Calciomercato Inter/ News, agente Handanovic: settembre-ottobre per il rinnovo. Notizie al 4 settembre (aggiornamenti in diretta)

- La Redazione

Calciomercato Inter news: l’agente di Samir Handanovic ha parlato del rinnovo del contratto del suo assistito, una trattativa che potrebbe concretizzarsi tra settembre ed ottobre

vidic_handanovic
Samir Handanovic, 31 anni, in uscita bassa (INFOPHOTO)

Ha cominciato la sua quarta stagione con la maglia dell’Inter. Il portiere sloveno sembra uno dei candidati forti a lasciare la squadra nell’ultima estate, per finanziare il calciomercato in entrata dell’Inter ma anche per inseguire ambizioni personali (su tutte la Champions League). Invece Handanovic è rimasto ed entro breve tempo dovrebbe sottoscrivere il rinnovo di contratto con i nerazzurri. Lo ha confermato il suo agente Federico Pastorello, contattato in esclusiva dal sito fcinternews.it. Queste le dichiarazioni del procuratore: “Non abbiamo ancora una data precisa per l’annuncio, perché con l’Inter non è stato fissato ancora un appuntamento. In ogni caso non ci saranno problemi: a settembre o, al più tardi, a ottobre tutto verrà concordato. Possibile un rinnovo triennale, ma non escludo anche un quadriennale“.

Il calciomercato estivo 2015 di casa Inter è stato positivo. Parole di Paolo Bonolis, noto conduttore tv Mediaset nonché tifosissimo della compagine con sede in corso Vittorio Emanuele. Lo showman è stato intervistato stamane dal quotidiano Tuttosport: «È stato un buon mercato – spiega il conduttore – ma nello stesso tempo è stato un mercato che ha dichiarato gli intenti di costruzione della squadra da parte di Mancini, secondo me. Ovvero una squadra fisica, che possa giocare con il 4-2-3-1, una squadra che presume possa mettere l’avversario negli ultimi 30 metri e giocare lì la partita tenendo una difesa molto alta». Un’Inter che ha comprato molto ma che ha ceduto anche dei pezzi pregiati come i due centrocampisti Hernanes e Kovacic: «A me Hernanes piaceva – prosegue Bonolis – anche perché a questo punto l’Inter ha creato una squadra tutta sulla forza fisica con una fantasia circoscritta a due attaccanti, Jovetic e Ljajic. Abbiamo dato via Kovacic, era rimasto Hernanes, è andato via anche lui e gli auguro faccia bene, non sono di quei tifosi che portano rancore». Secondo Bonolis grazie al mercato, l’Inter potrà lottare per i vertici della Serie A, con la speranza di chiudere la stagione con il tanto atteso ritorno in Champions League: «Credo che l’Inter – conclude – abbia a tutti gli effetti una squadra per realizzare l’obiettivo che si era prefissa prima di iniziare questo campionato, cioè arrivare nei primi 3 posti. Può farlo, ma possono farlo anche altre squadre altrettanto forti. Si tratta di realizzare una concreta possibilità, non una certezza».

Non si è ancora risolto il caso di calciomercato con protagonista l’ex attaccante dell’Inter, Ricky Alvarez. L’esterno argentino è stato ceduto dai nerazzurri al Sunderland con la formula del prestito con obbligo di riscatto in caso di salvezza degli stessi inglesi. Peccato però che i Black Cats non vogliano sottostare ai patti e le due società si sono di conseguenza rivolte alla Fifa. In attesa che la Federazione pronunci la propria sentenza, sulle tracce di Ricky Alvarez si sono messe una serie di società argentine fra cui in particolare il River Plate. Stando a quanto sottolineato in queste ore dalla redazione di Tuttomercatoweb pare che a spingere per lo sbarco fra le fila dei Milionairos da parte di Alvarez vi sia Paulo Dolce, ex personale trainer proprio dell’attaccante, nonché attuale vice dell’allenatore Gallardo.

Sono diversi i giocatori che sono sbarcati in casa Inter in occasione del recente calciomercato estivo 2015. Fra questi anche Martin Montoya, terzino destro che il club di corso Vittorio Emanuele ha accolto con la formula del prestito oneroso con diritto di riscatto. Il giocatore è stato ceduto dal Barcellona per via dello scarso utilizzo, e fino ad oggi non ha proprio brillato in nerazzurro. Anche ieri, nell’amichevole contro il Lecco, l’ex blaugrana è stato fra i peggiori in campo e di conseguenza sembra davvero difficile pensarlo titolare nel derby che si terrà fra due domeniche. Martin Montoya, fra i tanti volti nuovi, è l’unico che non ha un posto assicurato fra i partenti dal primo minuto, e ciò la dice lunga sullo stato dell’inserimento dello stesso. Naturalmente è ancora presto per poter dare un giudizio definitivo, ma lo spagnolo dovrà dimostrare di valere la casacca che indossa se vorrà trovare spazio e rimanere ad Appiano a lungo, altrimenti a gennaio potrebbe essere già ceduto e fare ritorno in Catalogna.

L’Inter è indicata dagli addetti ai lavori come la regina del calciomercato estivo 2015. Il club di corso Vittorio Emanuele ha dato vita ad una sessione decisamente scoppiettante, incassando ben 92 milioni di euro dalle cessioni e investendone 100 nei nuovi innesti. Oscar al mercato quindi ai nerazzurri come pensa anche l’ex commissario tecnico della nazionale italiana Under-21, Devis Mangia. Interpellato dai microfoni di Sportitalia nelle scorse ore, ha ammesso: «L’Inter ha cambiato molto, ha fatto sei punti ma credo che neanche Mancini sia soddisfatto di quanto visto finora. I nerazzurri, con la Roma hanno fatto il mercato migliore, ma anche la Juve ha preso giocatori dal grande futuro».

Ha speso tanto e bene durante il calciomercato estivo chiusosi pochi giorni fa. Roberto Mancini non ha più scusanti: ha una squadra da scudetto e la stagione in corso dovrà chiudersi obbligatoriamente con il ritorno in Champions League. Ne è convinto in particolare il quotidiano Tuttosport che prefigura il possibile scenario nel caso in cui la squadra nerazzurra chiudesse il campionato dal quarto posto in giù, quindi senza coppa dalle grandi orecchie. A quel punto sarà molto quotata la partenza di un big e il principale indiziato è Mauro Icardi, che verrà nuovamente tempestato di offerte delle big a cui questa volta difficilmente dirà no. Attenzione anche ad un’altra star interista come Kondogbia, pagato 35 milioni di euro con bonus e che potrebbe sbarcare in un top club europeo in caso di proposta.

Torna allo scoperto il presidente del Real Madrid, Florentino Perez. Il numero uno dei Blancos è stato intervistato nelle scorse ore dalla radio spagnola SER, e l’argomento principale è stato ovviamente il calciomercato. Al di là del suo commento sul mancato arrivo di De Gea dal Manchester United, colpo sfumato sul gong, il numero uno delle Merengues ha parlato anche dell’arrivo di Mateo Kovacic dall’Inter. Le parole dello stesso manager sono un po’ a sorpresa: «Mateo Kovacic? Mi parlò Benitez di lui perché già lo conosceva dall’Italia, abbiamo cercato di migliorare la nostra panchina». Difficile pensare che la squadra madrilena abbia investito ben 35 milioni di euro per acquistare un panchinaro, ma viste le spese pazze di cui Perez si è reso protagonista negli ultimi anni, nulla sarà da lasciare al caso.

È scesa in campo ieri sera in quel di Lecco per la sfida amichevole contro i padroni di casa. Il club nerazzurro ha chiuso il match con il risultato di due reti a uno per gli avversari, complice qualche errore di troppo nella retroguardia. Roberto Mancini, a fine match, si è detto comunque soddisfatto per la prestazione del suoi ragazzi, soprattutto dei due volti nuovi, Felipe Melo e Alex Telles, ex Galatasaray entrambi in campo ieri sera: «L’importante per alcuni giocatori era giocare e mettere dei minuti nelle gambe – ha detto l’allenatore nerazzurro ai microfoni di Inter Channel -, ne ho approfittato per testare anche qualche ragazzino. I giovani sono andati tutti bene, non ho voluto fare giocare per più di un’ora gli elementi della prima squadra. Telles e Melo? Sono soddisfatto, li ho visti molto bene».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori