Calciomercato Milan / News, Zapata: Balotelli? E’ cambiato! Notizie 9 settembre 2015 (aggiornamenti in diretta)

- La Redazione

Calciomercato Milan news, il centrocampista senegalese dell’Empoli Assane Dioussè si sta mettendo in mostra. Il ragazzo ha parlato dell’interesse di club importanti come il Milan e la Roma.

Berlusconi_2_439x302
Silvio Berlusconi (Infophoto)

Tra i calciatori che si sono messi in mostra nelle prime due giornate di campionato c’è sicuramente Assane Dioussè, centrocampista senegalese classe 1997. Questi ha parlato, come riportato da Calciomercato.com, dell’interesse tra le altre anche del Milan: “Gli interessamenti fanno molto piacere. Io però sono un calciatore dell’Empoli e molto concentrato su questo. Non voglio pensare ad altro, ma solo a migliorare. Non mi sento protagonista, ho fatto appena due partite nel campionato di Serie A. Io continuo a lavorare con tanto impegno e poi vedremo. Non mi sento di certo ancora arrivato. Devo solo continuare a fare del mio meglio e a migliorarmi giorno dopo giorno. Voglio diventare un calciatore importante dell’Empoli ora“.

Il ritorno di Mario Balotelli ha destato molto stupore soprattutto perchè il ragazzo era partito appena un anno fa tra tante polemiche. Ne ha parlato Cristian Zapata dopo la sfida tra la sua Colombia e il Perù ai microfoni di Goal.com: “Il derby di Milano è una bellissima partita. Dobbiamo fare bene. Sinisa Mihajlovic è un ottimo allenatore e ha il suo carattere. E’ sempre al lavoro ed è felice perchè ha cambiato la mentalità dei calciatori. Mario Balotelli è cambiato e in questi ultimi giorni ho visto che vuole lavorare molto. Vuolte trovare la sua dimensioni nella squadra e spero che possa riuscire a farlo“.

I rossoneri sono chiamati al derby, impegno importante alla terza di campionato che già non si può sbagliare. Ne ha parlato l’ex punta del Milan Filippo Maniero a MilanNews.it: “Davanti sono stati acquistati due calciatori molto importanti come Carlos Bacca e Luiz Adriano, anche se c’è stato un avvio zoppicante. E’ presto per dare giudizi, aspetterei ancora qualche giornata. Balotelli? Il giudizio si deve dividere in due parti. Se lo prendi dal punto di vista del calciatore è un’ottima punta. Se lo prendi invece dal punto di vista umano però gli manca ancora di essere un grande professionista. Se ti alleni bene e fai una vita sana e resti fuori dalle polemiche le tue prestazioni possono migliorare. Mi auguro per lui e per il Milan che possa essere la vera sorpresa ed essere determinante“.

L’inizio del campionato del Milan non è stato entusiasmante. Alla prima uscita è arrivato un ko contro la Fiorentina e poi una vittoria di misura contro l’Empoli. Ora alla terza giornata nel derby di Milano contro l’Inter si potranno capire molte cose. Umberto Gandini, il direttore organizzativo dei rossoneri, ha parlato ai microfoni di Milan Channel: “Abbiamo iniziato da poco la nuova stagione e di conseguenza anche un nuovo percorso cambiando allenatore e molti calciatori. Nessuno è dotato di una bacchetta magica. C’è grande sintonia tra società, allenatore e squadra e pensiamo di avere una rosa in grado di centrare quelli che sono gli obiettivi prefissati in estate. E’ presto per dare dei giudizi, ma sono convinto che il Milan farà il suo. Quest’anno serviranno molti meno punti per vincere il titolo“.

Fra i calciatori che sembravano destinati a lasciare il Milan in occasione del calciomercato estivo 2015, vi è Philippe Mexes. Il centrale di difesa dei rossoneri è stato ad un passo dallo sbarco nella Fiorentina e l’operazione era ormai vicina alla chiusura. Peccato però che a pochi passi dal gong la trattativa si sia interrotta. Spiega come sono andate le cose l’agente del centrale rossonero, Olivier Jouanneaux, interpellato quest’oggi dai colleghi di Violanews.com: «Il giocatore ha capito che a Firenze c’era un allenatore che lo voleva. Aveva detto di ‘sì’ alla Fiorentina perché c’era la possibilità di trasferirsi in una società di un certo livello e perché Mihajlovic non lo considerava importante per il suo progetto. Sul piano contrattuale la società viola gli proponeva cifre più basse ma un contratto più lungo rispetto a quello in essere con il Milan. Tuttavia Berlusconi non l’ha voluto liberare, è affezionato a Philippe». Mexes ha un contratto in scadenza a giugno del 2016 e di conseguenza a gennaio il suo nome potrebbe tornare di moda in casa Fiorentina, anche perché il ds Pradé ha confessato di volerci riprovare. Jouanneaux a riguardo spiega: «A gennaio? Non so, perché il calcio va molto veloce ed è imprevedibile. E’ difficile dire quello che succederà tra sei mesi. Dipenderà dal rendimento della Fiorentina e da quello di Philippe al Milan. Se accetteremmo anche in futuro la Fiorentina? Assolutamente sì. Se il Milan lo liberasse, sarebbe una possibilità. Poi da giugno sarà libero di fare ciò che vuole…».

Il reparto che il Milan dovrà decisamente rafforzare in occasione del calciomercato di riparazione del prossimo mese di gennaio, è senza dubbio il centrocampo. Il club rossonero ha acquistato molto lo scorso mercato estivo, assicurandosi in particolare Luiz Adriano e Carlos Bacca per l’attacco, e Alessio Romagnoli per la difesa, ma è mancato il colpo di qualità nel reparto di mezzo. Una situazione che è stata commentata così dall’ex portiere della Lazio e della nazionale italiana Luca Marchegiani ai microfoni di Sky Sport 24: «E’ stata posta molta attenzione sul poco filtro del centrocampo che mette in difficoltà i due centrali. Credo che la coppia Romangnoli-Zapata sia ottima, giocano bene insieme. Vedremo se verranno confermati anche domenica, ma credo che come prima cosa il Milan deve sistemare il centrocampo. L’attacco? Il Milan non ha giocato bene le prime partite, non è riuscito a conquistare alto la palla e andare subito alla conclusione. Bacca e Luiz Adriano sono goleador nati e avere due attaccanti così per una squadra che ha ancora qualche problema a livello di gioco è una cosa molto positiva».

Semaforo verde per Sinisa Mihajlovic. Il Milan ha iniziato la stagione con una sconfitta e una vittoria e senza mostrare un bel gioco, ma il tecnico rossonero non è affatto in discussione. Questa mattina il quotidiano Il Corriere della Sera ha analizzato la situazione, sottolineando come nella serata di venerdì scorso, durante il vertice tenutosi ad Arcore, il patron rossonero Silvio Berlusconi abbia confortato l’ex Sampdoria e i suoi metodi, di certo non proprio blandi. L’ex Premier è convinto che con il “pugno duro” la squadra possa andare lontana e rimettersi sulla giusta carreggiata. Mihajlovic dovrà comunque fare risultato nella gara di domenica sera, il big match contro l’Inter in programma a San Siro: un nuovo passo falso potrebbe iniziare a far titubare anche Berlusconi…

Torna allo scoperto l’ex commissario tecnico della nazionale italiana, Marcello Lippi. Il ct campione del mondo 2006, ha rilasciato una lunga intervista ai microfoni de La Gazzetta dello Sport in cui ha parlato anche di Milan ed in particolare di Mario Balotelli. Il tecnico viareggino non usa troppi giri di parole nel commentare il futuro di Super Mario: «Balotelli? Si deve recuperare da solo». Il club di via Aldo Rossi ha riaperto le porte di Milanello al centravanti italiano, assicurandoselo con la formula del prestito semplice annuale con ingaggio pagato a metà fra Milan e Liverpool. Fino ad oggi Balotelli sembra aver dato risposte positive in allenamento e anche nell’amichevole contro il Mantova è stato fra i migliori in campo: chissà che domenica sera non possa scendere in campo e magari risultare decisivo…

Il Milan ha ceduto tanto durante il recente calciomercato estivo e fra i giocatori che hanno lasciato Milanello, anche il gioiello Hachim Mastour. Il talento della nazionale marocchina aveva voglia di giocare e di misurarsi già con i grandi nonostante la giovane età, e in via Aldo Rossi hanno deciso di accontentarlo, cedendolo in Spagna. Alla fine il magrebino si è trasferito al Malaga con la formula del prestito con diritto di riscatto ma il Milan ha mantenuto il controriscatto. Una cessione che ha un po’ deluso i tifosi del Milan, ma che ha invece trovato l’accoglimento di Roberto Samaden, responsabile del settore giovanile dell’Inter, che parlando a Gazzetta Tv ha ammesso: «L’operazione ha senso perché il Milan non poteva puntare su un giocatore che ha giocato negli ultimi tre anni 15-20 partite a livello giovanile. Magari in un futuro potrà andare a riprenderlo, però per ora era giusto affidarsi a due giocatori esperti come Bacca e Luiz Adriano. Per il ragazzo ci sarà l’opportunità di crescere in un ambiente diverso, seguendo un percorso differente da quello italiano. Inter e Milan non posso aspettare oltremodo».

Fra gli acquisti più importanti del Milan durante il calciomercato estivo da poco terminato, vi è senza dubbio Alessio Romagnoli. Dopo un lungo tira e molla il club rossonero ha deciso di investire 25 milioni di euro pagabili in cinque annualità differenti, per assicurarsi il difensore centrale di casa Roma, proveniente da un’ottima stagione nella Sampdoria. Un’operazione che è stata commentata così da Paolo Tramezzani, cronista di Rai Sport, che durante la telecronaca del match fra Italia-Slovenia Under 21, in cui Romagnoli era proprio in campo, ha detto: «Il Milan lo ha pagato tanto, perché 25 milioni sono tanti soldi, ma ha fatto un investimento sul futuro su un giocatore che, in futuro, potrà essere il titolare anche della nazionale maggiore». Sulle tracce di Romagnoli vi erano anche altre importanti società, a cominciare dal Napoli e dall’Arsenal, ma alla fine l’ex giallorosso ha voluto solo il Milan, dove avrebbe potuto ritrovato il suo maestro Sinisa Mihajlovic.

In casa Milan riprende la corsa al centrocampista di qualità. Il club rossonero necessita di un innesto in mezzo al campo e dopo averlo ricercato invano in estate, ha già lo sguardo rivolto al mese di gennaio, quando aprirà il calciomercato di riparazione. L’ultima idea è sottolineata da Calciomercatoweb.it secondo cui in casa Milan si starebbe pensando a Jorginho, centrocampista del Napoli. L’italo-brasiliano ha iniziato la stagione un po’ ai margini dei titolari e anche lo scorso campionato non vide molto il campo. I rossoneri starebbero pensando di girare Riccardo Montolivo alla società azzurra per ottenere in cambio l’ex Hellas Verona per uno scambio alla pari. Nulla sarà da lasciare al caso soprattutto se il calciatore del Milan dovesse continuare a rimanere in panchina.

I rossoneri in estate hanno fatto molti acquisti, lanciando una piccola rivoluzione e andando ad acquistare calciatori importanti in diversi reparti. Si è lavorato su profili giovani, ma anche su campioni del calibro di Carlos Bacca e Luiz Adriano. Investimenti anche importanti tra i giovani calciatori sono arrivati Bertolacci e Romagnoli dalla Roma. Ne ha parlato Claudio Vigorelli come riportato da MilanNews.it: “Al Milan a mio avviso manca davvero qualcosa in mezzo al campo. Carlos Bacca e Luiz Adriano sono due calciatori assolutamente da seguire però. Sulla carta penso che l’Inter finirà il campionato davanti al Milan. Sono molto intrigato però dell’effetto di Sinisa Mihajlovic sul Milan con le motivazione ch solo uno come il tecnico serbo ex Sampdoria sa dare alla squadra”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori