Sardar Azmoun / Chi è? Video highlights dell’attaccante del Rostov (Calciomercato Lazio)

- Claudio Franceschini

Sardar Azmoun, video highlights dell’attaccante iraniano che gioca nel Rostov. La Lazio lo ha bloccato per questa sessione di calciomercato: può giocare da prima o seconda punta

Azmoun_Iran_lapresse_2017
Pagelle Marocco Iran (LaPresse)

Alla scoperta di Sardar Azmoun, l’attaccante che la Lazio avrebbe bloccato in questa sessione di calciomercato. Chi è questo giocatore? Ne abbiamo sentito parlare quest’anno: merito del Rostov, che è arrivato con sorpresa di tutti ai gironi di Champions League (eliminando l’Ajax) e si è permesso di battere il Bayern Monaco prima di scendere in Europa League, far fuori lo Sparta Praga e mettere paura al Manchester United. In questa grande corsa Azmoun ha segnato 5 gol: ha timbrato il cartellino sia contro i bavaresi che contro l’Atletico Madrid. Le sue cifre stagionali parlano di 12 gol in 41 partite, conditi da 3 assist; è stato anche espulso una volta, nel campionato russo che ha chiuso al sesto posto (7 reti per Azmoun). E’ un iraniano del 1995; nella sua nazionale ha segnato la bellezza di 19 gol in 26 partite, ha esordito nel maggio 2014 ma non era riuscito ad arrivare al Mondiale (ha però due gol in Coppa d’Asia). La sua carriera si è sviluppata tutta in Russia: arrivato a 17 anni al Rubin Kazan, dopo un anno nelle giovanili ha fatto il suo esordio in prima squadra e dopo una stagione e mezza (7 gol in 32 presenze) si è trasferito al Rostov dove in due anni e mezzo ha messo insieme 75 partite e 25 gol. Non è un attaccante che segni tantissimo a dire il vero, ma nella Lazio di oggi non ci sarebbe nemmeno bisogno di un giocatore da 20 gol (vista la presenza di Filip Djordjevic).

Azmoun infatti può giocare anche come seconda punta: quest’anno Ivan Daniliants, allenatore del Rostov, lo ha schierato praticamente sempre al fianco di  un altro attaccante (Aleksandr Bukharov o Dmitri Poloz), in un 3-5-2 di stampo offensivo. Significa dunque che in un eventuale schema identico da parte della Lazio, Azmoun potrebbe fare la spalla di Ciro Immobile, giocando sulla sua stessa linea; all’occorrenza poi l’iraniano potrebbe disimpegnarsi alle spalle di una prima punta, cioè da trequartista (altro modulo utilizzato spesso e volentieri dai biancocelesti), andando ad affiancare Sergej Milinkovic-Savic. Più difficile che sia utilizzato come esterno in un 4-3-3, anche se le doti tecniche ci sono tutte: basta guardare il gol che ha realizzato contro il Bayern Monaco, finta a rientrare con la quale ha ingannato Jerome Boateng e destro morbido sull’uscita del portiere. Il problema è che Azmoun non è velocissimo; potrebbe però galleggiare tra le linee, cosa che nel Rostov ha fatto spesso e volentieri essendo lui ad arretrare per farsi vedere dai compagni e giocare il pallone.



© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori