Cavani alla Juventus? / Calciomercato, l’ex agente: “Lo vogliono, ma non possono permetterselo”

- Matteo Fantozzi

Cavani alla Juventus? Calciomercato, l’ex agente lo accosta ai bianconeri ma sottolinea anche come questi non abbiano le risorse economiche per riuscire a mettere a segno il colpo.

Neymar_Cavani_Psg_giallo_lapresse_2017
Probabili formazioni Manchester United Psg: i grandi assenti Neymar e Cavani - LaPresse

La sensazione è che il nome di Edinson Cavani sarà ancora al centro di numerose bagarre di calciomercato durante l’estate che va ad iniziare ufficialmente tra qualche giorno. Il calciatore uruguaiano però al momento sembra davvero molto lontano dalla possibilità di vestire la maglia della Juventus per una questione puramente economica, ma non è da escludere che possa cambiare qualcosa. Sarà il calciatore a decidere dove giocare nella prossima stagione, perché per tornare in Italia, dove ha giocato con Palermo e Napoli, dovrebbe notevolmente abbassarsi l’ingaggio. Di certo chi lo prende fa un affare anche perché rispetto ai tempi azzurri si ritroverebbe in rosa un calciatore con una nuova maturità internazionale grazie a tantissime partite in Champions League sulle spalle e alla possibilità di confrontarsi con campioni incredibili come Zlatan Ibrahimovic.

L’EX AGENTE CONFERMA INTERESSE DEI BIANCONERI

Edinson Cavani alla Juventus sicuramente è un affare che stuzzica la fantasia dei più, con i tifosi bianconeri che sarebbero felici di vedere il Matador al centro del loro attacco. L’eventuale partenza di Gonzalo Higuain apre la strada infatti all’acquisto di un calciatore di valore superiore o quantomeno pari e Cavani sarebbe l’erede perfetto per la maglia numero nove. Il suo ex agente Claudio Anellucci che sottolinea a JuveNews.eu: “Nell’ultimo anno Cavani ha ottenuto un ulteriore premio dal Paris Saint German e guadagna tredici milioni di euro l’anno. La Juventus al massimo ne paga 7.5, come può sforare così tanto il suo tetto ingaggi? Per una questione logica io dico che l’affare sembra impossibile. Sento il ragazzo e il padre quotidianamente anche se il fratello ora lo gestisce. L’ultima volta provai a portarlo in Cina ma il Psg si oppose. Ora le cose sono cambiate, ma…



© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori