessione serve per arrivare a Dzeko, Romagnoli va venduto. Vorrei vedere tanti che parlano lavorare al posto di Sabatini…

Intercettato dalla trasmissione radiofonica di Rete Sport “Senti chi parla a…Rete Sport”, il giornalista Ugo Trani ha parlato delle prospettive di mercato della Roma, ha fatto il punto sulle probabili mosse di mercato che vedranno protagonisti i giallorossi, indicando fra le altre cose i 3 acquisti che sarebbero risultati a suo dire “ideali” per la formazione capitolina:”Se non gli danno i soldi di buonuscita Dzeko non si muove del City. Questa dirigenza preferiscono depistare. Secondo me loro si vogliono presentare con un acquisto a differenza di quello che dicono loro che si lavora sulle cessioni. Nel giro delle plusvalenze, su Destro ancora ancora ti puoi salvare, maDoumbia non le puoi ottenere proprio. Su Romero ho delle preoccupazioni perchè ci sono altre squadre. Per me comunque non è male prendere un portiere a zero, ha fatto una finale mondiale,una finale di coppa america ed e titolare della nazionale argentina. Non credo sia la prima scelta romero, lo prendono perché a zero. Io avrei preso Ryan.  I miei tre sarebbero Dzeko, Salah e Filipe Luis

Intervenuto durante la trasmissione radiofonica di Rete Sport “Senti chi parla a…Rete Sport”, il giornalista Daniele Lo Monaco ha parlato del mercato giallorosso, prendendo in esame in particolare l’operato del direttore Walter Sabatini:”Sabatini se quest’anno dovesse fallire andrà via lo stesso. Il mercato è fatto di tante possibilità, ma anche di trappole. Galliani cosa avrebbe dovuto fare che ha sbagliato i primi obiettivi di mercato“. Lo Monaco ha poi spento sul nascere l’entusiasmo dei tifosi che speravano di poter arrivare all’attaccante del Napoli Gonzalo Higuain:”La Roma oggi non è in grado di prendere uno come Higuain.

L’attaccante colombiano Salomon Rondon, obiettivo ‘alternativo’ della Roma in questo calciomercato, è uscito alla scoperto. Nell’intervista rilasciata alla radio venezuelana Deportiva 1300, il classe 1989 in forza allo Zenit San Pietroburgo (contratto fino al 2018) ha dichiarato: “E’ un periodo in cui ci sono tanti rumors, ma a me ancora nessuno ha detto niente. Di concreto insomma non c’è niente che non sia lo Zenit. Vivo questo momento con tranquillità e maturità aspettando ciò che succederà. In fondo, mi mancano ancora tre anni di contratto”. La Roma potrebbe tentare l’assalto a Rondon se l’operazione Dzeko dovesse fallire: la trattativa con il Manchester City potrebbe dilungarsi almeno fino a settimana prossima, quando le due squadre si affronteranno in amichevole nella tournée australiana. 

Il giornalista sportivo Stefano De Grandis ai microfoni di Sky Sport 24 ha parlato positivamente dell’eventuale arrivo di Edin Dzeko alla Roma: “È vero che la scorsa stagione Dzeko ha segnato poco con il City, ma è stato impiegato saltuariamente e davanti aveva una concorrenza spietata. Se con la Roma giocasse sempre, non avrebbe problemi a toccare quota 20 gol“. Il club capitolino è in forte pressing sul bomber bosniaco, ma l’accordo con il Manchester City tarda ancora ad arrivare. Ma si continua a trattare.Tra i portieri nel mirino dei giallorossi c’è di sicuro Sergio Romero, estremo difensore dell’Argentina e calciatore di grande esperienza. Ne ha parlato Alessandro Austini a Tele Radio Stereo: “La Roma non vuole creare una grande disparità tra gli stipendi di Sergio Romero e Morgan De Sanctis. L’argentino è molto vicino ai giallorossi e se arriverrà lo fara per essere titolare. Questa è una scelta che non mi convince, perchè si rischia di creare un dualismo. Credo che sia una fissa di Walter Sabatini quella di ritenere il portiere un ruolo marginale“.  Anche Fabio Parisi, agente ed intermediario di calciomercato, ha detto la sua sul caso Alessio Romagnoli. Il difensore classe 1995 è valutato 30 milioni dalla Roma che lo sta difendendo dagli attacchi del Milan, anche per monetizzare al massimo l’eventuale cessione. Ospite negli studi di SportItalia Parisi ha dichiarato: “Il Milan ha spostato gli obiettivi, concentrando ogni forza su Romagnoli. Non sarà un’impresa facile. La Roma crede che Romagnoli possa rappresentare il futuro. È un’operazione molto difficile, entrambe le parti dovranno gestirla bene. Conterà moltissimo la volontà del calciatore“. Le recenti sessioni di calciomercato ci hanno abituato a trasferimenti forzati dai giocatori implicati, chissà che anche Romagnoli non decida di uscire allo scoperto manifestando una ferma volontà di restare alla Roma o trasferirsi al Milan.   è sulla bocca di tutti perché è uno dei temi caldi del calciomercato. Come è noto, il giovane difensore appena rientrato alla Roma è nel mirino del Milan del suo ex allenatore Sinisa Mihajlovic e l’interesse di tifosi e appassionati è grande perché Alessio è potenzialmente uno dei più forti difensori italiani per i prossimi 10-15 anni. Su Romagnoli ha detto la sua anche uno dei nostri difensori più esperti, cioè Dario Dainelli del Chievo: “Romagnoli l’ho visto, è forte, ha qualità, è mancino, ha la stoffa per diventare un campione. La valutazione la fa il mercato, ma può fare benissimo e diventare un pilastro di Roma o Milan e della Nazionale”. Facile dunque capire perché sia diventato un tormentone del mercato 2015…  in entrata e Alessio Romagnoli in uscita sono due nomi caldissimi per il calciomercato della Roma. Il noto giornalista Roberto Renga ha detto la sua su entrambi intervenendo ai microfoni di Radio Radio. Piuttosto freddo sulle possibilità che l’argentino del Barcellona arrivi in Italia: “Oggi ho letto che la Roma vuole Mascherano quando il Barcellona non vende… parliamo di cose concrete, qui non c’è niente di concreto”. Renga invece è contrario all’ipotesi di un addio a Romagnoli, sempre inseguito da Mihajlovic: “Penso che la Roma con Romagnoli volesse fare un colpo tipo Marquinhos, ma il Milan non è il Psg. Prima di vendere Romagnoli vendessero i giocatori in esubero. Se vuoi essere una grande squadra i giovani forti non puoi cederli”.  Edin Dzeko è ormai diventato un tormentone di calciomercato. La Roma lo vuole acquistare ed è già d’accordo con lui, secondo le ultime news però il Manchester City non è intenzionato a fare sconti sul prezzo dell’attaccante bosniaco. Il giornalista di Sky Sport Fabrizio Romano ha fatto il punto della situazione ribadendo come i Citizens non vogliano abbassare il prezzo di Dzeko, a maggior ragione dopo la spesa folle per l’acquisto di Raheem Sterling dal Liverpool (68 milioni di euro). Nei prossimi giorni però -ha aggiunto Romano- la Roma farà un nuovo tentativo facendo leva sulla volontà del giocatore; Dzeko infatti sembra ben disposto verso il trasferimento in giallorosso, non solo per la questione economica ma anche perché in Italia tornerebbe ad essere titolare.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori