CALCIOMERCATO LIVE ROMA NEWS/ Flamini si può ancora prendere! Ultimissime notizie 2 settembre 2016 (aggiornamenti in diretta)

- La Redazione

Calciomercato Live Roma, le ultime news: si inaspriscono i rapporti con il Lione a causa del mancato passaggio di Juan Manuel Iturbe nell’ultimo giorno di trattative (oggi 2 settembre 2016)

Spalletti_arancione
Luciano Spalletti, allenatore della Roma (Foto LaPresse)

La Roma continua a lavorare sul calciomercato nonostante la chiusura di questo. La sensazione nota a tutti è che manchi un centrocampista di qualità che possa poi dare il ricambio ai tre intoccabili De Rossi, Nainggolan e Strootman. E’ vero che è tornato Leandro Paredes dal prestito all’Empoli, ma non solo è partito Miralem Pjanic ma anche Seydou Keita e William Vainqueur. Secondo quanto riportato da Telegraph.co.uk pare che la Roma sia interessata a Mathieu Flamini esperto centrocampista che è nella lista degli svincolati e quindi acquistabile anche dopo la chiusura del calciomercato. Il ragazzo è stato cercato da Olympiakos e Crystal Palace dopo la fine del suo accordo con l’Arsenal. Per lui sarebbe un ritorno in Italia dato che Flamini ha già giocato col Milan.

La campagna acquisti del calciomercato estivo 2016 della Roma è terminata senza grandi colpi anche se le cessioni di Miralem Pjanic prima e di Vainqueur poi hanno fatto pensare che un centrocampista sarebbe arrivato. Sono stati tantissimi i nomi a circolare da Borja Valero a Milan Badelj fino ad arrivare a Jack Wilshere che sembrava pronto ad arrivare a Roma prima del rifiuto dello stesso calciatore. Ne ha parlato Guido D’Ubaldo a Radio Radio durante la trasmissione Radio Radio Lo Sport. Ecco le sue parole: “Quello che non è stato fatto, che tra l’altro mi sembra l’abbia ammesso anche Baldissioni, è aggiungere qualità in mezzo al campo. Ci hanno provato con Jack Wilshere, ma non ci sono riusciti. Non è che manca il sostituto di Vainqueur, ma manca il sostituto di Miralem Pjanic. Il calciatore che hai pagato di più è Gerson e non è quello che ti risolve questo problema”.

La Roma non ha messo a segno il tanto aspettato colpo a centrocampo nell’ultima giornata di calciomercato complice anche la volontà dell’Arsenal di non cedere Wilshere in Italia. Secondo quanto riportato da ‘Il Tempo’ pare che a complicare la trattativa sia stato proprio il club inglese che è rimasto indispettito riguardo al prestito di Szczesny e del rifiuto per Manolas e per questo motivo ha chiesto di più alla Roma rispetto a quanto è stato pagato il centrocampista dal Bournemouth. Proprio per questo motivo il direttore sportivo Sabatini avrebbe deciso di interrompere i rapporti con l’Arsenal lasciando che il centrocampista firmasse con il club inglese. Il comportamento dell’Arsenal non è piaciuto per niente alla Roma che aveva deciso di puntare su Wilshere a poche ore dalla chiusura della sessione estiva del calciomercato. Il no per Manolas dopo l’offerta di 39 milioni di euro ha portato alla chiusura delle altre trattative.

-Cominciano a trapelare le indiscrezioni circa gli ultimi giorni di questa sessione di calciomercato della Roma. Secondo quanto riportato da ‘Goal.com’ prima di arrivare al cartellino di Mustafi, l’Arsenal ha fatto di tutto pur di trattare con la Roma il difensore Manolas. Il club inglese ha offerto ai giallorossi ben 39 milioni di euro pur di convincere la dirigenza a trattare. La Roma ha prontamente rifiutato la proposta dell’Arsenal nonostante avesse già bloccato il difensore Musacchio per 22 milioni. Il difensore del Villareal poi non è più approdato a Roma e soprattutto Manolas è rimasto nella Capitale con Sabatini che ora potrebbe addirittura proporgli il rinnovo del contratto. Il greco ha deciso personalmente di restare a Roma anche perchè oltre all’Arsenal ci sono state anche altre offerte nel corso di questo lungo calciomercato estivo. Rifiutati così 39 milioni di euro, la Roma ha voluto blindare Manolas.

Cambiamenti in casa Roma dopo la sessione estiva del calciomercato. Come riporta ‘Il Corriere dello Sport’ il presidente Pallotta arriverà presto nella Capitale per verificare l’iter dei lavori del cantiere dello stadio di Tor Di Valle ma anche per parlare con il direttore sportivo Walter Sabatini del suo futuro. Il dirigente aveva già deciso di lasciare i giallorossi il 30 giugno ma ha ritenuto opportuno far terminare la sessione estiva del mercato per dire addio alla Roma. Si parla di un futuro al Milan e se si dovesse sbloccare la questione societaria con i cinesi si potrà chiudere entro pochi mesi. Walter Sabatini, infatti, è il primo nome per la nuova dirigenza rossonera che affiancherebbe Fassone nel suo operato. A Milano il direttore sportivo troverebbe anche Vincenzo Montella, tecnico che piace molto a Sabatini. Pallotta dovrà parlare con il dirigente per decidere insieme come terminare il rapporto.

Tra i colpi saltati nell’ultima giornata di calciomercato c’è anche quello che avrebbe dovuto portare Juan Manuel Iturbe al Lione. Di questo ha parlato il tecnico della squadra francese, Bruno Genesio, che affronterà la Juventus nei gironi di Champions League. Ecco le sue parole: Iturbe e la Roma erano d’accordo con noi per questo trasferimento. All’ultimo momento hanno rifiutato tutto perchè hanno ceduto un calciatore offensivo. Quindi all’improvviso hanno cambiato idea. E’ stata davvero una situazione molto imbarazzante”. Arrivano poi anche le dichiarazioni di Aulas presidente del club francese che aveva iniziato a seguire Iturbe su Twitter dando un indizio sulla risoluzione positiva dell’affare. Questi ha sottolineato: “Alle ore sedici c’era l’accordo con Walter Sabatini che aveva dato l’ok. Alle 19.30 Iturbe ha dato il suo benestare e poi alle venti la Roma ha cambiato idea”. Pare che la trattativa sia stata bloccata da Luciano Spalletti in prima persona. Il tecnico giallorosso infatti avrebbe posto un veto sulla partenza del calciatore paraguaiano, negli ultimi sei mesi in prestito al Bornemouth, dopo che era stato ceduto Federico Ricci al Sassuolo. L’obiettivo di Spalletti infatti è quello di avere giocatori sempre motivati e di qualità in rosa.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori