DARMIAN ALLA JUVENTUS/ 13 milioni allo United: jolly per le fasce in una difesa tutta “made in Italy”

- Claudio Franceschini

Matteo Darmian sarà il primo colpo del calciomercato Juventus: messi sul piatto 13 milioni di euro da girare al Manchester United, l’operazione sembra essere in dirittura di arrivo

Darmian_Italia_Spagna_lapresse_2017
Darmian alla Juventus? (LaPresse)

Adesso anche fonti di mercato d’Oltremanica danno l’affare praticamente in dirittura d’arrivo: a meno di sorprese, Matteo Darmian sarà presto il nuovo terzino destri della Juventus, oltre che il primo rinforzo estivo che Beppe Marotta regalerà al tecnico Massimiliano Allegri in vista della stagione 2018/2019. 13 milioni di euro la somma che la Vecchia Signora pagherà al Manchester United per riportare l’ex torinista in Italia e puntellare la rosa bianconera in modo strategico: infatti, il classe ’89 e titolare della nazionale italiana viene in soccorso ad Allegri diventando un importante jolly per il reparto difensivo, specie dopo gli addii di Lichtsteiner e di Asamoah, mentre non è ancora certa la permanenza di Alex Sandro, uno degli elementi che hanno più mercato nonostante una stagione non trascendentale e la mancata convocazione ai Mondiali. Darmian infatti può giostrare su entrambe le fasce e, nell’ennesima stagione caratterizzata da impegni sui tre fronti, tornerà utile per dare un cambio ad Allegri e comporre con Caldara, Chiellini, Spinazzola e De Sciglio una terza linea tutta made in Italy. (agg. di R. G. Flore)

13 MILIONI AL MANCHESTER UNITED

Sembra praticamente fatta: al netto dei ritorni (Leonardo Spinazzola) o degli arrivi “ritardati” dai prestiti (Mattia Caldara), il primo colpo di calciomercato della Juventus sarà Matteo Darmian. Il terzino del Manchester United torna dunque in Italia: ha un passato importante nel Torino (quattro stagioni) e ha anche segnato un gol nel derby, ma si tratta di dettagli sui quali i tifosi potranno passare sopra. Quel che è importante è che dopo tre stagioni in Premier League il calciatore sarà un tassello importante nella rivoluzione estiva bianconera: secondo le ultime notizie il cartellino di Darmian costerà 13 milioni di euro. Beppe Marotta, Amministratore Delegato della Juventus, lo ha già definito “un’opportunità”; Massimiliano Allegri avrà a disposizione un laterale duttile, ancor più di quel Mattia De Sciglio che può giocare anche a sinistra ma solo in casi eccezionali. Darmian invece la corsia mancina l’ha esplorata più volte nel corso della carriera, soprattutto nel Manchester United; a proposito, a gennaio la Juventus aveva già provato a prenderlo ma all’epoca José Mourinho non aveva voluto privarsi di un elemento importante della sua rosa, mentre nelle estati precedenti i Red Devils avrebbero contemplato solo partenze temporanee e dunque con la formula del prestito.

DARMIAN ALLA JUVENTUS: COME CAMBIA LA DIFESA

Con l’arrivo di Matteo Darmian, la difesa della Juventus torna a essere un po’ più italiana; soprattutto, Allegri ha di fatto a disposizione il terzino sinistro che gli serviva, contando che Kwadwo Asamoah ha già salutato e che Alex Sandro potrebbe farlo. Qualora il brasiliano ex Porto dovesse rimanere a Vinovo (cosa che certamente non renderebbe scontento il suo allenatore), la Juventus avrebbe due laterali bassi per ogni fascia, aspettando il rientro di Leonardo Spinazzola che si è operato: Darmian infatti potrebbe rappresentare l’alternativa a De Sciglio a destra oppure giocarsi il posto con Alex Sandro dall’altra parte. In più non va sottovalutata l’esperienza internazionale: 36 presenze con l’Italia giocando da titolare Mondiali ed Europei, in più 9 partite in Champions League e 8 in Europa League (4 già ai tempi del Palermo). Certamente non potrà essere il solo rinforzo sugli esterni che la Juventus acquisterà sul calciomercato estivo, ma Darmian rappresenta un ottimo punto di partenza e la conferma di come i bianconeri siano già al lavoro per costruire una squadra che dovrà rimanere competitiva come accaduto negli ultimi anni, per continuare a vincere in Italia e sfatare finalmente il tabù europeo.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori