CALCIOMERCATO MILAN/ News, Lapadula-Genoa, ci siamo! Galli: “Andrè Silva non è il salvatore della patria”

- La Redazione

Calciomercato Milan News, Lapadula si avvicina al Genoa che sta per vendere Simeone. Galli scettico sull’impatto in Serie A di Andrè Silva. 3 luglio 2017

Lapadula_Milan_Crotone_lapresse_2017
Probabili formazioni Milan Genoa, l'ex Lapadula (LaPresse)

In casa Milan si sta valutando la cessione di diversi elementi presenti nell’organico della passata stagione per questa finestra di calciomercato. Tra i possibili partenti c’è senza dubbio l’italoperuviano Gianluca Lapadula, arrivato all’inizio della scorsa annata calcistica dal Pescara e capace di realizzare 8 reti e 4 assist in 29 apparizioni complessive ma scalzato dall’arrivo del portoghese Andrè Silva, il quale ne avrebbe già occupato la maglia numero 9 precedentemente sulle sue spalle. Secondo i rumors di mercato più recenti, per Lapadula si è aperta da qualche giorno la porta del Genoa, club ligure che lo accoglierebbe volentieri. Tuttavia, bisognerà aspettare che i rossoblu di Preziosi cedano Giovanni Simeone alla Fiorentina. Una volta ricavati i 15 milioni da questa vendita, il Genoa potrà girarli al Milan ed aggiudicarsi Lapadula.

Il Milan è la squadra più attiva in questa prima parte del calciomercato estivo e tra i volti nuovi c’è anche quello dell’attaccante portoghese Andrè Silva, prelevato dal Porto. Intervistato in esclusiva da MilanNews.it, l’ex portiere milanista Giovanni Galli si è detto abbastanza scettico in merito all’impatto che Silva potrà avere immediatamente con il nostro calcio spiegando: “Non aspettiamoci che possa essere il salvatore della patria. È molto giovane, un classe ’95, e avrà bisogno di imparare da Montella, di un periodo di rodaggio italiano. Ha qualità importanti, sono innegabili, ed è un grande investimento per il futuro, ma non pretendiamo diventi nel giro di pochi mesi il nuovo Messi o Cristiano Ronaldo. La Serie A è un campionato molto diverso da quello portoghese, e per prima cosa dovrà studiare le difese dei nostri allenatori. Non è il fuoriclasse già affermato che ti cambia subito la squadra.



© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori