Cesare Prandelli nuovo allenatore Udinese/ Tudor non viene confermato: l’ex CT della Nazionale torna in Italia

- Claudio Franceschini

Cesare Prandelli sarà il nuovo allenatore dell’Udinese: la società friulana ha deciso di non confermare Igor Tudor e dunque apre al ritorno in Italia dell’ex CT della nostra Nazionale

Cesare_Prandelli_conferenza_stampa
Cesare Prandelli Profilo Instagram Al Nasr FC

Sarà Cesare Prandelli il nuovo allenatore dell’Udinese: colpo di calciomercato per la società friulana, che riporta in Italia l’ex allenatore della Nazionale. Non ci sarà quindi la conferma per Igor Tudor: l’avventura del croato, ex calciatore della Juventus, termina dunque dopo poche settimane e nonostante una salvezza che si era fatta complicata e che è stata archiviata all’ultimo turno del campionato. Per Prandelli una nuova sfida, l’ennesima nella nostra Serie A: il tecnico di Orzinuovi si rimette in corsa dopo le esperienze all’estero, vissute con Galatasaray, Valencia e Al-Nasr. Avventure che a dire il vero non sono andate come sperato: nel primo e nel terzo caso Prandelli è stato esonerato, mentre a Valencia era stato lui a dimettersi per le divergenze con la società in termini di calciomercato. Adesso l’allenatore cercherà di far tornare l’Udinese sui livelli che aveva raggiunto con Francesco Guidolin: difficile che la famiglia Pozzo gli chieda subito di tornare in Europa, ma certamente l’aspirazione della società friulana è quella. Restano ancora da capire le cifre dell’accordo, che non è ufficiale ma sembra arrivare a passi spediti verso la sua definitività.

PRANDELLI NUOVO ALLENATORE UDINESE: TORNA IN ITALIA

Dunque Cesare Prandelli fa il suo ritorno in Italia: proprio con la Nazionale aveva vissuto il suo ultimo momento nel nostro Paese. Un’esperienza che gli aveva regalato la finale agli Europei, inattesa ma arrivata con pieno merito; poi però anche la cocente e deludente eliminazione al primo turno dei Mondiali, con tante controversie circa il ruolo di Mario Balotelli (da allora e fino a pochi giorni fa mai più convocato in azzurro) e su altre scelte, tanto da portare alle dimissioni dal ruolo di CT. Prandelli però va anche ricordato per quanto fatto in altre piazze: soprattutto alla Fiorentina, dove ha riportato la squadra viola a conoscere l’Europa (semifinale di Coppa UEFA) e a essere una delle squadre più divertenti in Italia. Ci sono poi le promozioni dalla Serie B arrivate con Verona e Venezia, la qualificazione all’Intertoto con gli scaligeri e due quinti posti con un Parma che non era più la potenza della seconda metà degli anni Novanta. Sono passate tante stagioni da allora: riuscirà Prandelli a riportare l’Udinese sui livelli che ha conosciuto nel passato recente?



© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori