Calciomercato invernale, chiude il 31 gennaio/ La sessione va avanti anche dopo la ripresa della Serie A

La sessione di calciomercato invernale chiuderà il 31 gennaio e non il 18 come era stabilito in un primo momento. Si cambia ancora nel calcio italiano

20.12.2018 - Matteo Fantozzi
Massimiliano Allegri, allenatore Juventus
Massimiliano Allegri (Instagram)

La sessione di calciomercato invernale chiuderà il 31 gennaio e non il 18 come era stabilito in un primo momento. Si cambia ancora nel calcio italiano con le trattative che andranno ancora avanti anche dopo il ritorno in campo per la Serie A. In estate, dopo anni di richiesta da parte dei dirigenti del calcio italiano, era arrivata finalmente la decisione di chiudere la sessione estiva prima dell’inizio del campionato. Una scelta presa per impedire continue polemiche su calciatori pronti a scendere in campo con una maglia che poi avrebbero cambiato dopo poche giornate. Ora però cambia tutto nuovamente, anche se solo per gennaio e non per l’estate prossima e le polemiche saranno ovviamente moltissime. Va ricordato inoltre che i giochi apriranno il 4 gennaio e che da quest’anno i calciatori che hanno disputato la fase a gironi della Champions League o dell’Europa League potranno giocare, per la prima volta, con un’altra maglia nella stessa competizione.

Calciomercato invernale, chiude il 31 gennaio: quali saranno i colpi?

Quali saranno i colpi del calciomercato invernale che chiuderà il 31 e non il 18 gennaio? La Juventus è quella che sicuramente ha meno bisogno di fare qualcosa, ma potrebbe intervenire per cercare di dare qualcosa in più a un centrocampo troppo spesso orfano di Sami Khedira ed Emre Can. Si parla di Paul Pogba e il suo ritorno fa piacere ai tifosi. Il Napoli deve decidere come giocare nella seconda parte della stagione e se puntare al sogno Scudetto o concentrarsi sull’Europa League. Un attaccante farebbe di certo comodo, soprattutto un giocatore con caratteristiche diverse di quelle viste fino a questo momento nella rosa di Carlo Ancelotti. L’Inter reclama qualità in mezzo al campo e se il nome altisonante di Toni Kroos fa quasi paura, quello meno eccelso di Alfred Duncan può essere un’opportunità comunque interessante. La Roma è quella che si muoverà di più con diverse cessioni e un bel ritocco a un centrocampo troppo dipendente dai partiti Kevin Strootman e Radja Nainggolan.



© RIPRODUZIONE RISERVATA