CALCIOMERCATO NAPOLI / News, Dassisti su Vargas: “Ora si è trasformato”. 4 Luglio 2015 (analisi e commenti in diretta)

Calciomercato Napoli, secondo l’agente Fabio Parisi non sarà così semplice per gli azzurri mettere le mani su Allan, centrocampista brasiliano classe 1991 di proprietà dell’Udinese

04.07.2015 - La Redazione
baselli_allan
Allan, centrocampista Udinese (Infophoto)

, giornalista di Radio24, è intervenuto A Radio Crc nella trasmissione “Si gonfia la rete” per parlare del calciomercato del Napoli e del ritrovato Vargas, impegnato in Coppa America con il suo Cile. L’attaccante potrebbe essere un nuovo acquisto per la squadra azzurra: La sua nazionale ha la grinta e l’orgoglio di vincere la Coppa America – ha affermato Dassisti – stasera di fronte c’è una Argentina che sta volando, può permettersi di tenere in panchina talenti come Tevez ed Higuain. Vargas si è trasformato, non si sente sotto pressione e sotto accusa. Vedo favorita l’Argentina, il Cile è stato avvantaggiato da decisioni arbitrali”.

L’ex tecnico e attuale opinionista Rai, Emiliano Mondonico, intervenuto ai microfoni di Radio Crc nella trasmissione “Si gonfia la rete”, è tornato a parlare del Napoli di Rafa Benitez: “Con lui i calciatori giocavano un po’ per i fatti loro, non avevano un equilibrio ed una guida invece Sarri è un allenatore maniacale soprattutto nella fase difensiva. Astori è un calciatore che se allenato nella maniera giusta può dare tanto”. 

Il giornalista di Sportmediaset Niccolò Ceccarini ha parlato del calciomercato del Napoli ai microfoni di Radio Kiss Kiss: Prima di lunedì non sarà chiara la situazione di Allan, bisogna capire la volontà di Inler e Britos riguardo il passaggio al Watford”. Su Mertens e Callejon: “Rimane, mentre Callejon è sempre più vicino all’Atletico Madrid. Per il resto bisogna stare attenti al Milan e alla situazione Ibra. L’Inter sta cercando un calciatore offensivo come Salah o Jovetic. La Roma sta cercando di prendere Dzeko, mentre la Juve potrebbe prendere Cuadrado in prestito dal Chelsea”.  

Il calciomercato del Napoli sta entrando nel vivo e il giornalista del Roma Giovanni Scotto ha detto la sua sulle trattative degli azzurri ai microfoni di Radio Kiss Kiss Napoli : “Il Napoli ha trovato l’accordo con l’Udinese e con Allan per portarlo a Napoli. Il problema potrebbero essere Inler e Britos che hanno preso un paio di giorni di tempo per decidere – spiega –  Lo svizzero sembra più propenso al trasferimento al Watford, mentre Britos preferirebbe una destinazione italiana. Comunque credo che l’affare è destinato a concludersi”. Lunedì potrebbe arrivare la tanto attesa fumata bianca ma non solo: “Potrebbe essere una giornata importante anche per Zapata che potrebbe andare proprio all’Udinese. Poi si parlerà con il Sassuolo per Vrsaljko”.

Il giornalista Michele Plastino, intervenuto a Radio Kiss Kiss Napoli a proposito dell’affare Allan, ha parlato dell’importanza di Britos e Inler nell’operazione: “I due giocatori  si sono resi conto di essere determinanti per la trattativa ed allora fanno pesare la loro posizione per ottenere dei vantaggi economici”. Dunque, soggetti e interessi differenti nelle trattative azzurre. Si tratta ad oltranza per limare le difficoltà e per chiudere le varie operazioni. Britos e Inler destinati ad una nuova avventura in Premier League al Watford di Gino Pizzo per sbloccare Allan.

Roberto Sosa è intervenuto ai microfoni di Radio Kiss Kiss per commentare il calciomercato del Napoli e l’arrivo del nuovo allenatore Maurizio Sarri: “Con lui i il Napoli migliorerà molto in fase difensiva a prescindere dagli acquisti – ha spiegato l’ex attaccante azzurro – i problemi del Napoli in questi anni non sono mai stati in avanti. Anche se dovessero partire Duvan ed anche Callejon, quello del Napoli resta comunque uno dei migliori attacchi della Serie A”. Su Valdifiori: “L’ho seguito molto e mi è sempre piaciuto. L’anno scorso ha fatto un ottimo campionato”. Infine un commento su Allan: “L’ho visto diverse volte anche da vicino e sarebbe un ottimo acquisto. I numeri che girano, però, mi sembrano un po’ esagerati”. 

Il giornalisto Furio Fedele, intervenuto a Radio Crc nella trasmissione ‘Si gonfila la rete’di Raffaele Auriemma, è convinto che il nuovo tecnico del Napoli Maurizio Sarri possa stupire anche sulla panchina degli azzurri: “Il mister ha il calcio nel suo DNA. Sarà un allenatore rivelazione e i giocatori devono essere convinti di voler restare al Napoli”. Su Allan: “E’ un buon giocatore ma bisognerebbe vederlo giocare al Napoli. Il club azzurro ha grandi ambizioni, peccato che non si disputerà la Champions League“. Infine un commento sull’arrivo di Reina: “E’ molto importante perchè il portiere è stato il punto debole degli azzurri nella scorsa stagione”.

Il nome di Allan è in cima alla lista dei desideri di calciomercato di casa Napoli. Il club partenopeo è alla ricerca di un innesto di qualità per il proprio centrocampo e lo avrebbe individuato proprio nel classe brasiliano di proprietà dell’Udinese. L’operazione sembra in dirittura d’arrivo, ma stando a quanto spiega il procuratore Fabio Parisi a Premium Sport, non sarà così semplice trovare la fumata bianca: «Allan è un obiettivo molto desiderato dal presidente De Laurentiis – ha spiegato – è un ottimo giocatore. Il problema è che le trattative con la famiglia Pozzo sono sempre molto complicate. Non credo che il Watford voglia prendere Inler, perchè ha appena preso due centrocampisti provenienti dalla Premier League».

Continua ad esserci il nome di Matteo Darmian in cima alla lista dei desideri di calciomercato di casa Napoli. Il club partenopeo vuole rinforzi per le corsie e starebbe pensando al nazionale azzurro di proprietà del Torino. Molti però quelli che storcono il naso di fronte alla valutazione del calciatore granata, ben 20 milioni, come sottolinea anche a Radio Kiss Kiss, Varriale: «Il centrocampo del Napoli sarebbe a posto con gli arrivi di Mirko Valdifiori e di Allan, poi verrebbe arretrato Marek Hamsik e con Jorginho dalla panchina sarebbe geometricamente valido. Servono due esterni sulle fasce difensive, l’arrivo di Vrsaljko secondo me non eliminerebbe la possibilità che possa arrivare anche Matteo Darmian. Le società italiane hanno un atteggiamento miope: vengono presi stranieri che non valgono il campionato italiano, poi i giocatori italiani hanno valori fuori da ogni logica. Certo Darmian ricopre un ruolo che sta diventando fondamentale, ma venti milioni sono una valutazione esagerata». Il giornalista della Rai Sport ha poi consigliato ai partenopei un innesto per la retroguardia: «Al Napoli servono difensori centrali bravi negli schemi e nelle ripartenze, magari anche di buon piede, purtroppo non ce ne sono tantissimi. Il Napoli deve trovare un centrale ed affrontare un problema che affligge una parte della squadra».

È vicino al suo terzo colpo ufficiale del calciomercato estivo 2015. Dopo Reina e Valdifiori è dato in arrivo a Castelvolturno Allan, centrocampista classe 1991 dell’Udinese. Con la società friulana è stata trovata un’intesa di questo tipo: 11 milioni di euro, più il prestito biennale di Zapata, più i cartellini di Inler e Britos. Un’operazione interessante che però non fa fare i salti di gioia a Mario Sconcerti, noto editorialista di Sky Sport e del Corriere della Sera, che parlando a Radio Marte nelle scorse ore ha ammesso: «Allan è un ottimo calciatore, ma non è colui il quale riuscirà a risolvere i problemi del centrocampo del Napoli. Comunque è cresciuto molto, ritornerà utile. E’ più forte di Behrami. Perotti? E’ più un calciatore da 4-3-3, è un alter ego di Mertens».

Il noto agente Andrea D’Amico è intervenuto ai microfoni della trasmissione Si Gonfia la Rete in onda su Radio Crc per commentare la strategia di calciomercato attuata dal Napoli voluta dal presidente Aurelio De Laurentiis: “Da tempo dicevo che bisognava riportare la struttura italiana negli spogliatoi del Napoli, il senso di appartenenza è importante. Sarri merita questa possibilità e sono fiducioso sul nuovo percorso del Napoli. E’ troppo presto per ragionare e per fare ipotesi, la continuità di una società è data dalla competenza di vendere bene e comprare meglio”. Aurelio De Laurentiis sembra aver abbandonato l’idea di un Napoli internazionale, puntando maggiormente sull’italianità della squadra. La scelta di Maurizio Sarri come allenatore va il tale direzione. I tifosi sono dubbiosi, ma sarà il campo a dare le risposte.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori