CALCIOMERCATO LIVE ROMA NEWS/ Scholes su Wilshere: “Forse ha puntato troppo in basso”. Ultimissime notizie 3 settembre 2016 (aggiornamenti in diretta)

- La Redazione

Calciomercato Live Roma News: Spalletti ha il futuro in bilico? Pallotta è pronto a blindarlo con il rinnovo. Sabatini, invece, può andare al Milan. Ultime notizie di oggi, 3 settembre 2016.

spalletti_sagome
Luciano Spalletti - La Presse

Jack Wilshere è il rimpianto della Roma per la sessione estiva di calciomercato. Del mancato trasferimento del centrocampista dell’Arsenal al club giallorosso ha parlato anche Paul Scholes. L’ex bandiera del Manchester United ai microfoni di SkySport ha commentato la scelta di Wilshere di passare in prestito al Bournemouth: «Mi sarebbe piaciuto vederlo in un grande club come la Roma. Sarebbe stato importante per lui fare esperienza andando a giocare all’estero e poi non è detto che al Bournemouth giochi tutte le partite», ha spiegato Scholes, secondo cui Wilshere se sta bene può essere il miglior giocatore della squadra inglese. «Avrebbe potuto giocare anche nei tre-quattro top club della Premier League», ha aggiunto Scholes, che ha svelato poi un suo timore riguardo la scelta di Wilshere: «Ho paura che abbia puntato troppo in basso». La Roma, invece, ha già archiviato la questione e guarda oltre.

Walter Sabatini resta o no alla Roma? E’ questo l’interrogativo emerso dopo la sessione estiva di calciomercato. Il futuro del direttore sportivo giallorosso torna d’attualità a Trigoria: nelle ultime ore si è parlato di un possibile assalto del Milan – e in particolare del futuro amministratore delegato Marco Fassone – a Sabatini, che invece non rientrerebbe più tra i candidati del club rossonero. L’indiscrezione è stata riportata dal portale calciomercato.com, secondo cui decisiva sarebbe stata la volontà del presidente della Roma, James Pallotta, di trattenere Sabatini. Per questo, dunque, il Milan avrebbe mollato la presa sul direttore sportivo giallorosso e virato su Riccardo Bigon del Bologna. Intanto Claudio Lotito torna a pizzicare la Roma: «Siamo migliori di loro, non ci sono dubbi. Abbiamo un ranking europeo migliore e la società è solida dal punto di vista finanziario, mentre gli altri rischiano di farsi travolgere dai debiti nel giro di tre anni», ha dichiarato il presidente della Lazio, come riportato da Il Messaggero.

Jack Wilshere poteva essere l’ultimo colpo di calciomercato della Roma, che però ha visto sfumare la trattativa con l’Arsenal per il prestito del centrocampista nel giro di un paio d’ore. Wilshere ha, infatti, preferito lasciare i Gunners per andare al Bournemouth, restando così nei confini britannici. In questo modo può restare accanto alla sua famiglia. Ma non è solo questo aspetto ad aver bloccato l’operazione con la Roma e favorito invece il trasferimento al Bournemouth. Un ruolo decisivo nella decisione di Wilshere l’ha avuto Davide Beckham. Il retroscena è stato svelato dal Daily Mirror, secondo cui l’ex calciatore inglese avrebbe chiamato Wilshere per consigliargli di restare in patria. Quindi il no alla Roma, che ha deciso di non trovare un’alternativa, ma di puntare su Kevin Strootman e Leandro Paredes per il centrocampo per il resto della stagione. L’infortunio di Daniele De Rossi, però, potrebbe rendere la coperta in mezzo un po’ corta.

La Roma è scesa poco sotto i 92 milioni di euro di monte ingaggi dopo la sessione estiva di calciomercato: missione compiuta dopo l’eliminazione dalla Champions League e i paletti fissati dal Financial Fair Play. Sono 20 milioni in meno rispetto a settembre 2015, 10 in meno rispetto all’inizio dell’ultima finestra di calciomercato. Decisivi gli addii di Miralem Pjanic, Maicon, Morgan De Sanctis, Seydou Keita, Vasilis Torosidis e quelli temporanei di Seydou Doumbia e William Vainqueur. La Roma, però, riuscirà a conservare questo importante risultato per poco, perché presto sarà tempo di rinnovi: questi 10 milioni di euro risparmiati nel 2016 saranno reinvestiti negli adeguamenti contrattuali di Radja Nainggolan, Alessandro Florenzi e Kostas Manolas, secondo quanto evidenziato dall’edizione odierna de La Gazzetta dello Sport. Al centrocampista belga è stato garantito un ingaggio da 4 milioni di euro, mentre quello dell’italiano supererà i 2 milioni di euro. Diversa la situazione per il difensore: gli è stato promesso un sostanzioso ritocco dell’ingaggio, ma i suoi atteggiamenti non sono piaciuti alla dirigenza della Roma.

Nella Roma non è sicuro nemmeno il futuro tecnico: in bilico non solo il direttore sportivo Walter Sabatini, ma anche l’allenatore Luciano Spalletti. Il tecnico gode della fiducia del presidente James Pallotta, che vorrebbe infatti blindarlo, ma non ha ancora accettato di rinnovare il contratto in scadenza. Stando a quanto riportato dal Corriere dello Sport, Spalletti avrebbe preferito rinviare la trattativa, ma c’è fiducia a Trigoria sulla firma, vista la sintonia tra le parti. E’ curioso comunque che Spalletti abbia un contratto più breve di quello di Rudi Garcia, esonerato ma legato alla Roma fino al 2018. Il legame poteva essere spezzato un mese fa, visto che a Garcia era stato offerto il posto di commissario tecnico del Belgio, ma pare che le divergenze economiche e gestionali abbiano poi portato alla nomina dello spagnolo Roberto Martinez, reduce dall’esperienza sulla panchina dell’Everton.

I cambiamenti in casa Roma non sono terminati con la chiusura della sessione estiva di calciomercato. C’è aria di rinnovamento a Trigoria anche a livello dirigenziale: Walter Sabatini non andrà oltre il prossimo anno, anzi potrebbe anticipare il passaggio al Milan, con cui dovrebbe andare in scena una sorta di scambio tra manager, visto che da metà settembre si insedierà Umberto Gandini, che è stato direttore organizzativo del club rossonero e uomo di fiducia dell’amministratore delegato Adriano Galliani. Gandini, che è apprezzato dal presidente giallorosso James Pallotta, erediterà il ruolo di Italo Zanzi, dunque sarà CEO e si occuperà di rapporti internazionali, in particolare con la Uefa, e nazionali, quindi con la Lega. Il successore di Sabatini non sarà Franco Baldini, ma, secondo il Corriere dello Sport, potrebbe esserlo Ricky Massara, con il quale potrebbe lavorare Federico Balzaretti. Il referente americano della proprietà resterà Alex Zecca.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori