Calciomercato Live Inter News/ Paganin: “Difficoltà di De Boer sono oggettive.” Ultimissime notizie 22 agosto 2016 (aggiornamenti in diretta)

- La Redazione

Calciomercato Live Inter, le ultime news: Gnoukouri resterà in nerazzurro, mentre sia Eloge Yao e Stevan Jovetic sembrano pronti a lasciare Milano molto presto. (oggi 22 agosto 2016)

jovetic_brunico
Stevan Jovetic ai tempi dell'Inter - La Presse

L’acquisto più importante per l’Inter in questa sessione di calciomercato potrebbe essere il nuovo allenatore olandese Frank De Boer ma resta ancora da stabilire se sarà un innesto top oppure un vero e proprio flop. Intervistato in esclusiva da Tuttomercatoweb.com, l’ex interista Massimo Paganin ha analizzato la situazione di De Boer dopo la sconfitta di Verona col Chievo: “De Boer ha avuto poco tempo per lavorarci, le difficoltà sono oggettive. Era impensabile che fosse tutto ok, ma dal punto di vista tattico fatico a capire l’impostazione della squadra. Il cambiamento ha portato ad una difesa a 3, invece del 4-3-3, francamente non lo capisco. La sua idea era un’altra, mi è sembrato molto strano. Quando giochi col Chievo, dove devi avere superiorità sulle fasce, perché cercare l’attacco per vie centrali? Hai fatto il gioco del Chievo Verona, tatticamente andava preparata in modo diverso. Acerbo per l’Italia? Non lo so, è presto per dirlo. Siamo nel campionato che è l’università del calcio. O sei preparatissimo o vai in difficoltà. Qui si cresce a calcio e tattica, non puoi sbagliare nulla, ogni tecnico di A può metterti in difficoltà. Quando non prendi mai il trequartista vai, appunto, in difficoltà e Birsa ha fatto due gol. Diciamo che le cose non sono chiarissime, Mancini ha lasciato di fatto un vuoto e non si può pretendere da De Boer che abbia la bacchetta magica. Ci sarà da lavorare, è presto per fare considerazioni, ma un club importante deve avere una propria identità tattica a prescindere dall’avversario.”

Il cambio di allenatore a poco meno di un mese dalla fine della sessione di calciomercato estivo non ha certo aiutato l’Inter, come dimostrato anche dalla brutta prestazione messa in campo dai nerazzurri nella sconfitta di ieri sera a Verona contro il Chievo. Come riportato da FcInterNews.it, l’ex portiere azzurro Gennaro Iezzo ha parlato a Calcio Web dell’Inter, evidenziando come la mancanza di continuità nelle strategie abbia danneggiato la squadra, incapace di puntare alle primissime posizioni a suo giudizio pure in questa stagione: “Per il secondo posto non posso dire lo stesso dell’Inter (rispetto al Napoli ed alla Roma, ndr), che vedo nettamente svantaggiata rispetto alle altre due. Anche ieri sera si è vista una squadra che gioca male, e non potrebbe essere altrimenti visto che cambiano giocatori ogni anno e non c’è un progetto tecnico duraturo. Spero che De Boer riesca a darle un gioco.”

Nonostante manchino ormai meno di dieci giorni alla chiusura della sessione di calciomercato estivo, l’Inter non ha ancora finito di operare, sia in entrata che in uscita. Tra i giocatori che potrebbero dire addio ai nerazzurri c’è il terzino turco Caner Erkin, arrivato a parametro zero dal Fenerbahçe all’inizio della finestra ma ora sul punto di lasciare a causa della volontà di De Boer. Come riporta Tuttomercatoweb.com, l’agente di Erkin, il procuratore Batur Altiparmak, ha parlato ai turchi di Sporx spiegando: “Caner può restare all’Inter così come può partire. Al momento ha tre alternative: può restare in nerazzurro e lottare per un posto. La seconda alternativa prevede che resti in Italia o giochi in un altro Paese europeo. La terza è un ritorno in una squadra in Turchia. Tutto verrà deciso entro le prossime 48 ore. Non ci siamo confrontati con nessuna squadra in Turchia. Abbiamo però tre offerte dalla Spagna e dall’Inghilterra, arrivate sia a noi che al club. Non si tratta di squadre del livello dell’Inter e questo può indurci a restare a Milano. Ma il futuro sarà chiaro in un giorno o al massimo due.”

Il cambio alla guida tecnica dell’Inter con l’addio di Roberto Mancini e l’arrivo in panchina dell’olandese Frank De Boer in questi ultimi giorni della finestra di calciomercato estivo sta mettendo in evidenza diversi punti interrogativi, specialmente dopo la brutta sconfitta di ieri sera contro il Chievo. Intervistato in esclusiva da Tuttomercatoweb.com, l’ex interista Mario Corso ha analizzato il nuovo allenatore ed ha sottolineato i bisogni dei nerazzurri: “Non è molto logico cambiare così ma credo che il rapporto con Mancini fosse cambiato. Tutte e due le parti erano d’accordo per lasciarsi. Non è stato mandato via, è stata una cosa consensuale. Speriamo che De Boer impari presto la lingua, il calcio, che conosca la squadra sennò siamo rovinati… Tre-quattro mesi? Se continui a perdere, non ti aspetta nessuno. Se i risultati son questi, è chiaro che qualcosa non vada: serve tempo ma deve capire velocemente i giocatori a disposizione, altrimenti siamo inguaiati. Cosa serve? Un centrocampista importante vicino a Banega. Per il resto siamo messi bene, peccato non ci sia stato Ansaldi ieri che è un punto di riferimento. Medel potrebbe ricoprire anche il ruolo di difensore centrale, come ha fatto col Cile.”

La sconfitta di ieri sera contro il Chievo a Verona sta facendo molto discutere in casa Inter specialmente per quanto riguarda l’arrivo in panchina di Frank De Boer, arrivato solamente in quest’ultima parte del calciomercato estivo. Molti interisti avrebbero infatti preferito altro alla guida tecnica, se non addirittura la permanenza di Mancini, e, in questa direzione, mettono nostalgia le dichiarazioni dell’ex tecnico Josè Mourinho, protagonista del Triplete del 2010, in merito al suo arrivo al Manchester United, riportate anche dal portale Gazzetta.it. Ecco le parole di Mourinho sull’arrivo ai Red Devils e sulla possibilità, sfumata, di un ritorno all’Inter: “Potevo andare in Italia o in Spagna, come ho già fatto in passato, ma la Premier League è speciale. In alcuni Paesi i grandi club vogliono essere sempre più grandi e lasciare gli altri indietro, sempre più piccoli. In Inghilterra accade il contrario. Qui vogliono che tutti i club siano competitivi. Prospettive del Manchester United? Sono un po’ stupido, talvolta arrogante, a stabilire obiettivi. Ma la cosa più stupida di tutte e voler vincere tutte le partite, tutte le competizioni. È impossibile. Però è un buon inizio per stabilire gli obiettivi per i giocatori. Giochiamo per vincere tutte le partite e alla fine si fanno i conti.”

L’arrivo in panchina del tecnico olandese Frank De Boer sta spingendo l’Inter a rivedere i propri piani di calciomercato in questi ultimi giorni della finestra estiva. Chi potrebbe lasciare prematuramente i nerazzurri è infatti il terzino turco Caner Erkin, prelevato a parametro zero dal Fenerbahçe all’inizio di questa sessione visto l’apprezzamento dell’ex tecnico Mancini. Tuttavia, come riporta anche La Gazzetta dello Sport, Erkin non sembra rientrare nei piani del nuovo allenatore e potrebbe partire ma l’Inter sta valutando come sfruttarne la cessione. Il club milanese starebbe infatti pensando di proporre il turco allo Zenit di San Pietroburgo tentando uno scambio con un altro esterno, ovvero l’italiano Domenico Criscito. Sebbene per ora si tratti solamente di un sondaggio, nelle prossime ore potrebbero emergere delle novità ma la concorrenza per Criscito non manca, visto l’interesse espresso da parte di squadre come Napoli e Fiorentina.

Da sempre l’Inter si è dimostrata una delle squadre italiane più attente ai giovani talenti provenienti dal Sud America in fase di calciomercato. I nerazzurri, infatti, in questa finestra hanno messo gli occhi su Gabriel Barbosa Almeida, noto come Gabriel o Gabigol, numero 10 di proprietà del Santos e fresco vincitore della medaglia d’oro con la Nazionale brasiliana di calcio alle Olimpiadi di Rio. Il giocatore, prima del torneo, aveva affermato di voler rimandare ogni decisione riguardante il suo futuro a dopo il termine della competizione ed ora si moltiplicano le indiscrezioni di calciomercato che lo riguardano. Secondo quanto rivelato da La Gazzetta dello Sport, il presidente dell’Inter Erick Thohir, impegnato questo mese proprio in Brasile nel ruolo di presidente della delegazione indonesiana, avrebbe incontrato l’entourage di Gabigol con i quali avrebbe trovato l’intesa per il trasferimento a Milano. Tuttavia, si legge, Gabriel dovrebbe arrivare solamente nella prossima sessione di gennaio, ovvero una volta terminato il Brasileirao, o addirittura la prossima estate ma, intanto, avrebbe rifiutato gli inglesi del Leicester City.

L’estate di calciomercato dell’Inter, già caratterizzata dall’acquisto della proprietà da parte dei cinesi del Suning Commerce Group, è stata influenzata anche dal recente cambio in panchina con l’arrivo di Frank De Boer. Con il tecnico olandese alla guida dei nerazzurri si è ipotizzata l’esclusione e la partenza di alcuni elementi ma, dopo la sconfitta di ieri sera contro il Chievo a Verona, ha fatto molto discutere la rinuncia all’impiego di Ivan Perisic dal primo minuto e la sostituzione di Ever Banega, importante acquisto arrivato a parametro zero dal Siviglia. Come riporta FcInterNews.it, De Boer ha parlato di Perisic e Banega nella conferenza stampa post partita spiegando: “Perisic? Ho scelto Candreva, era più abituato a questo schema. Ci ha giocato anche in nazionale. Ho fatto delle scelte, certamente avrei potuto mettere anche Perisic da subito. Banega sostituito? Nessun giocatore ha al momento i 90′ nelle gambe, e penso anche a Candreva ed Eder. Avremmo dovuto garantire maggior pressione a centrocampo, ma la stagione è ancora molto lunga.”

In questa sessione di calciomercato estivo l’Inter ha cercato di rinforzarsi in tutti i reparti con vari innesti, sebbene la campagna acquisti non sia ancora conclusa. La sconfitta di ieri sera a Verona contro il Chievo ha messo in evidenza diverse lacune e difficoltà e le voci di calciomercato continuano ad emergere in orbita nerazzurra. Nelle ultime ore si era anche infatti parlato di un possibile addio prematuro per Caner Erkin, terzino turco prelevato a parametro zero dal Fenerbahçe. Come riporta FcInterNews.it, il nuovo allenatore Frank De Boer, nella conferenza stampa post partita, non ha escluso la permanenza di Erkin ed ha glissato sul mercato commentando: “Ci aspettavamo un risultato diverso e siamo molto delusi per oggi, questo è ovvio. Per quanto riguarda Caner, oggi non l’ho scelto, ma è un buon terzino. Io, però, devo scegliere e lui deve lottare con gli altri giocatori per guadagnarsi il posto. Non vorrei parlare di mercato in questo momento, lavoriamo da pochi giorni e penso che dobbiamo pensare soprattutto a questo. Per il mercato, inoltre, ci sono ancora dieci giorni.”

In questa sessione di calciomercato estivo l’Inter ha cercato di rinforzare il proprio organico in tutti i reparti. Tuttavia, la campagna acquisti dei nerazzurri sembra tutt’altro che terminata, come spiegato dallo stesso nuovo tecnico Frank De Boer. A sottolineare questa posizione ci ha pensato anche il presidente dell’Inter Erick Thohir che ha spiegato nell’intervista esclusiva rilasciata a Il Corriere dello Sport: “Non compreremo tantissimi giocatori come negli anni passati, ma sicuramente rafforzeremo la squadra con almeno uno o due elementi. Insieme a Suning è stato preso Candreva: l’obiettivo è rendere la squadra più forte. La cosa importante non è costruire una squadra da sogno, ma una squadra solida. Perché sono i solid team a vincere le partite, e non i dream team. Adesso, con De Boer, abbiamo lo stesso obiettivo: andare in Champions League. Certo, è prematuro dire se ci riusciremo, perché De Boer non ha mai allenato in Italia. Ma anche Conte non ha mai allenato in Premier League, così come non lo aveva fatto Klopp. Speriamo di fare subito punti in questo primo match. Ovviamente la Juventus è forte, ma questo non significa che molliamo l’obiettivo massimo. Anche Napoli e Roma sono squadre che potenzialmente possono insidiare il primo posto. Ma ripeto: per l’Inter, al momento, la cosa più importante è arrivare in Champions League.”

Nel corso di questa sessione di calciomercato estivo l’Inter ha cercato di rinforzare l’organico in vista della nuova stagione attraverso l’innesto di nuovi giocatori in tutti i reparti del campo. In difesa, in particolare, oltre ad Ansaldi dal Genoa è arrivato anche a parametro zero dal Fenerbahçe il terzino turco Caner Erkin ma, stando alle ultime indiscrezioni, sembra che l’esterno sia già destinato a lasciare i nerazzurri. Erkin era stato indicato come rinforzo da Mancini, ora sostituito da De Boer, ed il suo agente, il procuratore Batur Altiparmak, ha parlato in esclusiva per FcInterNews della situazione dell’assistito rivelando: “Ho sentito anche io queste voci, ma non è una domanda da porre al sottoscritto. Caner vuole rimanere a Milano, è una questione che deve valutare l’allenatore. Erkin è un giocatore dell’Inter, per il suo futuro e per le valutazioni del caso bisogna chiedere a De Boer.”

In queste ultime battute del calciomercato estivo l’Inter è alla ricerca di un altro paio di innesti a centrocampo e, come confermato anche nella conferenza stampa in vista del Chievo dal tecnico De Boer, uno degli obiettivi è Moussa Sissoko. Centrocampista francese del Newcastle United, Sissoko ha molto ben impressionato con la sua Nazionale nell’Europeo casalingo attirando su di sè le attenzioni di diversi club, nerazzurri compresi. Come riporta FcInterNews.it, secondo quanto rivelato da France Football, l’Inter sarebbe ormai ai dettagli con il calciatore e sarebbe anzi pronta a presentare un’offerta ai bianconeri inglesi da 35 milioni di euro per strapparlo anche alla concorrenza in Italia della Juventus ed all’estero del Real Madrid. La volontà di Sissoko rimane quella di lasciare il Newcastle, retrocesso in Championship lo scorso anno, per tentare fortuna in club più blasonati sebbene la richiesta per il suo cartellino sia di ben 40 milioni di euro ed il suo contratto scada solo nel 2019.

In questa sessione di calciomercato estivo l’Inter ha cercato soprattutto di rinforzarsi a centrocampo e sull’esterno ma è innegabile che i nerazzurri avrebbero bisogno pure di un vice Icardi da schierare come punta centale. Per questa ragione nelle scorse settimane si era parlato di un interesse interista nei confronti di Lucas Alario, giovane punta di proprietà del River Plate per il quale l’Inter era pronta a versare i 15 milioni di euro per la clausola rescissoria richiesti dal club argentino. Tuttavia, come riporta FcInterNews.it, l’agente di Alario, il procuratore Pedro Aldave intervistato da Olè, ha però spiegato che il suo assistito sarebbe intenzionato a rimanere in Argentina: “Il River lo vuole tenere, e anche se già ha un buon contratto, ha offerto a Lucas condizioni ancora migliori. Non è solo una questione economica, ma anche sportiva: Alario è stato appena convocato dalla Nazionale e rimanere qui aumenterebbe le chance di rimanere nel giro. Devono (l’Inter ndr) vendere un giocatore o agire con un prestito. Bisogna poi giustificare i fondi, una cosa non difficile ma per la quale servirebbe tempo. E alla fine del mercato mancano ormai pochi giorni.”

L’estate di calciomercato, iniziata con l’acquisto della società da parte del Suning Commerce Group, non si è rivelata decisamente tranquilla per l’Inter tra acquisti mancati, probabili addii e, soprattutto, il cambio alla guida tecnica con l’arrivo del tecnico olandese Frank De Boer al posto di Roberto Mancini. Secondo quanto rivelato dal giornalista Alfredo Pedullà tramite il proprio sito ufficiale, anche uno degli acquisti arrivati in questi mesi potrebbe già salutare a sorpresa i nerazzurri. Si tratta del terzino turco Caner Erkin, voluto da Mancini e comunque arrivato a parametro zero dal Feberbahçe. L’Inter avrebbe infatti deciso di riconfermare Davide Santon anche a causa delle regole imposte dall’Uefa in merito alla presenza in rosa di giocatori provenienti dal settore giovanile della squadra, essendo lui appunto cresciuto tra nel vivaio nerazzurro dopo il suo arrivo da quello del Ravenna. Sulle tracce del ventisettenne Erkin, che non ha disputato un Europeo entusiasmante come anche il resto della Turchia, ci sarebbero alcune formazioni estere, in particolare dalla Spagna e dalla Germania.

L’estate di calciomercato dell’Inter è stata scossa profondamente dal cambio alla guida tecnica con l’addio di Roberto Mancini e l’arrivo di Frank De Boer in panchina. Inevitabile quindi che siano anche cambiate le strategie per questi ultimi dieci giorni di calciomercato ed anche alcuni giocatori che sembravano essere destinati a partire appaiono ora più certi del posto in organico, discorso che vale ad esempio per Andrea Ranocchia. Intervistato da Inter.it, l’ex difensore nerazzurro Riccardo Ferri ha parlato proprio del nuovo alleantore De Boer ed ha rivelato di confidare nella permanenza di Ranocchia, capace, a suo giudizio, di poter dare ancora qualcosa all’Inter: “L’approccio di Frank de Boer mi è piaciuto molto, ha parlato subito di dominare il gioco. Sono fiducioso e positivo, penso che ci regalerà delle belle soddisfazioni. Che comincino a preoccuparsi un po’ anche le altre squadre… Il ragazzo (Ranocchia ndr) ha grandi doti, dipende anche dall’atteggiamento della squadra. Lui può tirare fuori le qualità che ha, negli spazi stretti. La serenità però non si allena, la personalità devi averla dentro. Dipende molto da lui, gli auguro di avere un ruolo da protagonista. Io sono con lui.”

Da sempre l’Inter è una delle squadre italiane più attente al panorama calcistico del Sud America per quanto riguarda i giovani talenti in fase di calciomercato. Per questo motivo i nerazzurri hanno messo gli occhi sul brasiliano Gabriel Barbosa Almeida, detto Gabriel o Gabigol, numero 10 di proprietà del Santos ed obiettivo pure della Juventus. Gabriel aveva rimandato tutti i discorsi relativi al suo futuro a dopo le Olimpiadi ma ora che ha vinto la medaglia d’oro con la Nazionale della Seleçao si riapre il dibattito sulla sua possibile destinazione. Come riporta FcInterNews.it, lo stesso Gabigol è stato intervistato da Globoesporte nel post vittoria sulla Germania, spiegando: “Io al fianco di Neymar nel Barcellona? Lui è un grandissimo giocatore e sarebbe fantastico giocare al suo fianco. Non lo so, ancora non ho avuto tempo di pensarci bene vista l’Olimpiade da giocare. Valuterò una volta tornato al Santos”.

La sessione di calciomercato estivo dell’Inter è stata stravolta dal cambio in panchina con l’addio di Roberto Mancini e l’arrivo di Frank de Boer, cambiando così le strategie nerazzurre. Secondo quanto rivelato da Il Corriere dello Sport infatti, il giovane centrocampista ivoriano Assane Gnoukouri, cercato da Bologna, Palermo e Pescara, è stato ufficialmente tolto dalla lista dei possibili partenti in questa finestra di calciomercato, mentre sembra ormai in via di definizione il passaggio di Eloge Yao alla squadra di Massimo Oddo, nonostante l’interesse del suo ex club, il Crotone. Chi invece potrebbe lasciare l’Inter è il fantasista montenegrino Stevan Jovetic, già dato in partenza prima dell’addio di Mancini. L’ex attaccante di Fiorentina e Manchester City aveva comunque fatto sapere di non voler lasciare i nerazzurri e di voler anzi giocarsi le sue carte a Milano ma, stando alle indiscrezioni, Jovetic sembra non avere grandi chances di trovare più spazio rispetto alla passata stagione agli ordini di de Boer. Eppure nel calcio dell’olandese il calciatore montenegrino sarebbe perfetto, abile a partire da esterno nel tridente oppure da trequartista qualora si giocasse con il 4-2-3-1. Jovetic però non sembra essere apprezzato da de Boer per la discontinuità e per una struttura fisica che spesso lo obbliga a uscire dalle partite con assenze di gioco anche preoccupante. Jovetic comunque è un giocatore ancora giovane e la possibilità di vedere diverse squadre interessate sul calciomercato estero è molto alta. Staremo a vedere quello che accadrà nei prossimi giorni, decisivi anche per questa trattativa.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori