Calciomercato 2017-2018/ Il punto di Brancatisano: giocatori sopravvalutati, spesi troppi soldi! (esclusiva)

Calciomercato 2017-2018: intervista esclusiva al procuratore sportivo Pietro Brancatisano sui gli affari e i colpi di mercato di questa estate, da Neymar a Bonucci. 

neymar_barcellona_psg_lapresse_2017
Neymar (foto LaPresse)

Si è chiusa alle ore 23 di giovedì la sessione estiva di calciomercato e il clima è ormai rovente: tanti i club impegnati in colpacci dell’ultimo minuto e le sorprese potrebbero essere davvero dietro l’angolo. Di certo non sono mancati in queste settimane i colpi di scena: dal caso Neymar al Paris Saint Germain all’arrivo di Bonucci al Milan, oltre che annose vicende di mercato che hanno riguardato Schick e Donnarrumma e Keita, con tanti dubbi sul prossimo futuro di Berardi e Belotti, su cui ci aspettiamo la sorpresa sul finale. Per fare il punto di questa sessione di calciomercato abbiamo sentito il procuratore Pietro Brancatisano: eccolo in questa intervista esclusiva a ilsussidiario.net.

Cosa ne pensa di questa sessione di calciomercato? Si sono spesi tanti soldi, sono stati fatti tanti colpi, in realtà credo proprio che alcuni giocatori siano stati troppo sopravvalutati!

Qual è stata la squadra che si è mossa meglio? Direi che il Milan e la Juventus sono le squadre che hanno fatto meglio.

Quale il colpo più importante? Douglas Costa, un esterno di grande valore con la Juventus che ha acquistato un grande giocatore. Schick è molto forte ma dovrà ancora crescere, è un calciatore in prospettiva, con un grande futuro.

Quello più atteso, quello mancato? Mi aspettavo di più dall’Inter, che prendesse Di Maria, Vidal. In realtà la formazione nerazzurra ha calciatori funzionali al suo gioco, è una squadra che potrà puntare in alto. Se però prendeva un top player avrebbe operato molto bene.

Milan tanti acquisti, tanti soldi spesi, cosa ne pensa? Tanti giocatori buoni ma è stato preso un solo campione come Bonucci. Mi aspetto molto invece da Andrè Silva che non convince tutti.

Il divario tra big, medie e piccole è aumentato? No è diminuito, vedi una Spal che ha iniziato bene il campionato.

Chi pensa avrebbe potuto fare di più? La Roma e la Fiorentina. Del resto però cosa poteva fare la società viola se tutti volevano andarsene! Corvino poi ha fatto due – tre colpi di buon valore.

Non si dovrebbe puntare più sui settori giovanili? Questo è un nostro limite e lo stiamo pagando, sarà così anche a livello internazionale. E’ una politica che non è stata seguita in questa sessione di calciomercato. Sarà importante cambiare in futuro!

Cosa ne pensa poi del calciomercato pazzo del Paris Saint Germain, le cifre spese per Neymar, Mbappé…Cifre troppo alte, si può capire al limite Neymar che già da alcune stagioni è un calciatore molto forte. Mbappé invece è giovane, è stato preso in prestito e il Psg dovrà pagarlo la prossima stagione. Non capisco in questo caso perchè abbia speso tutti questi soldi. Non capisco neanche perchè ugualmente il Barcellona abbia speso tanto per Dembelè, un calciatore sopravvalutato!

Non si dovrebbe mettere una regola a tutto questo? Sì certo sarebbe ora di mettere dei vincoli, per evitare che accadono queste cose, che i giocatori vengano pagati così tanto, per evitare queste cifre incredibili…

 

(Franco Vittadini)

© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori