Di Maria al Barcellona?/ Calciomercato, l’annuncio su Twitter: è opera di un hacker

- Claudio Franceschini

Il Barcellona ha annunciato nella notte l’acquisto di Angel Di Maria: pochi minuti dopo tuttavia la notiziona di calciomercato è stata smentita dalla società che ha parlato di hackeraggio

DiMaria_Psg_esultanza_lapresse_2017
Video Psg Rennes (LaPresse - repertorio)

Il Barcellona ha acquistato Angel Di Maria. Questo l’annuncio che, nella notte, il profilo Twitter della società blaugrana ha lanciato: “Benvenuto al Barcellona”. Profilo verificato: dunque, la notizia si è diffusa a macchia d’olio nel giro di qualche minuto, perchè nel mondo di oggi basta un attimo perchè qualche parola messa in rete diventi virale e nota a tutti. Pochi minuti più tardi però è emersa la verità: lo stesso Barcellona ha comunicato di aver subito un attacco informatico. “Stiamo lavorando per risolvere la situazione il prima possibile”: niente di vero dunque, Di Maria al momento rimane un calciatore del Paris Saint Germain (è partito titolare nell’ultima partita di campionato, vinta 6-2 contro il Guingamp) e il mondo del calcio è vittima ancora una volta di hackeraggio (non è infatti una novità quanto successo). Il fatto per di più non contribuisce a spegnere le polemiche tra le due società: è notizia delle ultime ore che il Barcellona abbia chiesto a Neymar un risarcimento di 9,3 milioni di euro (la vicenda risale al rinnovo del contratto lo scorso ottobre) aggiungendo che, qualora il brasiliano non sia in grado di pagare, la somma dovrà essere versata dallo stesso Psg (e Leo Messi non ha perso tempo nel pubblicare una foto che lo ritrae insieme al brasiliano e a Luis Suarez, la MSN che si è separata dopo tre stagioni ricche di gol e trofei). L’affare Di Maria rischia ora di gettare altra benzina su un fuoco che arde vivo.

I DUBBI PER LA FASCIA SINISTRA

Al di là dell’hackeraggio subito, il Barcellona deve ancora risolvere la grana sull’esterno sinistro. Il nome di Angel Di Maria non è stato scelto a caso: l’argentino è tra i principali indiziati a prendere il posto di Neymar, sia per il grande talento del giocatore sia perchè l’intesa con Leo Messi, affinata dalle tante partite in nazionale, potrebbe essere un fattore decisivo nella stagione blaugrana. Per il momento però la società catalana si è mossa in altre direzioni: parte dei 222 milioni di euro incassati per la cessione di Neymar sono andati a coprire l’arrivo di Paulinho, in quota ci sarebbe anche l’acquisizione di Jean Michael Seri (ma i termini per la clausola rescissoria sono scaduti e dunque l’affare può complicarsi) e dunque si è pensato di rinforzare un centrocampo che potrebbe perdere Andrés Iniesta (non ha ancora deciso se rinnovare) e non convince nelle sue seconde linee. E’ chiaro che un giocatore nel tridente offensivo serva: a meno che non si decida di dare piena fiducia a Gerard Deulofeu, rampollo di casa rientrato dalle esperienze con Everton e Milan, e magari blindare quel Munir El Haddadi che cose buone le aveva fatte vedere. Tra Ousmane Dembélé, Philippe Coutinho e, perchè no, anche Lorenzo Insigne i nomi sul taccuino blaugrana non sono pochi e sono tutti di grande livello, ma alla fine del calciomercato manca poco più di una settimana e il tempo inizia a stringere. A meno che l’hacker non abbia detto e scritto la classica mezza verità in procinto di diventare intera…

© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori