Calciomercato Juventus/ News, pres. Olympique Marsiglia: abbiamo trattato Zaza. Notizie 3 settembre 2015 (aggiornamenti in diretta)

- La Redazione

Calciomercato Juventus news, notizie 3 settembre 2015 aggiornamenti in diretta: il presidente dell’Olympique Marsiglia ha parlato dell’operazione fallita per arrivare a Simone Zaza

immobile_zaza
(INFOPHOTO)

La Juventus ha chiuso con l’Olympique Marsiglia l’operazione di calciomercato che ha portato Mario Lemina in bianconero e, allo stesso tempo, Mauricio Isla e Paolo De Ceglie a giocare al Vélodrome. Oggi però è arrivata un’indiscrezione da parte di Vincent Labrune, presidente del club francese, che ha parlato a Le Parisien rivelando di aver seguito anche Simone Zaza: “Lo abbiamo trattato” ha detto “pensavamo che avrebbe potuto migliorare il nostro gruppo”. Labrune ha detto di essersi confrontato con la dirigenza bianconera circa l’eventualità di un prestito, ma di aver virato su altre operazioni perchè “Michel mi ha chiesto di prendere Isla, De Ceglie e Rolando e lo abbiamo accontentato, perciò per l’attaccante abbiamo deciso di rivolgerci al calciomercato francese”.

Nel corso della conferenza stampa di ieri, Beppe Marotta ha rivelato come la Juventus abbia cercato alcuni giocatori sul calciomercato estivo, ma che le trattative sono rimaste sottotraccia e nascoste alla stampa. Non solo Marek Hamsik: anche Javier Matias Pastore, ex del Palermo e oggi al Paris Saint-Germain, è stato un obiettivo dei bianconeri. Lo ha rivelato lui stesso parlando a L’Equipe, e dicendo di essere stato avvicinato alla Juventus; “mi hanno fatto una proposta di ingaggio ma io ho subito rifiutato, sto bene a Parigi e voglio continuare qui. Inoltre” ha proseguito il trequartista argentino “il PSG non ha alcuna intenzione di cedermi”. Se ne potrà eventualmente riparlare a gennaio o a giugno?

Il nome di Paul Pogba tornerà ben presto ad animare le cronache di calciomercato di casa Juventus. Il centrocampista della nazionale francese è rimasto a Torino nonostante le molteplici voci, e ieri l’ad Beppe Marotta ha svelato di aver ricevuto alcune offerte monstre proprio per l’ex United. Nel contempo il manager bianconero ha fatto il prezzo dello stesso Pogba, più di 100 milioni di euro. Le big inglesi hanno già drizzato le antenne, a cominciare dal Manchester City, squadra che di certo non ha problemi ad investire enorme liquidità sul mercato. A gennaio, o molto più probabilmente a giugno, i Citizens potrebbero recapitare una proposta shock in corso Galileo Ferraris anche se la squadra di Pellegrini dovrà vedersela con una concorrenza agguerrita capitanata dal Chelsea e senza dimenticarsi del Barcellona, che dal prossimo anno potrà tornare a fare mercato dopo il blocco della Uefa.

È uno dei tanti volti nuovi della Juventus firmata 2015-2016. Il club bianconero si è assicurato l’esterno d’attacco della nazionale colombiana durante lo scorso calciomercato estivo, chiudendo con il Chelsea un’operazione con la formula del prestito con diritto di riscatto. Stando a quanto scritto stamane dai colleghi della redazione di Calciomercato.com, difficilmente l’ex calciatore della Fiorentina rimetterà piede a Londra visto che José Mourinho ha fatto sapere che anche in caso di stagione eccezionale il giocatore non verrà riaccolto allo Stamford Bridge. Sembra quindi scontato a questo punto il riscatto da parte della Vecchia Signora in cambio di un assegno da 20 milioni di euro, anche se molto, ovviamente, dipenderà dal campionato che vivrà lo stesso colombiano.

Ha cambiato molto durante il recente calciomercato estivo 2015. Il club bianconero ha ceduto giocatori fondamentali nelle passate stagioni, leggasi Pirlo, Tevez, Vidal e Llorente, con l’aggiunta della cessione del talentuoso Coman. Nel contempo sono arrivati calciatori di qualità come Dybala, Mandzukic, Hernanes e molti altri ancora. Una vera e propria rivoluzione che è stata accolta in maniera positiva da un ex bianconero doc come David Trezeguet. L’ex attaccante della Vecchia Signora è stato intervistato stamane dal quotidiano La Stampa: «Era il momento giusto per cambiare ma ora c’è bisogno di tempo, sapendo che alla Juve nei ha sempre poco… La società è molto fiduciosa, la squadra è competitiva e si riprenderà fin dal Chievo. Dopo quattro anni in cui si è solo vinto, qualche sconfitta può servire molto. Sarà un campionato più bello ed equilibrato. Roma e Inter hanno fatto bei colpi, ma alla fine vincerà ancora la Juve».

La Juventus ha tenuto duro ed ha deciso di rimandare al mittente le offerte presentate durante la sessione di calciomercato estiva per Paul Pogba. Dopo aver ceduto Pirlo, Tevez, Vidal e Llorente, in corso Galileo Ferraris non se la sono sentiti di perdere anche la star transalpina, nonostante un’offerta da 100 milioni di euro, come svelato ieri dall’ad bianconero Beppe Marotta. Stando a quanto analizza stamane il quotidiano L’Equipe, la proposta shock di cui sopra porterebbe la firma del Chelsea. Pare infatti che il tecnico dei Blues, José Mourinho, abbia contattato direttamente Pogba lo scorso 27 agosto, proponendogli appunto il trasferimento allo Stamford Bridge con annesso ingaggio da record. Niente da fare però perché sia la Juventus quanto lo stesso centrocampista transalpino hanno rimandato al mittente la proposta.

Fra i colpi sfumati di questo caldo calciomercato estivo 2015 vi è senza dubbio il mancato arrivo di Julian Draxler alla Juventus. Il club bianconero, nonostante smentite di rito, ha trattato l’ex calciatore dello Schalke 04 prima che lo stesso si accasasse fra le fila del Wolfsburg. Un’operazione che è però svanita dopo che la stessa società della Volkswagen ha offerto di più rispetto all’ultima proposta della Juventus che comunque era molto elevata. Spiega tutto attraverso le colonne di Tuttomercatoweb il giornalista di Sky Sport Luca Marchetti: «Draxler la Juventus l’ha trattato eccome. Non era convinta non tanto di prenderlo quanto di pagarlo così tanto. Ha cercato fino all’ultimo di tirare sul prezzo. Finché non è arrivato un altro pretendente e gliel’ha portato via. La Juventus era arrivata a 26 mln piu 6 di bonus. Se non ci fosse stato il Wolfsburg forse ora vedremmo Draxler con la maglia bianconera. Se la Juventus avesse offerto quella cifra una settimana prima, forse ora vedremmo Draxler con la maglia bianconera».

Ha provato ad acquistare Marek Hamsik durante la scorsa sessione di calciomercato. Alla ricerca di un innesto di qualità per la trequarti, il club bianconero ha tentato il colpaccio, contattato De Laurentiis per avere il capitano del Napoli. La conferma l’ha data l’ad dello stesso club bianconero, Beppe Marotta, nella giornata di ieri. La redazione di Goal.com analizza nel dettaglio la trattativa, svelando a quanto ammontava la richiesta degli azzurri per il proprio giocatore, ben 50 milioni di euro. L’offerta della Vecchia Signora era pari a 30 milioni cash ma il numero uno del Napoli, forse provocatoriamente, ha rilanciato con il cartellino di Sturaro, il prestito di Rugani e il 25% dei ricavi su una futura vendita del nazionale slovacco. La Juventus si è a quel punto spaventata ed ha deciso di fare un passo indietro.

Ha concluso il calciomercato estivo 2015 con l’acquisto di Hernanes. Il centrocampista brasiliano ex Inter è stato pagato 11 milioni di euro, e la dirigenza bianconera ha così individuato il calciatore offensivo che da tempo voleva Allegri. Il Profeta non sarà giovane e in rampa di lancio come Draxler, ma potrebbe rivelarsi una pedina importante per lo scacchiere dei campioni d’Italia in carica, soprattutto se lo stesso tornasse ai fasti di due anni fa, quando giocava con la Lazio. Ne è convinto il noto esperto di mercato Alfredo Pedullà, che attraverso le pagine del proprio sito web scrive: «Hernanes ha sempre dimostrato di essere un ottimo centrocampista, l’Inter lo aveva strappato alla Lazio per circa 20 milioni senza aver avuto un ritorno all’altezza del grosso investimento fatto. Ma la cessione nell’ultimo giorno di mercato è stata intelligente da parte dell’Inter, perché ha consentito di incassare in abbondante doppia cifra. Adesso c’è un Profeta per la Juve, sperando che sia quello capace di trasformare la Lazio. E dunque in grado di dare una mano d’aiuto importante a Max Allegri».

Torna a parlare l’allenatore della Juventus, Massimiliano Allegri. Il tecnico bianconero è stato ieri a Nyon, per l’incontro con gli allenatori della Champions League, e nell’occasione ha rilasciato qualche dichiarazione ai giornalisti presenti. Si comincia con il parlare di Pogba e del volto nuovo Hernanes: «Paul è eccezionale, mai dubitato che rimanesse – ha svelato il Conte Max – Sono contento che sia rimasto, può migliorare ancora. Hernanes ci porterà i gol su punizione». Un bilancio sul mercato estivo del 2015, che ha fatto storcere il naso a diversi addetti ai lavori e tifosi per via delle cessioni dolorose: «Ho un’ottima rosa su cui lavorare – ha proseguito Allegri – la società ha raggiunto quanto si era riproposta a inizio estate andando a cambiare diversi elementi. Quando si rinnova è normale avere problemi ma abbiamo una rosa competitiva per tutti i fronti. Coi rientri di Khedira e Marchisio andremo a completare il centrocampo». Poi l’ex allenatore di Milan e Cagliari ha concluso così: «Sentivo mia anche la squadra dell’anno scorso: sono andati via giocatori importanti ma ne sono arrivati altri di qualità. Abbiamo cominciato male e questo deve spingerci a fare di più».

, amministratore delegato e direttore generale della Juventus, nella conferenza stampa di ieri ha confermato la notizia di calciomercato data da Aurelio De Laurentiis relativa all’interessamento dei bianconeri per Marek Hamsik nell’ultima sessione della campagna acquisti. Queste le sue dichiarazioni: “Con De Laurentiis abbiamo parlato per oltre un mese. I profili potrebbero essere anche di più, ci sono nomi che non sono neanche usciti, erano obiettivi molto alti. Hamsik faceva al caso nostro, lui conosce l’Italia e sa cosa vuole dire guadagnarsi dei punti. Il giocatore straniero invece ha bisogno di più tempo. Costruire una squadra con giocatori cresciuti in Italia è un vantaggio“. Il forte centrocampista slovacco, però, è stato blindato dal Napoli che non intende privarsi del proprio capitano. Hamsik è uno degli elementi più importanti della squadra di Maurizio Sarri.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori