Calciomercato Torino/ Bofisè: Baselli e Belotti? Rimarranno, e il Gallo ha voglia di redimersi (esclusiva)

- Michela Colombo

Calciomercato Torino: intervista esclusiva a Giuseppe Bofisè sulle prossime mosse dei granata. Baselli e Belotti dovrebbero rimanere nel capoluogo piemontese.

andrea_belotti_2_torino_lapresse_2017
Probabili formazioni Shakhtyor Soligorsk Torino (LaPresse)

Movimenti di calciomercato in casa Torino: secondo le ultime voci infatti vi è la possibilità che sia Defrel che Falcinelli possano arrivare alla squadra di Mazzarri entro questa estate. C’è anche la possibilità che parta Baselli, magari verso la Lazio, mentre Sirigu piace a tanti club importanti, come lo stesso Napoli che sta facendo fatica a chiudere per Leno. I tifosi del Toro son ansiosi di capire poi il futuro di Belotti, che viene da una stagione difficile. Per parlare di tutto questo abbiamo sentito il procuratore Giuseppe Bofisè: eccolo in questa intervista esclusiva a ilsussidiario.net.

 Defrel granata? Non credo, perchè Di Francesco l’ha voluto alla Roma. Defrel ha avuto alcuni problemi fisici questa stagione e dovrebbe essere confermato per far parte ancora della formazione giallorossa.

Arriverà Falcinelli? Credo che in questo caso il suo ingaggio da parte del Torino sia possibile. Falcinelli potrebbe vestire la maglia granata.

Per Baselli la cessione è sicura? No, penso che possa rimanere nella formazione di Mazzarri per continuare a essere un punto fermo del centrocampo granata.

Quale sarà il futuro di Belotti? Penso che possa rimanere ancora al Torino. Viene da una stagione difficile, collezionata anche da tanti infortuni. La sua clausola rescissoria è molto alta, non vedo club disposti a pagarla. Belotti cercherà di disputare una grande stagione al Torino per tornare ai suoi livelli!

Sirigu non partirà? Dipende anche dalle offerte che arriveranno, se saranno offerte molto alte il Torino potrebbe anche pensarci. Il Napoli per esempio sta facendo fatica a chiudere per Leno e Sirugu potrebbe essere una soluzione ideale.

 

(Franco Vittadini)

© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori