Perisic, addio all’Inter? “Premier il mio sogno”/ “Ero vicino al Manchester United, ma Spalletti…”

Ivan Perisic, addio all’Inter? La Premier League è il suo sogno. In un’intervista conferma un retroscena: “Ero vicino al Manchester United, ma Luciano Spalletti…”

30.11.2018 - Silvana Palazzo
Perisic_Moretti_Inter_Torino_lapresse_2018
Ivan Perisic, addio all'Inter? (Foto LaPresse)

Ivan Perisic torna a parlare del suo mancato approdo in Premier League. Dopo le dichiarazioni nella conferenza stampa della vigilia della partita di Champions League Tottenham-Inter, l’attaccante croato ha parlato ai microfoni di Four Four Two. Ha svelato i retroscena dell’interesse del Manchester United di José Mourinho. «È vero, c’era una proposta del Manchester United e stavo per lasciare l’Inter. Ma ho deciso di rimanere». La ragione è Luciano Spalletti, in particolare «la perseveranza nel farmi giocare un ruolo importante» da parte dell’allenatore dell’Inter. «Nel calcio, i piccoli dettagli in queste situazioni sono fondamentali». Ma Ivan Perisic non lascia chiusa la porta della Premier League, anzi non nasconde il desiderio di aprirla. «Ho sempre detto che questo è il mio sogno, nel calcio tutto è possibile, vedremo in futuro. Ora mi sto concentrando sull’Inter». La speranza di Perisic è che i tifosi nerazzurri capiscano il suo punto di vista.

PERISIC, ADDIO ALL’INTER? “PREMIER IL MIO SOGNO”

In conferenza stampa Ivan Perisic aveva rilasciato dichiarazioni simili: «Se mi piacerebbe giocare in Premier League? L’ho sempre detto che giocare in Inghilterra è il mio sogno, è un campionato che mi affascina. Nel calcio tutto è possibile, ma ora sono all’Inter e penso alle partite dell’Inter». In questo inizio di stagione però Ivan Perisic non ha brillato particolarmente. Grande protagonista ai Mondiali con la Croazia, l’attaccante ha segnato due gol in 17 presenze tra campionato e Champions League. Un rendimento non all’altezza di un giocatore come Perisic, ritenuto dall’allenatore dell’Inter Luciano Spalletti un titolarissimo alla pari del capitano Mauro Icardi. Eppure non c’è continuità di rendimento in questa stagione. Sta forse pagando ancora una condizione non eccellente a causa del post Mondiale? Può essere una spiegazione, ma è sicuramente parziale. Il fatto è che ora le prestazioni poco convincenti stanno cominciando ad essere troppe.



© RIPRODUZIONE RISERVATA