Calciomercato Napoli/ News, Giordano: Non cederei Koulibaly e Ghoulam. Notizie 17 e 16 agosto 2015 (analisi e commenti in diretta)

- La Redazione

Calciomercato Napoli news, analisi e commenti in diretta: Il giornalista Antonio Giordano ha parlato della situazione in casa partenopea menzionando anche giocatori come Koulibaly e Ghoulam.

glik_maksimovic
(INFOPHOTO)

, giornalista del Corriere dello Sport, è intervenuto ai microfoni di Radio Marte per parlare del calciomercato del Napoli: “Maksimovic è un calciatore di buon livello ma che ha appena 50 presenze in Serie A, si fanno paragoni con Romagnoli che però è di quattro anni più giovane. Koulibaly? Se arrivassero davvero 12 milioni ci penserei fino ad un certo punto, il francese è stato clamorosamente bocciato dopo essere stato esaltato nei primi mesi del campionato. Per me ha delle ottime doti, non capisco perchè altri giocatori dovrebbero valere il doppio di lui. Stesso discorso per Ghoulam, che ha bisogno di istruzioni dal punto di vista tattico ma che ha grandissime qualità, ci penserei benissimo prima di cederlo“.

Gli azzurri hanno fatto un mercato minimalista, senza andare a fare grandissimi colpi che spostassero l’attenzione dei media ma acquistando calciatori duttili e adatti al gioco del nuovo allenatore Maurizio Sarri. Ne ha parlato Vincenzo Pisacane, procuratore, ai microfoni di Radio Crc durante la trasmissione ”Si gonfia la rete”: “Il Napoli sta investendo in maniera molto oculata. Ritengo che sia giusto vendere e non solo comprare sul mercato. Inler a quanto sembra andrà via presto e probabilmente non sarà l’unico a lasciare la squadra. Il centrocampo con il brasiliano Allan e Mirko Valdifiori è ottimo e l’attacco non va assolutamente cambiato mentre la difesa è quella che preoccupa da qualche anno a questa parte. Un terzino importante e un centrale permetterebbero di essere un’antagonista per la Juventus e la Roma“.

Il mercato del Napoli non ha portato squilli di tromba, ma sicuramente ha mosso delle pedine che servivano per formare una squadra di alto livello. Ne ha parlato l’ex calciatore del Napoli Benito Carbone che ha parlato a ItaSportPress.it: “Cambiando modulo è normale che le punte esterne come Manolo Gabbiadini e Dres Mertens trovino delle difficoltà a trovare spazio nell’undici titolare di Maurizio Sarri. Il direttore sportivo Cristiano Giuntoli è un grande intenditore di calcio, ha sempre costruito squadre competitive con pochi soldi soldi a disposizione. Seguendo questa linea il Napoli può tornare finalmente grande e tornare a vincere“.

Sta ormai diventando un’altra telenovela, di dimensioni più ridotte rispetto a quella su Higuain e il suo eventuale rinnovo, ma comunque di proporzioni importanti. Per il difensore serbo del Torino Nikola Maksimovic, da tempo c’è l’interessamento di Giuntoli e società per relegare a Sarri un centrale affidabile nella nuova squadra del Napoli, ma le resistenze di Cairo e Petrachi sono ingenti. Secondo però Antonio Calliendo, storico procuratore e oggi presidente del Modena, ai microfoni di Radio Kiss Kiss durante Radio Goal, alla fine l’affare si farà. «Penso che l’operazione alla fine si farà, Cairo e De Laurentis si sono chiamati e credo che nei prossimi giorni il colpo verrà fatto». Secondo Calliendo il motivo per cui Cairo starebbe resistendo è per cercare di portare a casa una vicenda simile a quella Romagnoli tra Roma e Milan, ma esattamente per questo motivo alla fine molto probabilmente Maksimovic nella prossima stagione sarà al centro della difesa del Napoli.

Il direttore di Radio Crc Raffaele Auriemma ha parlato della situazione del difensore del Torino Maksimovic che piace molto al club campano. Queste le parole del giornalista campano: “Per Maksimovic il direttore sportivo Giuntoli ha già trovato l’accordo per un contratto da 2 milioni di euro a stagione. Il Torino ha chiuso le porte ma con un’offerta da 15 milioni di euro più cinque di bonus l’affare potrebbe chiudersi. Giuntoli vuole prima cedere Koulibaly al Southampton per poi dare l’assalto al giocatore belga. E il Torino ha già bloccato l’eventuale sostituto del difensore“.

Il vice-presidente del Palermo Guglielmo Micciché, intervistato da rotocalcio.org, ha parlato del presunto interessamento del Palermo per Edu Vargas del Napoli: “Vargas o Zarate non ci interessano, sono solo fantasie, i giocatori che stiamo seguendo sono i soliti, Araujo e Campbell, dobbiamo trovare il sostituto di Dybala che lo scorso anno ha siglato 13 gol“. Vargas è in uscita dal Napoli e su di lui ci sono soprattutto club stranieri pronti a prenderlo dal club di De Laurentiis.

Il noto procuratore italiano Vincenzo D’Ippolito, esperto di calcio sudamericano, ha parlato di Paulo Dybala rivelando un retroscena importante a Tuttosport: “Nel 2011 proposi Dybala a Inter, Napoli e Lazio, a quell’epoca costava solo 2 milioni di dollari. Senza presunzione ma sono stato il primo ad osservarlo e proporlo, ha qualità tecniche e caratteriali da grande campione“. Dybala è stato acquistato dalla Juventus per una cifra pari a 32 milioni di euro più otto di bonus. Il Napoli non ha voluto spendere tale cifra per l’ex giocatore del Palermo che ha già segnato il primo gol ufficiale con la maglia della Juventus nella Supercoppa Italiana contro la Lazio.

Il presidente del Torino Urbano Cairo è raggiante dopo la vittoria contro il Pescara per quattro a uno che permette ai granata di continuare l’avventura in Coppa Italia. A Sky Sport il numero uno granata parla dell’affare Maksimovic: “E’ chiuso, resta a Torino. I grandi giocatori me li tengo, l’offerta del Napoli di 12 milioni di euro più bonus è inadeguata, una squadra che ha un reale interesse per un giocatore fa offerte diverse. Mi dispiace per i tifosi del Napoli che tra l’altro mi sono simpatici”.

Il Napoli ha cambiato molto rispetto allo scorso anno, passato dal 4-2-3-1 di Rafà Benitez a un più attento 4-3-1-2 con l’arrivo di Maurizio Sarri. Per questo sono arrivati giocatori importanti in mezzo al campo come Mirko Valdifiori che dovrà prendere le redini del centrocampo o Allan chiamato a dare spessore muscolare al reparto. Dietro poi è tornato un portiere di carisma come Pepe Reina e un difensore di grande affidabilità come Vlad Chiriches. Del mercato ne ha parlato a Radio Kiss Kiss Napoli l’intermediario Giocondo Martorelli che ha sottolineato come la presenza di moltissimi calciatori nazionali dia alla squadra uno spessore davvero importante. Questi ha commentato: “La squadra già valida si è anche rinforzata, non escludo possano arrivare altri calciatiori. L’obiettivo deve essere provare a lottare per lo Scudetto anche se sarebbe fondamentale chiudere tra le prime tre per giocare la Champions League. Quest’anno sarà più dura visto che le milanesi sono tornate a investire sul serio”.

L’arrivo di Maurizio Sarri e la ricostruzione del Napoli hanno ridato entusiasmo a un ambiente che pareva minato nell’orogoglio. C’è grande voglia di fare e sono stati fatti acquisti mirati e intelligenti. Nonostante questo c’è chi torna a parlare della gestione passata come Umberto Chiariello, giornalista di Canale 21, che ha parlato tramite il suo profilo di Facebook: “Dres Mertens lo portò Riccarod Bigon ed è stato l’unico vero acquisto buono di una gestione disastrosa. Higuain  è stato il solito colpo di fortuna. Avevano già chiuso l’acquisto del bidone Leandro Damiao che non arrivà per mancato accordo sui diritti di immagine. De Laurentiis era in America e quando tornò si arrabbiò molto, aveva i soldi di Cavani da spendere. Higuain era un giocatore dell’Arsenal, ma i gunners si ritirarono forse non convinti dalle sue condizioni fisiche. La Juventus si era ritirata e allora De Laurentiis chiese chi era il migliore da prendere e Rafà rispose Higuain. Oggi si è rivelato un affare anche se all’epoca la cifra di 37 milioni più tre di bonus era uno sproposito“.

Il giornalista Raffaele Auriemma, nell’editoriale su Tuttomercatoweb, ha parlato del calciomercato del Napoli, soffermandosi in particolare sul nuovo tecnico Maurizio Sarri e su Dries Mertens, accostato all’Inter nelle ultime ore. Secondo Auriemma “Il rude, severo, meticoloso, ma apprezzabile tecnico tosco-napoletano merita di ricevere la credibilità che i tifosi del Napoli gli stanno tributando”. Secondo Auriemma Sarri ha conquistato tutti i tifosi napoletani, “anche quelli che distratti dal nome roboante, non avevano capito che dietro quei trofei sbandierati dopo ogni sconfitta delle ultime due stagioni, c’era poc’altro” (chiaro riferimento alla precedente gestione di Rafa Benitez). Su Mertens, Auriemma ha sottolineato come “sarebbe un sacrilegio tenere fuori l’uomo più in forma, che sta dimostrando con i fatti non solo di meritare il posto da titolare, ma soprattutto di volere ancora il Napoli, nonostante certe sirene stonate provenienti dal capoluogo lombardo”.

Tra i calciatori pronti a partire in questi ultimi giorni di calciomercato c’è sicuramente Camilo Zuniga, terzino colombiano che è un po’ finito ai margini della rosa. Del suo futuro di calciomercato ha parlato l’ex attaccante colombiano Faustino Asprilla ai microfoni di FirenzeViola.it: “Quando un calciatore ha avuto dei problemi fisici non è facile per il resto della squadra aspettarlo. Gli altri si allenano e fanno vedere le loro qualità ogni singolo giorno. Per questo forse è uscito dai radar del Napoli. In un’altra squadra potrebbe giocare molto di più. E’ giovane e ha avuto problemi fisici, ma ora potrebbe far bene con la maglia della Fiorentina. Per lui però l’importante è giocare e dovunque vada lo dovrà fare. Ha bisogno di minutaggio e di scendere in campo. Gli serve una squadra che creda in lui“.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori