Bacca al Villarreal/ Calciomercato Milan: mercoledì le visite mediche in Spagna

- Claudio Franceschini

Carlos Bacca si trasferisce dal Milan al Villarreal in questa sessione di calciomercato: la società rossonera e quella spagnola hanno trovato l’accordo, sarà prestito oneroso con riscatto

Bacca_Milan_Dortmund_amichevole_lapresse_2017
Carlos Bacca segna in Milan-Borussia Dortmund (Foto LaPresse)

Carlos Bacca è un nuovo giocatore del Villarreal: l’operazione di calciomercato con il Milan non è ancora ufficiale, ma lo sarà domani quando il colombiano, come riportano le ultime indiscrezioni, sarà in Spagna per effettuare le visite mediche di rito e firmare poi il contratto che lo legherà al Submarino Amarillo. Le cifre dell’affare sono quelle che si erano ipotizzate nei giorni scorsi e che erano già emerse: il Villarreal dovrebbe versare circa 2,5 milioni di euro nelle casse del Milan per il prestito oneroso, mentre il diritto di riscatto è stato fissato a 18 milioni. Ancora da capire – lo sapremo solo domani, probabilmente – se effettivamente si tratti di diritto di riscatto; possibile che alla fine la formula venga tramutata in obbligo. Di sicuro l’avventura di Bacca con il Milan termina qui; i rossoneri incasseranno di fatto quello che hanno speso per acquistare Mateo Musacchio, e dunque in questo senso “pareggiano” i conti con il Villarreal. Dopo che la trattativa per portare Nikola Kalinic al Milan si è definitivamente sbloccata, il futuro dell’attaccante colombiano era segnato; già vicino all’addio lo scorso anno, il giocatore torna in Spagna dove si era affermato con la maglia del Siviglia, contribuendo in maniera decisiva alla vittoria di due Europa League.

LE CIFRE DEL COLOMBIANO CON IL MILAN

Bacca è rimasto al Milan per due stagioni: il suo arrivo nell’estate del 2015 era stato salutato con entusiasmo dopo stagioni buie e rappresentava di fatto un grande colpo con il quale tornare a sognare. Il primo anno del colombiano con la maglia rossonera non ha tradito le aspettative: sono arrivati 18 gol in 38 partite di campionato e 2 in Coppa Italia, spesso e volentieri l’attaccante è risultato decisivo per le sorti di una squadra che, affidata a Sinisa Mihajlovic prima e Cristian Brocchi poi, è andata calando senza riuscire a qualificarsi in Europa. L’anno seguente il feeling con Vincenzo Montella non è mai davvero sbocciato: dopo un periodo negativo Bacca è addirittura finito in panchina per fare spazio a Gianluca Lapadula. Anche così comunque è riuscito a segnare 13 gol in 32 apparizioni in Serie A e a timbrare il cartellino, ma il rapporto si è via via deteriorato. Le cifre parlano di 77 partite e 34 gol; i numeri tirano dalla parte del giocatore, ma in questo Milan rinnovato non c’era forse più posto per un attaccante già avanti con gli anni (a settembre ne compirà 31) e che in qualche modo aveva lasciato di intendere di voler cambiare aria. L’anno prossimo si vedrà se ci saranno ancora i margini per rivedere Bacca nel Milan, ma sarà molto difficile. 



© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori