Calciomercato Roma/ News, Branco: Gerson come James Rodriguez Notizie 11 e 10 agosto 2015 (analisi e commenti in diretta)

- La Redazione

Calciomercato Roma news, l’ex giocatore brasiliano Branco ha espesso la sua opinione su Gerson, talento recentemente acquistato dal club giallorosso e paragonato a James Rodriguez.

sabatini_lanzini
Walter Sabatini, ds della Roma (Foto Infophoto)

L’ex giocatore brasiliano Branco ha espesso la sua opinione su Gerson, talento recentemente acquistato dalla Roma. Queste le sue dichiarazioni ai microfoni di Tuttomercatoweb.com: “E’ giovane,  ma ha un bel futuro davanti a sè. Ottimo sinistro, ha fisico e tecnica, sa andare in verticale. Ora la Roma deve dargli tempo di adattarsi. E’ una mezzapunta, come stile di gioco lo accosterei a James del Real Madrid“. L’ex stellina del Fluminense piaceva molto anche a Barcellona e Juventus, ma Walter Sabatini è riuscito a beffare le due illustri concorrenti.

La Roma a sorpresa sta effettuando una vera e propria rivoluzione in difesa. E’ partito Alessio Romagnoli e presto gli farà seguito Mapou Yanga-Mbiwa. In molti si interrogano su chi possa arrivare ora in giallorosso e tra questi c’è sicuramente il nome di un grande calciatore. Ne ha parlato Riccardo Angelini, meglio conosciuto come Galopeira. Ecco le sue parole a Tele Radio Stereo: “Mi sento di escludere operazioni tipo Garay dello Zenit Sanpietroburgo. Che fai lo prendi e lo metti come terzo? Ma allo stesso tempo escludo Andrea Ranocchia. Walter Sabatini sa come reagirebbe tutta la piazza romana all’acquisto così“.

La Roma ha ufficializzato la cessione di Alessio Romagnoli al Milan e presto farà lo stesso con Mapou Yanga-Mbiwa verso il Lione. Servono degli acquisti importanti per rinforzare il reparto arretrato che ora può contare su solamente due centrali. Ecco le parole di Gianluca Piacentini a Tele Radio Stereo: “Ora bisogna prendere un titolare in difesa. Un calciatore che sia almeno ai livelli di Manolas e Castan, hai davvero tante partite da giocare. Ti servono tre calciatori che possano giocare tranquillamente. In Italia non mi sembra che ci siano calciatori adatti da prendere. Se vai a comprare Andrea Ranocchia di certo non ti sei rinforzato“.

La Roma ha ceduto per una cifra davvero importante Alessio Romagnoli al Milan. Questo ha suscitato diversi commenti tra chi non lo voleva vedere ceduto dalla Roma e chi invece è contento della grande plusvalenza generata. Ne ha parlato Furio Focolari ai microfoni di Radio Radio durante la trasmissione Mattino Sport & News: “La vendita di Alessio Romagnoli non si capisce. Come è possibile che un ragazzino venga venduto a quelle cifre? Walter Sabatini è davvero un fenomeno“. I giallorossi sono alla ricerca anche di altri difensori, ne ha parlato Ubaldo Righetti a Tele Radio Stereo: “Alla Roma ora serve una prima scelta per il difensore centrale. Serve un giocatore di peso che possa fare il titolare“.

La Roma ha finalmente raggiunto l’accordo col Milan per il trasferimento di Alessio Romagnoli in questo calciomercato estivo. L’ormai ex difensore giallorosso è atterrato questa mattina all’areoporto di Linate dove ha risposto alle domande dei giornalisti che lo attendevano e non è mancata una battuta sul rapporto col vecchio allenatore Rudi Garcia. Il ventenne ha infatti rivelato: “Con lui c’era un buon rapporto, mi aveva detto che non voleva vendermi ma poi abbiamo preso strade diverse per altre ragioni”. Sulla faccenda aleggia l’ombra delle simpatie laziali di Romagnoli che inoltre sapeva già dell’interesse di Mihajlovic di “portarlo con lui” nella nuova destinazione del tecnico Serbo.

L’arrivo di Edin Dzeko ha messo il punto esclamativo sul calciomercato della Roma. Molti addetti ai lavori confidano nelle sue qualità di bomber e, dopo i paragondi con Batistuta, c’è chi si augura possa essere l’uomo giusto per la vittoria del campionato. Un grande ex attaccante giallorosso come Roberto Pruzzo ha detto la sua opinione al riguardo a Radio Radio Mattino Sport & News, in onda su Radio Radio, convinto che il Bosniaco possa fare davvero bene: “Dzeko ha la grande possibilità di lasciare un segno a Roma. Può essere il centravanti dello scudetto e io lo spero. Può fare la storia della Roma”. Se lo dice Pruzzo, c’è da fidarsi.

La Roma ha finalmente risolto la questione Romagnoli in questo calciomercato ma non tutti sono convinti di questa cessione. In esclusiva per Tuttomercatoweb.com, Paolo Giovannelli ha parlato della questione e pone anche qualche dubbio riguardo al centrocampo: “L’unico vero rammarico è non aver potuto tenere proprio Romagnoli. Era il difensore che poteva diventare punto fermo della squadra per dieci anni. E’ anche vero però che se serviva un sacrificio per arrivare a Dzeko, l’operazione era da fare. (La Roma) Sta facendo un bel mercato. Sento dire che il centrocampo della Roma potenzialmente è il più forte di tutti. De Rossi deve tornare a fare il De Rossi, Pjanic deve ritrovare continuità, poi occorrerà vedere se Strootman potrà tornare almeno al 90% della sua condizione. Ci sono insomma un po’ di incognite”.

Oltre i soliti noti Dzeko e Salah, la Roma sta per prendere, probabilmente in collaborazione col Barcellona, un giovane importante in questo calciomercato estivo. Parliamo di Gerson Santos da Silva, noto semplicemente come Gerson, centrocampista brasiliano che nella stagione scorsa alla Fluminense sembra aver stupito molti addetti ai lavori. Il diciottenne ha annunciato il suo approdo nella capitale nella giornata di domani attraverso il proprio profilo ufficiale su Twitter dicendosi molto felice: “Domani andrò in Italia per fare i test fisici e firmare con la Roma.. Felice per l’opportunità #ForzaRoma”. Staremo a vedere quale sarà l’impatto del classe ’97 ma, come abbiamo riportato ieri, lo stesso Mimmo Cugini della Gazzette ritiene che possa essere un crack per il nostro campionato.

Venduto Romagnoli, la Roma può avere in casa il colpo di calciomercato per la difesa. Se infatti potrebbe mancare numericamente qualcuno, i Giallorossi potranno comunque contare sul rinato Leandro Castan che, in un’intervista rilasciata a Diario de Sao Paulo, ha parlato dell’infortunio e del rapporto col club, come riporta Vocegiallorossa.it: “Avevo deciso di smettere. Chiesi alla Roma la rescissione contrattuale per tornare in Brasile e stare vicino alla mia famiglia. Il DS Sabatini me la negò dicendomi di pensarci un altro paio di settimane. Un giorno, ero seduto a casa sul divano, da solo, a guardare il campionato italiano e mi son detto che avrei potuto giocare altri sei-sette anni. Se fosse stato un altro team, mi sarei ritirato. Mi hanno impedito di rescindere, e avevo appena rinnovato il contratto con uno stipendio più alto e maggiori costi per il club. Non riesco a vedermi lontano da Roma. Ho un grande debito verso la società e i tifosi. Resterò a Roma al 100%. Almeno in questa stagione, anche se ho un contratto triennale. Ora sto cercando il ritmo partita. Non voglio tornare indietro. Il piano è quello di fare tre anni, e forse rinnovare”.

Milan o Roma? Chi avrà ragione su Alessio Romagnoli? I giallorossi hanno ceduto per una cifra importante il giovane al club rossonero, ma si pentiranno di questo? Sarà solo il tempo a dircelo. Questo è il concetto che analizza Massimiliano Palombella ai microfoni di Rete Sport: “Posso dire a oggi che avrà un’ottima carriera questo ragazzo. Vendendolo oggi a trenta milioni però il Milan lo ha stravalutato. Da un lato possiamo dire che i rossoneri non sono fessi e hanno intuito che Romagnoli è il nuovo Beckenbauer, ma possiamo anche sostenere l’esatto contrario. Fatto sta che la Roma fa una valutazione e il Milan un’altra. Il tempo poi ci dirà chi ha avuto ragione”. Fatto sta che il centrale è tornato ad abbracciare Sinisa Mihajlovic che l’aveva definitivamente lanciato nella Sampdoria l’anno scorso dopo che Rudi Garcia con la maglia della Roma l’aveva fatto esordire in Serie A utilizzandolo soprattutto sulla corsia mancina nella sua difesa a quattro.

Leandro Castan, difensore della Roma, ha concesso un’intervista a diariosp.br ed ha rivelato di aver avuto paura di doversi ritirare dal calcio nei mesi in cui ha avuto problemi di salute: “Sì, certo. Nel mese di gennaio, dopo l’intervento. Ho dovuto imparare di nuovo a camminare, a correre … Era tutto nuovo. C’era un rischio del 20% che non avrei potuto più scendere in campo”. Successivamente il brasiliano ha svelato nuovi dettagli: “Avevo deciso di smettere. Chiesi alla Roma la rescissione contrattuale per tornare in Brasile e stare vicino alla mia famiglia. Il DS Sabatini me la negò dicendomi di pensarci un altro paio di settimane. Un giorno, ero seduto a casa divano, da solo, a guardare il campionato italiano e mi son detto che avrei potuto giocare altri sei-sette anni. Così ho chiamato il medico e fissato l’intervento per l’inizio della settimana successiva. Se fosse stato un altro team, mi sarei ritirato. Mi hanno impedito di rescindere, e avevo appena rinnovato il contratto con uno stipendio più alto e maggiori costi per il club”.

Il calciomercato della Roma è stato condizionato dal tormentone col Milan riguardante Alessio Romagnoli ma finalmente sembra che il giovane possa vestire la maglia rossonera. Sull’operazione ha detto la sua opinione l’ex direttore generale Gian Paolo Montali, intervistato in esclusiva dal sito TuttoMercatoWeb.com: “La Roma sta facendo un mercato per vincere subito. E’ una scelta strategica: si sacrifica un giovane di prospettiva per arrivare ad altri obiettivi di prestigio. Il difensore già si distingueva nelle giovanili giallorosse, il suo nome era già conosciuto. Quindi non deve sorprendere. Poi il mercato è fatto così: il prezzo lo stabilisce la richiesta. Il Milan senza dubbio sta cominciando a pianificare anche il futuro”.

La Roma ha ormai praticamente ceduto Romagnoli al Milan ma questa mossa non rischia di indebolire i Giallorossi, anzi può solo far bene al calciomercato. La pensa così David Rossi che a Roma Radio spiega e ricorda quanti benefit economici siano derivati dalla cessione dei giocatori di cui la Roma possedeva il cartellino: “Romagnoli è roba di ieri sera ma si era capito bene o male che le cose sarebbero andate così. Non indugerò sul passato personale e sulle simpatie di Romagnoli… La Roma tra Bertolacci, Viviani, Pellegrini e Romagnoli incassa più di 50 milioni per quattro giocatori che l’anno scorso non erano nella rosa. E la Roma l’anno scorso è arrivata seconda. Con quei soldi abbiamo comprato Dzeko, Salah e Szczesny! Può mai essere un problema questo?!”.

Con la partenza di Alessio Romagnoli in direzione Milano e quella probabile di Yanga Mbiwa in direzione Lione, la Roma potrebbe tornare sul calciomercato alla ricerca di almeno un centrale di difesa. Il nome caldo delle ultime ore è quello del nerazzurro Andrea Ranocchia, capitano nell’ultima deludente annata ed ora chiuso dagli arrivi di Miranda e Murillo. Secondo Davide Stoppini, intervenuto telefonicamente nello speciale riguardante il mercato su Gazzetta Tv, l’operazione sarebbe fattibile perchè vesta il giallorosso, proprio a causa dei due Sudamericani. L’Inter inoltre per quel ruolo ha in organico già Juan Jesus e Andreolli, che rifiuta il trasferimento, e alla Roma potrebbe far comodo un centrale con esperienza nel nostro campionato.

La Roma, dopo i tormentoni riguardanti gli attaccanti e chiusa ormai la questione Romagnoli, potrebbe aggiungere un giocatore di prospettiva al proprio calciomercato. Parliamo del Brasiliano Gerson della Fluminense e su quest’ultimo ha detto la sua Mimmo Cugini, ospite nello speciale riguardante il calciomercato delle 14 su Gazzetta Tv. Il giornalista della Rosea avverte: “Attenzione a Gerson! Se in Italia si ambienterà è un crack”. Il classe ’97 sta facendo molto bene nella terra Natale e potrebbe approdare in giallorosso nonostante il forte interessamento del Barcellona col quale la Roma potrebbe raggiungere un accordo favorevole per entrambe le parti.

Gli arrivi dei nuovi due attaccanti in casa Roma tiene aperto il problema esuberi da risolvere prima della fine del calciomercato. Se Destro sembra essere destinato al Bologna e Doumbia probabilmente andrà all’estero, il grande acquisto della passata stagione Manuel Iturbe rimarrà nella Capitale, ma troverà spazio? Al riguardo si è espresso Maurizio Catalani per Rete Sport, ritenendo possibile un rilancio dell’Argentino in corso d’opera: “Credo che il povero Iturbe sia stato messo da una parte, l’arrivo di Salah va in questo senso. Ma ho visto giocatori importanti essere inutili tanto tempo poi dimostrare chi sono, se la Roma andrà bene anche lui ne risentirà positivamente”.

Acquistati Dzeko e Salah, la Roma è intenzionata ad aggiungere al proprio organico anche un terzino sinistro nel corso di questo calciomercato. Il nome circolante negli ultimi giorni è quello di Luca Digne del Paris Saint Germain e di lui ha parlato Gianluca Piacentini per Tele Radio Stereo. Il giornalista suggerisce la possibilità di aggiudicarsi il Francese tramite un prestito che potrebbe poi portarlo a rimanere nella Capitale: “La Roma sta prendendo forma, per il terzino sinistro sembra che ci siamo, la mancanza di ieri di Digne in panchina, nonostante fosse stato convocato, lo avvicina alla Roma. A quelle cifre così alte potremmo parlare di prestito oneroso semplice, poi però in un anno le cose possono cambiare e il giocatore potrebbe trovarsi bene a Roma e aiutare nella trattativa”.

Oltre ai tormentoni Salah e Dzeko, la Roma si è rinforzata anche per la porta in questo calciomercato. Dalla prossima stagione infatti, De Sanctis dovrà giocarsi il posto con Wojciech Szczesny che ha parlato della nuova avventura in un’intervista sulla Gazzetta dello Sport di questa mattina. Il portiere ex Arsenal parte con umiltà riguardo al ruolo da titolare: “Di sicuro ho ancora molto da fare per guadagnarmi il posto. Devo crescere e continuare in questo modo, in partita e in allenamento“. Il Polacco spiega le ragioni della sua scelta e parla del compagno Bosniaco, rivale in Inghilterra: “Questa squadra ha un gran potenziale, è il motivo per cui l’ho scelta…ho notato il carattere giusto per vincere trofei. (Dzeko) E’ un grande giocatore, la Roma è una squadra che ha ambizioni da scudetto e per vincere c’è bisogno di un centravanti di calibro mondiale, uno in grado di segnare 20 goal, creco che Edin possa farlo”.

Dopo i colpi di calciomercato della scorsa settimana, Edin Dzeko e Mohamed Salah, la Roma ha completato anche una cessione importante, Alessio Romagnoli. Il club giallorosso è ora alla ricerca di calciatori per completare il reparto. Di questo e altro ha parlato Walter Sabatini dopo l’incontro con Adriano Galliani: “Abbiamo un accordo con il Milan per Romagnoli che andrà solo formalizzato. Dzeko è un grande giocatore, ma io spero che il colpo più grande sia ancora in canna. Sono molto contento che la Roma abbia fatto questa operazione importante. Non è finito il nostro mercato. Non so se la Roma è più forte, anche perchè lo scorso anno tutti celebravano la Roma e poi non è andata come speravamo o almeno è successo in parte. Non voglio celebrare niente. Stiamo facendo un grande sforzo per rendere questa squadra competitiva. Più di questo non posso dire. Fiorentina-Salah? Non è una cosa che ci riguarda. La Fiorentina la rispettiamo, ma non è un nostro interlocutore“.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori