Calciomercato Roma/ News, Franci: se Uçan è stato trattenuto vuol dire che verrà impiegato Notizie 8 e 7 settembre 2015 (Aggiornamenti in diretta)

- La Redazione

Calciomercato Roma news, il club giallorosso non perde di vista il giovane Dani Ceballos, interessante centrocampista appena 19enne che gioca nel Real Betis Siviglia

DzekoDigne
Digne e Dzeko (Infophoto)

Durante il calciomercato estivo la Roma ha deciso di trattenere un giocatore che sembrava essere sul piede di partenza, ovvero Salih Uçan. In prestito dal Galatasaray, il turco sembrava poter lasciare la Capitale per approdare a Bologna ma alla fine non se n’è fatto nulla per la fortuna di Garcia che ha appena perso Pjanic per infortunio. Sull’argomento è intervenuto Paolo Franci per Rete Sport: “Perchè Garcia dovrebbe cambiare modulo? Le valutazioni a inizio stagione si sono fatte con i titolari o con i diretti sostituti dei titolari, se Uçan non è stato ceduto ed è rimasto a Roma vuol dire che verrà utilizzato e penso che abbia diritto ad una chance”.

La Roma ha aggiunto un giocatore importantissimo in attacco con l’arrivo di Edin Dzeko nel corso del calciomercato. Il Bosniaco, protagonista pure in Nazionale, appare un elemento imprescindibile per la formazione giallorossa e la pensa in questo modo anche Francesco Balzani, come spiegato a Centro Suono Sport: “Non mi aspetto un turn over esagerato col Frosinone anche perché di solito Garcia fa riposare i presunti titolari alla terza gara della settimana. Non credo alla terza panchina di Totti così come non credo che Garcia rinunci a Dzeko. Cambiare modulo ci sta a patto di non finire in un imbuto”.

Nel corso del calciomercato estivo la Roma ha deciso di aggiungere un nuovo centrocampista alla rosa con l’arrivo di Vainqueur anche soprattutto a causa dell’infortunio di Strootman. Purtroppo però Garcia dovrà fare i conti ora pure con lo stop di Pjanic e per questo motivo potrebbe aver spazio il turco Uçan. Il giocatore in prestito dal Galatasaray però non è visto di buon occhio da tutti gli addetti ai lavori come ad esempio Alessandro Austini che ha detto la sua opinione al riguardo a Tele Radio Stereo: “Sarei sorpreso se Garcia dovesse dare spazio ad Uçan per sostituire Pjanic. Quella del bosniaco è un’assenza che non ci voleva, la Roma perde molto senza lui”.

Sul taccuino di casa Roma c’è già segnato qualche nome per il calciomercato di riparazione, sessione di trattative che farà il suo esordio il prossimo gennaio 2016. Focus in particolare su Dani Ceballos, talentuoso centrocampista appena 19enne che gioca in Spagna, fra le fila del Real Betis di Siviglia. Il giocatore, considerato da molti l’erede di Cesc Fabregas, ha il contratto in scadenza al 30 giugno dell’anno venturo e chi lo acquisterà farà un affare. La Roma non è però l’unica squadra che sta seguendo con attenzione il gioiello iberico, visto che, oltre al Real Madrid, secondo quanto scrive stamane il Mirror anche le big inglesi, a cominciare da Arsenal e Liverpool, sarebbero alla finestra.

Sono molti quelli convinti che il colpo di calciomercato della scorsa estate lo abbia fatto la Roma. Il club giallorosso si è assicurato per poco più di 10 milioni di euro, l’attaccante della nazionale bosniaca, Edin Dzeko, proveniente dal Manchester City. Un’operazione che il capitano della nazionale brasiliana, Thiago Silva, ha commentato così: «I giallorossi hanno fatto un colpo acquistando Dzeko, il tipo di giocatore di cui avevano bisogno. Bisognerà vedere come si integreranno i nuovi acquisti delle altre rivali». La Roma, come anticipato dallo stesso difensore centrale del Paris Saint Germain, aveva bisogno di un innesto di qualità nel reparto avanzato dopo una stagione davvero negativa. Oltre a Dzeko il ds Sabatini ha deciso di puntare sulla stella della nazionale egiziana Mohamed Salah e su Iago Falque, ex Genoa, rivelatosi una pedina molto preziosa in queste prime uscite stagionali.

Ha acquistato molto in occasione del recente calciomercato estivo, sessione di trattative che si è chiusa ufficialmente 8 giorni fa, lo scorso 31 agosto. Fra i colpi più interessanti portati a termine dal direttore sportivo Walter Sabatini vi è senza dubbio quello riguardante Mohamed Salah, nazionale egiziano proveniente dal Chelsea. Il giocatore è sbarcato a Trigoria dopo un lungo contenzioso con la Fiorentina, squadra che si è sentita tradita dall’addio del giocatore in questione. Salah ha rilasciato nelle scorse ore alcune dichiarazioni dal ritiro con la nazionale egiziana, facendo chiaramente capire di aver fatto la scelta giusta sbarcando nella Città Eterna: «Sono orgoglioso di poter giocare accanto a stelle del calibro di De Rossi e Totti – racconta il giocatore esploso fra le fila degli svizzeri del Basilea – sono molto entusiasta e concentrato in vista del match contro il Barcellona. Sono desideroso di aiutare la Roma a giocare bene ed ottenere un risultato positivo contro i blaugrana in Champions League».

Torna ad occupare le cronache di calciomercato il terzino destro della Roma, Maicon. Il calciatore brasiliano sembrava destinato a lasciare il club giallorosso durante i mesi estivi, ma alla fine è rimasto a Trigoria. Le sue condizioni fisiche non sono però ancora migliorate e stando a quanto scrive stamane il quotidiano Tuttosport, non è da escludere che lo stesso possa rescindere il proprio contratto. Molto dipenderà appunto dalle garanzie che il verdeoro darà, altrimenti già a gennaio il direttore sportivo Walter Sabatini potrebbe tornare alla carica per Bruno Peres, calciatore di proprietà del Torino. L’operazione sarà però tutt’altro che semplice visto che il numero uno del Toro, Urbano Cairo, ha rimandato al mittente una proposta da circa 10/12 milioni di euro proprio dei giallorossi, e a breve potrebbe rinnovare il contratto dello stesso verdeoro per alzare la cifra richiesta: fra pochi mesi, 15 milioni potrebbero non bastare…

Fra i protagonisti assoluti dello scorso calciomercato estivo, chiusosi ufficialmente poco più di una settimana fa, anche il centrocampista dell’Empoli Assane Diousse. Il Milan ha presentato un’offerta concreta subito dopo la sfida di San Siro proprio contro i toscani, ma insieme ai rossoneri vi erano altre squadre, come ad esempio la Roma. A spiegare il retroscena è il collega di Calciomercato.com, Fabrizio Romano, che scrive: «L’Empoli ha detto no al Milan per evitare di vendere troppo presto Diousse come è stato per Rugani, poi esploso in una stagione strepitosa; ma anche perché Dioussé può fare molto comodo a Giampaolo, come ai conti del club per una rivendita ben più onerosa di quei 4/5 milioni che si potevano incassare subito con contropartite incluse. Stessa risposta che ha ricevuto la Roma, altra società a fare un tentativo dopo il Milan con Walter Sabatini sull’attenti». Milan, Roma ma anche Napoli, tre big che a partire dal prossimo mese di gennaio 2016 torneranno a battagliarsi sul mercato proprio per accaparrarsi il nuovissimo gioiello di casa Empoli, giocatore che fra poco più di 10 giorni, il prossimo 20 settembre, compirà la maggiore età.

Fra gli acquisti più interessanti della Roma per il recente calciomercato estivo vi è senza dubbio Lucas Digne. Il terzino sinistro della nazionale francese ha lasciato il Paris Saint Germain per sbarcare la capitale. Fino ad oggi le risposte date dal giovane calciatore sono state decisamente positive, e la Lupa ha finalmente (forse) trovato un grande interprete della corsia mancina. Nelle scorse ore l’ex giocatore del PSG ha rilasciato un’intervista ai microfoni di Canal Plus in cui ha raccontato il perché della scelta Roma e le prime sensazioni da quando ha messo piede nel Bel Paese: «Sia i tifosi della Roma che i compagni mi hanno accolto davvero bene. Ho esordito contro una grande squadra come la Juventus ed è stato bellissimo. Mi ha fatto piacere esser subito messo a mio agio dai compagni, mi hanno dato fiducia e con me sono scherzosi fin dal primo giorno. Rudi Garcia ha avuto un ruolo importante perché lo conosco da Lille, lui mi ha voluto davvero alla Roma. Mi volevano anche altre squadre ma ho subito scelto la Roma, giocare la Champions League è stato un fattore importante». Digne ha deciso di lasciare Parigi soprattutto perché con Blanc non vedeva mai il campo: «Voglio giocare Euro 2016 con la Francia – ha chiosato il calciatore d’oltralpe – per essere convocato in nazionale serve giocare con continuità nei club. A prescindere da Euro 2016 avevo bisogno di giocare perché conta molto per me».

L’ex attaccante della Roma, Seydou Doumbia, ha rilasciato nelle scorse ore un’intervista ai microfoni di AfricaTopSports. Il calciatore della nazionale ivoriana ha lasciato la capitale durante il recente calciomercato estivo, dopo sei mesi in Italia a dir poco disastrosi: «Fin dal primo giorno non mi sono mai sentito a mio agio a Roma – racconta il giocatore che è rientrato in Russia, fra le fila del CSKA di Moscaavevo bisogno di rilanciarmi. Tornare a casa mia è stato interessante. Dopo la Coppa d’Africa è stato un po’ difficile per me. In quelle condizioni, non è mai facile andare altrove. Mi cercavano diversi club in Inghilterra in estate. Ma c’era anche la possibilità di tornare in Russia e ho scelto il CSKA Mosca sia perchè avrei potuto giocare la Champions League, sia perchè ero convinto di poter stare meglio e quindi di potermi rilanciare». Un Doumbia che è tornato nella terra dello Zar con la formula del prestito, ma lo stesso fa chiaramente capire che difficilmente a fine stagione rientrerà a Trigoria: «Nel corso dei miei mesi a Roma non ho mai avuto piacere a giocare a calcio o a scendere in campo. Al CSKA ho ricominciato a scoprire cosa significa stare bene. Ed è una cosa molto buona. Per ora il mio cartellino è di proprietà della Roma. Attualmente sono in prestito al CSKA. Spero che tutto vada bene in modo da poter continuare la mia avventura a Mosca. Ma in ogni caso non credo di poter tornare alla Roma».

La sessione di calciomercato da poco conclusasi ha portato alla Roma un grande attaccante come Edin Dzeko, protagonista anche nei recenti impegni con la sua Nazionale di cui è capitano. Della punta bosniaca, attraverso il proprio sito ufficiale, ha parlato il tecnico dell’Inter Roberto Mancini che ha avuto la possibilità di allenarlo al Manchester City: “Edin per me è uno dei centravanti più forti d’Europa: l’ho preso io al City dal Wolfsburg e da noi ha fatto benissimo. Oltre ad essere un bravo ragazzo, è un grandissimo centravanti e farà tantissimi goal in Italia”.

La Roma, nel corso del calciomercato estivo, ha lasciato partire Alessio Romagnoli e Yanga Mbiwa rimpiazzandoli con Norbert Gyomber ed Antonio Rudiger. Proprio di quest’ultimo, in prestito dallo Stoccarda, ha parlato Ugo Trani per Rete Sport ponendo un’interessante considerazione sulla gestione dell’organico giallorosso: “Il vero turnover lo puoi fare in Champions. L’obiettivo della Roma è il campionato, dove puoi avere le stesse possibilità della Juventus di vincerlo. Poi in coppa faccio giocare Rudiger”.

Il calciomercato della Roma ha portato nella Capitale un grandissimo attaccante come Edin Dzeko, a segno con la propria Nazionale anche ieri sera. Di lui e della possibilità di vederlo al fianco di capitan Francesco Totti, schierando quindi due punte, o comunque del poterli alternare, ha parlato Luca Valdiserri per Rete Sport: “Se il dualismo è Totti-Dzeko il bosniaco è chiaramente avanti. Con il Frosinone però vedrei bene il capitano in campo, specie perché rimasto a Trigoria ad allenarsi. Una panchina con il Barcellona, invece, ci sta”.

Sono diversi i calciatori che la Roma si è assicurata durante il calciomercato estivo 2015 terminato precisamente una settimana fa. Fra i molti volti nuovi c’è anche Antonio Rudiger, difensore centrale che il club giallorosso ha deciso di acquistare per sostituire il partente Alessio Romagnoli, sbarcato fra le fila del Milan. Il 22enne della nazionale tedesca si è trasferito in prestito con diritto di riscatto dallo Stoccarda, club nel quale lo stesso calciatore originario della Sierra Leone è cresciuto ed esploso. A riguardo ha parlato il noto giornalista sportivo David Rossi, che a Roma Radio ha ammesso: «Partendo dal presupposto che io amo i difensori rocciosi, stile ‘Samuel’, penso che Rudiger possa fare davvero molto bene. Mi suscita molta curiosità. Fisico africano e mentalità tedesca, la fusione perfetta per un centrale».

Continua ad essere un punto di domanda il centrocampista della Roma, Salih Ucan. Il giovane calciatore turco non riesce a trovare spazio e anche l’inizio della stagione 2015-2016 è stato alquanto difficoltoso. In molti avevano scommesso su una partenza dell’ex Fenerbahce in occasione del recente calciomercato estivo ma alla fine la dirigenza ha preferito trattenere a Trigoria il calciatore in questione. Una situazione che ha fatto un po’ storcere il naso al giornalista sportivo Massimo Cecchini, che parlando in vista della sfida contro il Frosinone del prossimo weekend ai microfoni di radio Rete Sport, ha spiegato: «A Frosinone le scelte di Garcia saranno davvero importanti. La rosa è ampia ma non tutti stanno in forma. Io darei fiducia ad Uçan, quando manca Pjanic può esserci serenamente il turco. O ci si crede oppure è meglio mandarlo via. Se non può giocare contro il Frosinone quando gioca?». Un’obiezione sicuramente ammissibile quella da parte di Cecchini: vedremo se Rudi Garcia ascolterà o meno il suo consiglio.

Ad una settimana esatta dalla chiusura del calciomercato estivo 2015, continuano ad emergere i retroscena. L’ultimo ha come protagonista la Roma ed è riportato dal collega di Goal.com Fabrizio Romano. Secondo quanto raccolto pare che i giallorossi siano stati molto vicini all’acquisto del centrocampista dell’Inter Fredy Guarin. Alla fine però la compagine di corso Vittorio Emanuele ha deciso di trattenere nella Milano nerazzurra il centrocampista colombiano, anche per via della partenza di Mateo Kovacic, ceduto al Real Madrid per circa 35 milioni di euro, e della successiva vendita alla Juventus di Hernanes. Insomma, ancora una volta Guarin è stato al centro di intense voci di mercato, ma alla fine, come da copione, è rimasto ad Appiano Gentile

Fra le storie più interessanti relative allo scorso calciomercato estivo, vi è senza dubbio quella con protagonista Juan Iturbe. Il giovane attaccante argentino è stato ad un passo dal Genoa, al punto che aveva già svuotato l’armadietto di Trigoria e salutato i compagni giallorossi. Sul più bello, però, il ds Sabatini si è tirato indietro, trattenendo nella capitale l’ex stella dell’Hellas Verona. Per Iturbe è iniziato un nuovo capitolo della propria carriera, la possibilità di giocarsi un campionato a Roma senza l’etichetta di “nuovo Messi” e di mister 25 milioni di euro. Sia chiaro, l’Iturbe che è sceso in campo in queste prime due giornate è ancora lontano dai livelli di Verona, ma l’argentino sta vivendo questa stagione con un piglio diverso, maggiore determinazione e grinta, e lo si capisce anche dal fallo che ha indotto Evra all’espulsione durante la gara con la Juve. Rudi Garcia lo ammira e soprattutto i tifosi, decisivi nel trattenere a Roma il gioiello sudamericano.

La stagione iniziata pochi giorni fa potrebbe essere l’ultima da calciatore per Francesco Totti. Il capitano della Roma ha il contratto in scadenza al 30 giugno del 2016 e non sembra aver più lo spazio come poco tempo fa. La società ha acquistato diversi attaccanti durante il calciomercato estivo, in particolare Dzeko e Salah, e di conseguenza il Pupone ha passato le prime due giornate in panchina. Una situazione che fa venire un po’ di amarezza a Maurizio Catalani, giornalista sportivo, che nelle scorse ore ha rilasciato il proprio pensiero all’emittente radiofonica Rete Sport: «Dzeko c’è anche la possibilità di segnare ancora. Per un attaccante è uno degli obiettivi principali. Totti? Forse è l’ultimo anno che fa ed io lo voglio vedere in campo. Lo avrei visto bene a Verona e lo vedo bene anche contro il Frosinone».

Nuovo obiettivo della Roma per le prossime sessioni di calciomercato. Nonostante la finestra estiva si sia chiusa soltanto lo scorso 31 agosto, esattamente una settimana fa, in casa giallorossa proseguono i rumors. Stando a quanto riportato dalla stampa spagnola in queste ore, il direttore sportivo Walter Sabatini sarebbe già al lavoro per assicurarsi Dani Ceballos, talentuoso centrocampista appena 19enne della nazionale Under-19 spagnola. Gioca in patria, fra le fila del Betis di Siviglia, e il suo contratto scadrà al 30 giugno dell’anno prossimo, di conseguenza a gennaio sarà acquistabile in forte saldo se non addirittura a titolo gratuito. Il problema principale per la Roma è rappresentato dalla concorrenza, visto che anche il Real Madrid sta seguendo con attenzione il giovane calciatore classe 1996.

Potrebbe a breve assicurarsi un nuovo talento colombiano. Dopo i vari gioielli scovati dal direttore sportivo Walter Sabatini, per ultimi Ezequiel Ponce ed Emerson Palmieri, il club giallorosso ha accolto Bocanegra. A darne notizia è il collega della redazione di Sky Sport, il sempre ben informato Gianluca Di Marzio, che racconta di come la squadra capitolina abbia accolto nelle scorse ore il giovane di cui sopra, calciatore colombiano classe 1998. Considerato fra i migliori prodotti del calcio del suo paese, il ragazzo proviene dalla Parma Football School Colombia, società creata un anno fa con l’obiettivo appunto di scovare i migliori giovani in erba provenienti dalla nazionale colombiana. Insieme a Bocanegra è sbarcato in Italia un altro ’98 e precisamente Becerra, che invece si è accasato all’Hellas Verona, anch’egli per un training.

Fra i volti nuovi della Roma 2015-2016 vi è anche Lucas Digne. Il terzino sinistro francese si è trasferito a Trigoria durante il calciomercato estivo, dal Paris Saint Germain, dopo una stagione di scarso utilizzo. Rudi Garcia ha deciso di puntare sul giovane calciatore sbocciato nel Lille e in occasione del big match di due weekend fa contro la Juventus è stato senza dubbio fra i migliori in campo. La Roma sembra aver trovato finalmente un buon interprete della fascia mancina, anche se per ora è ancora presto per dare un verdetto definitivo. Nel frattempo lo stesso Digne è uscito allo scoperto, e interpellato dai microfoni di Canal Football Club ha ammesso: «Con Rudi Garcia ho iniziato a giocare tra i professionisti. La Roma ha dimostrato davvero di volermi. Francia? Non ho parlato con Deschamps, ma per essere convocati spesso devo giocare. Maxwell? Lo apprezzo molto, ho imparato molto al suo fianco».

La vittoria della Roma contro la Juventus ha esaltato la piazza di Roma e soprattutto ha dato grande enfasi e risalto alle operazioni di calciomercato in estate. Danilo Salatino, attraverso le frequenze di Tele Radio Stereo, si è soffermato su quanto Walter Sabatini ha saputo fare in attacco; “il miglioramento offensivo è stato clamoroso, anche se la rosa migliore ce l’ha sempre la Juventus”. La Roma però, secondo quanto pensa Salatino, “ha eccellenze che i bianconeri non hanno”. Si è poi parlato della posizione in campo di Daniele De Rossi, che ovviamente può aprire a ipotesi di calciomercato: “Se la squadra è messa in una certa maniera allora ha senso farlo giocare difensore centrale, così come Florenzi da terzino destro”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori