Calciomercato Milan/ News, C.Maldini: Romagnoli ha le qualità per fare bene. Notizie 11 e 10 agosto 2015 (analisi e commenti in diretta)

- La Redazione

Calciomercato Milan news, I rossoneri hanno acquistato ufficialmente il difensore Alessio Romagnoli, l’ex giocatore e allenatore milanista Cesare Maldini ha detto la sua opinione.

romagnoli_proteste
Alessio Romagnoli (Infophoto)

Il Milan ha acquistato Alessio Romagnoli dalla Roma per 25 milioni di euro, un investimento importante per un difensore centrale così giovane che ha una sola stagione da titolare alle spalle. Cesare Maldini, ex giocatore e allenatore rossonero, è stato interpellato dai microfoni di Tuttomercatoweb.com per esprimere la sua opinione su questo acquisto: “E’ un buonissimo giocatore, molto giovane. Ha le qualità per fare bene: viene in una squadra dove adesso si punta sui giovani in gamba. Per diventare bandiera ora giochi almeno dieci anni al Milan ma per adesso è un bel colpo in prospettiva. Ha tanti margini di miglioramento e di crescita, al Milan avrà spazio perché crede nei giovani di qualità“.

L’acquisto di Alessio Romagnoli ha di certo spostato le carte in tavola in casa Milan. Sinisa Mihajlovic ha finalmente un centrale in grado di dare spessore alla manovra e di cambiare con una sola mossa tutta la retroguardia. Del reparto ne ha parlato Marco Nosotti a Sky Sport 24: “Dalla difesa qualcuno deve uscire, verrà fatta almeno una cessione. Quello che al momento ha più mercato è Gabriel Paletta. L’ex Parma è destinato ad andare via, potrebbe anche andare in prestito e poi rientrare a Milano in un secondo momento. Con chi farà coppia Alessio Romangnoli? Philippe Mexes è stato voluto e riconfermato. Io ritengo che una coppia con il colombiano Cristian Zapata non sia una bestemmia tattica. E’ il leader della sua nazionale ed è uno dei più veloci in Italia nell’uno contro uno“.

E’ ora ufficiale l’arrivo di Alessio Romagnoli al Milan, il difensore ha firmato un contratto con la società rossonera fino al 2020 legandosi alla squadra per cinque anni. Ecco le parole di presentazione di Adriano Galliani che ha commentato l’affare come riportato dal sito ufficiale del club: “Benvenuto Alessio. Hai firmato con noi un contratto fino al trenta giugno del 2020 e siamo molto felici di averlo con noi. Sei un ragazzo e hai venti anni, proprio per questo pensiamo tu abbia tutto il tempo per diventare la nostra bandiera. Una di quelle che avvolgono bene il pallone come la tradizione dei grandi difensori rossoneri racconta, una di quelle che svettano alte a San Siro. Un forte abbraccio da parte di tutto il Milan“.

Il Milan ha completato l’acquisto di Alessio Romagnoli, difensore che andrà a rinforzare il reparto arretrato della squadra guidata da Sinisa Mihajlovic. Il tecnico serbo aveva fatto esplodere proprio il ragazzo quando lo guidava tra le fila della Sampdoria l’anno passato. ne ha parlato Fabrizio Biasin a TuttoMercatoWeb.com sottolineando che sia Galliani che Sabatini hanno cambiato le loro proposte per avvicinarsi alla volontà dell’altro e quindi chiudere questa agognata trattativa. Continua: “Ma chi ha fatto l’affare? Nell’immediato la Roma per questioni legate ai soldi, ma per il futuro chissà. Al momento possiamo riflettere sul fatto che il Milan deve trovare il nuovo Nesta. Se Romagnoli non si rivelerà un fenomeno dovrà essere bravo Galliani a rivenderlo a cifre importanti come ha fatto con El Shaarawy. Il mercato poi non lo fa più la società, ma Mihajlovic ha preso una posizione importante. Possono bastare ottanta milioni per irportare il Milan in zona Champions? No, almeno fino a quando non sarà preso un centrocampista in grado di produrre idee di gioco“.

L’arrivo di Alessio Romagnoli al Milan è l’argomento caldo del calciomercato di quest’oggi. I Rossoneri hanno investito ben 25 milioni, che a quanto pare verranno rateizzate in 5 anni, per il ventenne ex Sampdoria e sull’argomento è intervenuto Andrea Masala nel corso dello speciale sul mercato delle 14 in onda su Gazzetta Tv. Il giornalista della Rosea ha spiegato: “è doveroso che il Milan faccia queste operazioni, coi parametri zero si combina sempre zero…”. Masala, inviato di lungo corso delle faccende rossonere, ritiene inoltre che il Milan debba insistere sulla mediana: “Il centrocampista è più un’esigenza che una volontà, più che Ibra serve qualcuno che faccia girar palla. Io credo in Montolivo, però…”

Chiuso Romagnoli, il tormentone Ibrahimovic terrà probabilmente banco per il calciomercato del Milan fino alla fine di Agosto. Di lui ha parlato il connazionale Kennet Andersson in esclusiva per il sito Tuttomercatoweb.com. L’ex centrocampista del Bologna ha spiegato quanto non sia chiara la situazione che riguarda lo Svedese del Paris Saint Germain ma si auspica comunque un ritorno dell’attaccante nel nostro campionato: Non si capisce niente di questa storia: prima sembrava già fatto il suo ritorno al Milan, poi niente. E’ difficile da capire: a me piacerebbe rivederlo in Serie A, anche perché così il campionato tornerebbe ad essere importante da noi in Svezia”.

Il calciomercato del Milan ha finalmente risolto il tormentone estivo riguardante Alessio Romagnoli, atterrato poco fa a Linate. Il difensore ex Sampdoria è apparso molto felice e sorridente ed ha risposto ad alcune domande dei giornalisti, compresa una battuta sul numero 46 di Valentino Rossi, col desiderio di prendere la 13, rivelando che Mihajlovic lo voleva portare con sè già alla fine della stagione scorsa: “Il mister mi aveva detto che se ci fosse stata l’opportunità mi avrebbe portato con lui”. Marco Nosotti per Sky Sport lo ha anche stuzzicato sul nuovo ruolo da leader “da salvatore della patria” della retroguardia rossonera: “Devo essere tranquillo e cercare di dare il massimo”.

Romagnoli non è l’unico difensore con cui il Milan si è rinforzato durante il calciomercato estivo. In Rossonero è tornato anche Rodrigo Ely, l’italobrasiliano con un passato nelle giovanili del Milan ed appena riacquistato dopo l’esperienza di un anno all’Avellino, e di lui ha parlato l’ex Giovanni Lodetti, interpellato da Milan Channel: “Ely è una delle sorprese di questa estate, è un giovane che va visto a certi livelli e che va lasciato crescere”. Con Paletta in partenza e le incognite Zapata ed Alex, chissà che il giovane non possa insidiare la posizione di Mexes, con Mihajlovic che potrebbe proporre una coppia composta da Ely e Romagnoli.

Il Milan si è già rinforzato molto in questo calciomercato soprattutto dopo l’acquisto di Romagnoli ma potrebbe non bastare. L’esperto Marco, ospite a Sky Sport 24, ha parlato della necessità di prendere anche un centrocampista in grado di far possesso e magari impostare: “Verrebbe da dire che ci vorrebbe qualcuno che porti il pallone. Ci sono molte mezz’ali che si assomigliano, de Jong è una grande diga ma non è forse adattissimo nella ripartenza dell’azione. Ci vorrebbe un giocatore di grande qualità, anche perché Montolivo come sta? L’abbiamo visto molto in ritardo di condizione”. E se arrivasse Ibrahimovic? Qualcuno perderebbe il posto: “Ibra è Ibra, è efficacia, potenza, capacità di valorizzare i compagni. Certo adesso questa è una rosa coerente, in avanti si è speso tanto e chi starebbe fuori? Alla fine se rimarranno dei soldi e lui non sarà contento di rimanere al PSG si potrebbe fare. Credo se ne parlerà nei famosi giorni del Condor”.

Il Milan ha preso Alessio Romagnoli ora mancano solamente due tasselli per chiudere il quadro del calciomercato. L’obiettivo numero uno è un centrocampista con Axel Witsel in copertina, mentre in attacco il sogno si chiama Zlatan Ibrahimovic’. Ne ha parlato Luca Marchetti, noto giornalista di Sky Sport, ai microfoni di Calciomercato.it: “A questo punto il Milan aspetterà le ultime due settimane di mercato per cogliere delle opportunità. Non credo che in questo momento si possa puntare a Gundogan. Penso invece che il Milan aspetti di capire cosa accadrà a Zlatan Ibrahimovic’ al Paris Saint German. Deciderà se infoltire o meno il centrocampo. In teoria i registi ci sono e con Riccardo Montolivo e Nigel de Jong si possono anche avere diverse impostazioni in mezzo al campo”. Staremo a vedere come completerà il suo mercato il Milan e con che squadra partirà il nuovo tecnico Sinisa Mihajlovic pronto a riportare questa squadra come obiettivo minimo alla qualificazione in Champions League.

M’Baye Niang è fuori per un infortunio al piede destro e ne avrà per circa 3 mesi, l’operazione è andata bene ma servirà pazienza per rivederlo in campo. Intanto il suo agente Moussa N’Diaye è stato interpellato dalla redazione di Tuttomercatoweb.com per parlare della situazione del suo assistito: “Lo sento tutti i giorni e sta bene, l’operazione è andata bene e adesso valuteremo i progressi nelle prossime settimane. La cosa più importante adesso è che si rimetta il più in fretta possibile. Detto questo anche prima dell’infortunio nessuno del Milan ha preso in considerazione l’eventualità di cederlo. Il club punta su di lui e M’Baye vuole giocarsi le sue carte per un posto da titolare. L’infortunio non cambia nulla sulla strategia del Milan e sulla considerazione che ha del ragazzo. Sono pervenute delle offerte ma sono state rifiutate”. Sia la società di via Aldo Rossi che l’attaccantre francese sono d’accordo nel proseguire il loro rapporto senza considerare proposte che possono provenire dall’Italia o dall’estero. Si era parlato di un ritorno al Genoa, ma tutto è stato congelato.

Continuano le opinioni contrastanti a proposito della mossa di calciomercato del Milan di aggiudicarsi Alessio Romagnoli per la cifra di 25 milioni di euro più 3 di bonus. Della questione ha parlato anche Riccardo Gentile negli studi di Sky Sport 24, confrontandolo con Alessandro Nesta, anche lui passato dalla Capitale, via Lazio, ai Rossoneri: “Nesta aveva già dimostrato quando è arrivato al Milan, lui no. Bisogna capire se Mihajlovic è stato ottimista, Nesta era Nesta, per me è una cifra troppo alta. Dobbiamo fidarci di Mihajlovic, sarà interessante vedere il carattere del ragazzo”. L’allenatore serbo, dopo averlo avuto alla Samp, punta infatti tutto sul giovane ventenne che a Milano avrà il ruolo di leader del reparto arretrato.

Il Milan può dire di aver completato il proprio reparto difensivo con l’arrivo di Romagnoli in questo calciomercato. La pensa così l’ex Rossonero Giovanni Lodetti intervistato da Milan Channel a cui ha rivelato la necessità di prendere un regista e ha sottolineato l’importanza del rientro di Menez: Sono abbastanza contento del mercato rossonero. Con Romagnoli, i rossoneri hanno completato la difesa, anche se non bisogna dargli troppa pressione. Abbiamo bisogno di un centrocampista in grado di servire in maniera rapida gli attaccanti, ci serve un regista rapido. Ibrahimovic? Stiamo parlando sempre e solo di Ibra, ma non dobbiamo dimenticarci di Menez, che l’anno scorso ha fatto una grande stagione. Mihajlovic deve trovargli la posizione giusta in campo per essere utile alla squadra”.

Intervistato da Milan Channel ha parlato uno degli acquisti del calciomercato del Milan, ovvero Andrea Bertolacci. Il centrocampista ex Genoa ha analizzato la situazione rossonera facendo il punto sulla preparazione del nuovo allenatore Sinisa Mihajlovic: “Quando c’è un allenatore nuovo è normale che serva tempo. Il mister ci chiede il possesso palla e di scambiarci spesso le posizioni. Con il tempo impareremo al meglio tutti i meccanismi che vuole il mister. Mihajlovic è molto esigente, ci chiede grande intensità. Il calcio è diventato fisico e dinamico, quindi questa preparazione ci servirà molto”. Inevitabile un pensiero per il nuovo compagno: “Mihajlovic lo conosce molto bene, se l’ha voluto così fortemente è perché sa che potrà esserci molto utile. Noi faremo di tutto per farlo integrare il prima possibile, lo conosco dai tempi della Roma, è un grande acquisto”.

Il calciomercato del Milan sembra è in procinto di aggiungere il rinforzo difensivo tanto richiesto di Mihajlovic con l’arrivo di Alessio Romagnoli. Ma basterà ai Rossoneri? Mimmo Cugini, ospite durante lo speciale riguardante il calciomercato su Gazzetta Tv delle 14, ritiene che il giovane sia ancora una promessa e che il Milan abbia bisogno di un centrale già affermato: “E’ una grande promessa ma al momento è una promessa. Va rivisto in Europa e soprattutto non lo caricherei di troppe responsabilità. Fossi il Milan prenderei uno come Garay. Con lui al suo fianco Romagnoli potrebbe fare davvero bene”. Il giornalista della Rosea ripropone dunque un nome spuntato fuori nelle ultime settimane e sottolinea quanto l’ex Sampdoria sia ancora acerbo e non in grado di fare il salvatore della patria da leader difensivo per una squadra importante come quella di Berlusconi.

Il Milan, specie dopo l’arrrivo pressochè fatto di Romagnoli, ha speso molto in questo calciomercato estivo finora. Sull’argomento è intervenuto il giornalista di Sportitalia Michele Criscitiello nel suo editoriale per Tuttomercatoweb.com, puntando il dito contro gli investimenti della società rossonera: “E’ follia spendere circa 50 milioni per Romagnoli e Bertolacci. Su Bacca e Adriano ci siamo, 6 milioni in più o in meno non cambiano la vita del club, ma 50 milioni per un ex doriano e un ex genoano sono troppi. Il Milan non ha problemi di soldi, semplicemente ha un problema su come li investe. Parametri zero con contratti pluriennali e milionari, ora giovani di belle speranze pagati come fossero top player. C’è qualcosa che non torna. E un settore giovanile che non porta, con costanza, da troppo tempo un proprio ragazzo in prima squadra come pilastro del club. Galliani ha finanziato il mercato di Sabatini. Il Milan ha regalato Salah e Dzeko alla Roma, perché tra Romagnoli e Bertolacci, Walter Sabatini è andato a cena da Cipriani a Montecarlo con la carta di credito di Adriano”.

Ieri sera il Milan sembra aver messo fine al tormentone di calciomercato riguardante Alsessio Romagnoli. Al termine dell’incontro a Forte dei Marmi, sia Walter Sabatini che Adriano Galliani hanno rilasciato alcune dichiarazioni al riguardo. In particolare, come registrato da Sky Sport, l’amministratore delegato rossonero ha spiegato: “Aspettiamo che tutto sia concluso, il giocatore deve ancora fare le visite mediche, ma siamo molto, molto, molto vicini”. L’affare è quindi in dirittura d’arrivo e il calciatore, liberato dal ds giallorosso, potrebbe arrivare nelle prossime ore nel capoluogo lombardo per effettuare le consuete visite mediche e mettersi a disposizione di Mihajlovic nel più breve tempo possibile.

La trattativa riguardante Romagnoli ha tenuto a lungo col fiato sospeso il calciomercato del Milan ma il difensore sta ormai per vestire il rossonero dopo l’incontro positivo di ieri sera tra l’amministratore delegato Adriano Galliani e il direttore sportivo Walter Sabatini. Sulla Gazzetta dello Sport di questa mattina, il guru del mercato Carlo Laudisa analizza l’acquisto del giovane talento definendolo “un diamante grezzo” che dovrà essere in grado di confermarsi nell’immediato futuro dei prossimi anni se non vorrà portarsi dietro l’etichetta di mister 25 milioni (più bonus), da incompiuto. Il giornalista sottolinea inoltre la forza del neo tecnico Sinisa Mihajlovic pure in questo ambito, dato che la sua volontà è stata decisiva per spingere il patron Silvio Berlusconi a spendere una cifra del genere.

L’arrivo di Alessio Romagnoli al Milan è ormai certo. L’affare di calciomercato è stato confermato da Adriano Galliani e Walter Sabatini anche se non è ancora ufficiale. Questo l’ha commentato Furio Fedele ai microfoni di TuttoMercatoWeb.com: “Alessio Romagnoli è il secondo difensore più pagato dell’era di Silvio Berlusconi dietro ad Alessandro Nesta che nel 2001 è stato pagato 31 milioni di euro. Bisogna vedere poi quale sarà la resa in campo per trarne delle conclusioni. Penso che il mercato sia chiuso in difesa. Bisognerà cedere qualcuno però. L’unico che ha calciomercato in questo momento è il centrale che ha più quotazione insieme a Mexes e al giovane Ely, cioè Gabriel Paletta. La base d’asta parte da due milioni di euro. Alex e Zapata invece non sono in grande spolvero”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori