Nainggolan all’Inter/ Calciomercato, Zaniolo e Santon le contropartite tecniche per la Roma (Ultime notizie)

- Claudio Franceschini

Radja Nainggolan è sempre più vicino a vestire la maglia dell’Inter in questa sessione di calciomercato, ma i nerazzurri e la Roma devono ancora trovare un accordo, si continua a lavorare

Nainggolan_Pjanic_Roma_Juventus_lapresse_2018
Nainggolan all'Inter (Foto: LaPresse)

Secondo il giornalista, esperto di calciomercato, Alfredo Pedullà, è stato trovato anche l’accordo per le contropartite tecniche che, accompagnate a un conguaglio economico, dovranno convincere la Roma a cedere Radja Nainggolan all’Inter. Il valore del cash per l’affare dovrebbe aggirarsi intorno ai 23-24 milioni di euro. Confermato l’arrivo del bomber dell’Inter Primavera, Zaniolo, in giallorosso, il nome nuovo è quello dell’esterno di difesa Santon, che in passato era già stato segnalato vicino alla Roma in precedenti sessioni di mercato. Santon avrebbe dato il via libera al suo passaggio nella Capitale, si dovrà solo definire il suo nuovo ingaggio e per questo è previsto un incontro tra gli agenti del difensore e i dirigenti della Roma a Trigoria. Sciolto questo ultimo nodo, la trattativa si sbloccherà, Nainggolan sarà interista e la Roma avrà due nuovi giocatori in rosa e poco meno di 25 milioni di euro in più in cassa. (agg. di Fabio Belli)

AFFARE IN DIRITTURA D’ARRIVO

Affare in dirittura d’arrivo nonostante le ovvie smentite di rito dei diretti interessati: Nainggolan, a meno di sorprese, potrebbe essere presto (probabilmente a partire dal 1° luglio) un nuovo giocatore dell’Inter dato che la società nerazzurra e la Roma avrebbero trovato una intesa sulla base di una parte cash da corrispondere e che si aggirerebbe attorno ai 22 milioni di euro e a due contropartite tecniche che farebbero il percorso inverso e che sarebbero particolarmente gradite al ds giallorosso Monchi. Infatti, se da una parte la società capitolina pare aver ceduto, rinunciando alla pretesa di esigere dall’Inter solo soldi, dall’altra Ausilio ha accettato di coinvolgere nell’operazione non uno ma ben due ‘canterani’ interisti. I nomi più gettonati sembrano essere quelli di Zaniolo, top scorer dell’Inter Primavera Campione d’Italia e quel Pinamonti inseguito da vari club di A: sul secondo tuttavia, adesso gestito da Mino Raiola, pare che arrivino smentite e Monchi potrebbe rivolgere la sua attenzione verso altri prospetti green della formazione pluri-titolata di Stefano Vecchi, vale a dire Valietti e Pompetti per una valutazione complessiva del “Ninja” che si aggirerebbe attorno ai 35 milioni. (agg. di R. G. Flore)

IL RETROSCENA DELLA TRATTATIVA

Un retroscena interessante sulla trattativa tra l’Inter e la Roma per Radja Nainggolan è svelato dal Corriere dello Sport, che evidenzia una volta di più la centralità di Luciano Spalletti in un affare ormai imminente che porterà il belga in nerazzurro. Spalletti a Nainggolan ha telefonato più volte, anche nei giorni tristi dell’esclusione dai Mondiali, garantendogli centralità nell’Inter che sta nascendo e soprattutto il ruolo da trequartista, che aveva imparato ad apprezzare nel penultimo anno alla Roma, sotto la guida proprio di Spalletti, poi passato a Milano. Nainggolan lascia a malincuore Roma, dove anche la famiglia si era sempre trovata molto bene. In passato aveva rifiutato il Chelsea perché sosteneva fosse assurdo cambiare vita e Paese a 28 anni, ma negli ultimi sei mesi a Trigoria l’aria è cambiata per lui e quindi un trasferimento meno drastico come quello a Milano e ritrovando il suo ex allenatore è diventata naturalmente una soluzione molto valida. (Aggiornamento di Mauro Mantegazza)

SIAMO AI DETTAGLI

Mancano solamente gli ultimi dettagli per il trasferimento di Radja Nainggolan dalla Roma all’Inter. Il centrocampista belga è stato individuato come rinforzo ideale da Luciano Spalletti, con la dirigenza nerazzurra che sta cercando di raggiungere l’intesa con la società capitolina. L’esperto di mercato Gianluca Di Marzio ha fatto il punto sulla trattativa: “Prima di definire l’operazione, però, la Roma deve cedere Radja Nainggolan all’Inter. Anche qui c’è l’accordo economico tra società e calciatore, il belga prenderà circa 5 milioni bonus compresi con un contratto che non dovrebbe scadere oltre il 2021 (verrà forse aggiunta un’opzione). Nainggolan viene valutato tra i 34 e i 36 milioni, pagati in parte (20-22 milioni) cash e per il resto in contropartite. Una sarà sicuramente Zaniolo, l’altra la Roma dovrà sceglierla. I giallorossi volevano Radu e Valletti, promessi però dall’Inter al Genoa”. C’è ancora qualche dettaglio da limare, dunque, ma la fumata bianca è molto vicina… (Aggiornamento di Massimo Balsamo)

SI CHIUDE DOPO IL 30 GIUGNO?

Le voci sul possibile passaggio di Radja Nainggolan all’Inter si rincorrono, ma per ora di certo c’è il fatto che fino al 30 giugno l’Inter dovrà impegnarsi per trovare un modo per mettere a posto i conti e soprattutto per coprire il disavanzo di 38 milioni di euro che l’Uefa ha rilevato. Dunque è molto probabile che solo dopo la fine del mese si chiuderà l’affare che dovrebbe riportare a Luciano Spalletti il suo pupillo belga. Un giocatore importante, che sembra però aver chiuso la sua parabola romana. Le parti però devono ancora trovare un accordo economico, per questo Nainggolan ha predicato prudenza a chi aveva chiesto conto di alcune indiscrezioni emerse nel pomeriggio. Sembra comunque evidente che il Ninja non è mai stato così vicino al nerazzurro, se l’Inter alzerà leggermente l’offerta di 20 milioni di euro già avanzata, l’affare si farà. (agg. di Fabio Belli)

IL NINJA SMENTISCE

Nelle ultime ore la voce di un trasferimento di Radja Nainggolan all’Inter si sono rafforzate con l’idea che proprio il calciatore avesse confessato ai tifosi della Roma una frase inequivocabile “ci vediamo a Milano”. Come sempre il Ninja ha deciso di dare la sua risposta in maniera molto colorita, mettendo in confusione tutti i tifosi che sembravano ormai orientati a capire quale sarebbe stato il suo futuro. Sui social network ha commentato un post scritto da un tifoso che si riferisce proprio alla famosa frase con una semplice parola “Ca…”. Sicuramente Radja Nainggolan ha spesso commesso degli scivoloni difficili da giustificare, ma allo stesso tempo ha dimostrato di essere sempre sincero e diretto. Proprio per questo molto spesso si è procurato dei problemi, perché la verità è venuta fuori fin troppo. Dove giocherà dunque nella prossima stagione? Al momento è davvero impossibile capirlo. (agg. di Matteo Fantozzi)

“CI VEDIAMO A MILANO”

La conferma del passaggio di Radja Nainggolan all’Inter sarebbe stata confermata dallo stesso calciatore belga ormai deciso a trasferirsi a Milano e a lasciare la Roma. Secondo quanto riportato da Calciomercato.com il calciatore sarebbe stato oggi al centro Fulvio Bernardini di Trigoria e avrebbe pranzato poi in un noto ristorante vicino allo Stadio Olimpico. Il calciatore avrebbe sottolineato ai tifosi presenti un “Ci vediamo a Milano” che sa molto di ultimo saluto. La sensazione è che l’affare potrebbe anche essere ufficializzato in questa settimana e gli indizi sono molti. La Roma infatti in mezzo al campo ha già acquistato Ante Coric e Bryan Cristante, pare poi pronta a portare nella capitale anche Javier Pastore dal Paris Saint German. Questo triplo colpo preannuncia quindi ovviamente una cessione in mezzo al campo dove non ci dovrebbe essere più spazio proprio per il calciatore belga arrivato dal Cagliari nel gennaio del 2014. (agg. di Matteo Fantozzi)

STAVOLTA CI SIAMO DAVVERO

Stavolta ci siamo davvero per Radja Nainggolan all’Inter. Secondo Sky Sport sembra che l’affare tra nerazzurri e Roma sia in dirittura d’arrivo. Si parla di un affare da venti milioni di euro più i cartellini di due giovani della Primavera. In prima fila rimangono il trequartista ex Entella Nicolò Zaniolo e l’attaccante Andrea Pinamonti che poi la Roma potrebbe girare ancora in prestito a un altro club di Serie A per farli crescere. Nainggolan è sicuramente un giocatore importante e Luciano Spalletti ha già dimostrato proprio in giallorosso di saperlo sfruttare al meglio. Con questo ormai certo acquisto riuscirà a rinforzare una squadra che al momento mancava proprio di un elemento dietro le punte dopo il ritorno di Rafinha al Barcellona. L’acquisto del centrocampista belga non esclude però la possibilità che la squadra meneghina possa andare a richiedere ai blaugrana il cartellino del brasiliano. (agg. di Matteo Fantozzi)

PINAMONTI CONTROPARTITA TECNICA

Radja Nainggolan è sempre più vicino a lasciare la Roma ed approdare all’Inter dove ritroverebbe Luciano Spalletti. L’ex tecnico della Roma vorrebbe già averlo per il 9 luglio, data di inizio ritiro, ma prima bisogna trovare l’accordo per il trasferimento: la Roma chiede 40 milioni, l’Inter invece vorrebbe chiudere sui 30 milioni. I nerazzurri potrebbero inserire Andrea Pinamonti come contropartita per realizzare un’importante plusvalenza e sbloccare finalmente l’affare. L’acquisto del centrocampista belga servirebbe a dare anche maggiore entusiasmo ad una piazza che crede fortemente nel progetto avviato da Suning come dimostrano i numeri dell’ultima stagione e le presenze allo stadio San Siro. Nainggolan, che non ha mandato giù l’esclusione dai Mondiali, sembra davvero pronto a lasciare la Roma per iniziare la nuova avventura. (agg. Umberto Tessier)

NAINGGOLAN SEMPRE PIU’ VICINO ALL’INTER

Radja Nainggolan all’Inter si farà. L’operazione di calciomercato potrebbe diventare ufficiale già in questa sessione di calciomercato quando i due club saranno pronti a mettersi seduti a ragionare sull’affare. Secondo quanto riportato da Premium Sport ci sarebbe solo un vero problema tra Inter e Roma che si sono risentite anche stamattina per provare a chiudere l’affare. Le difficoltà sorgerebbero attorno alla contropartita tecnica con i giallorossi che continuerebbero a insistere per Andrea Pinamonti e i nerazzurri che non vorrebbero percorrere questa pista, offrendo altri calciatori presenti in rosa e che la controparte per ora respinge. La sensazione è che l’affare alla fine si completerà con le due squadre che ragionano con grande attenzione attorno a diversi nomi da inserire nell’affare che potrebbero nelle prossime settimane portare all’ufficialità. (agg. di Matteo Fantozzi)

“MI STANNO VENDENDO”

La telenovela Radja Nainggolan è ben lontana dalla sua conclusione: il centrocampista belga della Roma, come ben sappiamo, è il primo obiettivo dell’Inter per espressa volontà di Luciano Spalletti che lo ha già allenato in giallorosso e ben conosce le potenzialità del Ninja. Il quale, escluso a sorpresa dai convocati di Roberto Martinez per i Mondiali, ha subito dunque una sorta di seconda delusione: non solo quella per mano della sua nazionale, anche quella che deriva dalla Roma che, a quanto pare e come si dice su Sky Sport, ha sostanzialmente scelto di poter fare a meno di lui. Sul profilo Instagram, a chi gli ha chiesto di rimanere in giallorosso anche nella prossima stagione, il centrocampista ha risposto con un “mi stanno vendendo” piuttosto eloquente; come dicevamo nei giorni scorsi i rapporti tra lui e la società sarebbero ai minimi storici. L’Inter è la soluzione più probabile perchè ci sarebbe già l’accordo con la società nerazzurra, ma l’intesa non è ancora stata trovata.

LA STRATEGIA DELL’INTER PER NAINGGOLAN

Come ha scritto la Gazzetta dello Sport, le parti si troveranno a breve per trovare un accordo. Ormai l’interesse di tutti è quello che Nainggolan si trasferisca all’Inter; vero che la Roma preferirebbe cederlo all’estero, ma la volontà del calciatore è quella di tornare da Spalletti; il problema resta quello del fair play finanziario e di un’Inter che prima del 30 giugno non potrà effettuare operazioni in entrata a meno di aver generato plusvalenze sufficienti. Ecco allora il nuovo piano delle due società: spezzare l’affare Nainggolan in due parti. La prima prevederebbe l’arrivo in giallorosso del giovane Nicolò Zaniolo, che resta la principale contropartita messa sul piatto e che trova il gradimento dei capitolini; la seconda, solo a luglio, sarebbe ovviamente l’acquisto da parte dell’Inter di Nainggolan, così che le limitazioni imposte dalla Uefa non costituiscano un problema. Hanno tutti fretta di chiudere, e dunque non dovrebbe mancare molto all’ufficialità dell’operazione.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori