CLAUDIO MARCHISIO/ Ultime notizie, il Monaco sul Principino: intanto la moglie punge la Juventus su Instagram

- Claudio Franceschini

Claudio Marchisio, ultime notizie: l’ex centrocampista della Juventus sembra vicino al Monaco, ma sono tante altre le squadre che potrebbero formulare un’offerta, tra cui anche il Siviglia

Marchisio
Claudio Marchisio ai tempi della Juventus (LaPresse)

Mentre il suo futuro si gioca su tra fronti, ovvero l’offerta dalla Ligue1 del Monaco, per un “Principino” che finirebbe nel Principato, MLS americana e Liga, dove vi sarebbero alcuni club interessati, continua la polemica a distanza tra la moglie di Claudio Marchisio e la Juventus, rea secondo Roberta Sinopoli di aver scaricato uno dei simboli dell’ultimo decennio bianconero. “Nel calcio e nel cinema meglio essere rimpianti che sopportati” ha scritto la compagna in un post su Instagram, riprendendo una frase di Michele Placido da una intervista rilasciata a Tuttosport e che probabilmente era rivolto a Massimiliano Allegri, colui che a suo dire avrebbe progressivamente emarginato l’ex centrocampista della Nazionale fino a portarlo alla rescissione consensuale del contratto. Arriverà questa volta la replica del tecnico bianconero? (agg. di R. G. Flore)

QUALE FUTURO PER CLAUDIO MARCHISIO?

Quale sarà il futuro di Claudio Marchisio? Per l’ex centrocampista della Juventus le porte del calciomercato sono ancora spalancate: avendo rescisso il contratto con la società bianconera, il Principino fa parte della lunga lista degli svincolati e dunque anche adesso può firmare dovunque. Già, ma dove? Le ipotesi e le illazioni si sprecano: la cosa che appare certa è che la carriera di Marchisio non proseguirà in Italia, perchè è troppo forte il legame con la Juventus – al netto di come è finita l’avventura, durata 25 anni. Per il resto, è tutto valido: dai campionati “esotici” come quello giapponese, dove è già andato a giocare un certo Andrés Iniesta (già due gol in quattro partite) e che sembra attirare il calciatore piemontese, fino ad arrivare alla Liga anche se, per il momento, non si parla di big. Nelle ultime ore però pare che si possa scatenare un derby: Siviglia e Betis, le due squadre della città andaluse, sarebbero pronte a offrire un contratto a Marchisio. Scegliendo la prima ipotesi, l’ex Juventus potrebbe trovarsi a giocare in Europa League e dunque ancora nel calcio che conta, in una squadra nella quale ritroverebbe tanti ex della Serie A (da Franco Vazquez a Luis Muriel passando per Simon Kjaer e André Silva, tripletta all’esordio). In pole position però c’è il Monaco, che sembrerebbe anche essere la destinazione più gradita da Marchisio.

MARCHISIO TRA MONACO E MLS

Se Marchisio dovesse finire a giocare nel Principato, aumenterebbe il rischio della Juventus di trovarsi contro una larga parte della sua storia recente: nel Psg milita Gigi Buffon, ma anche il Monaco giocherà la prossima Champions League e, anzi, a differenza dai campioni di Francia i biancorossi – già avversari della Juventus in due delle ultime edizioni del torneo – potrebbero incrociare i campioni d’Italia già nel girone, visto che le fasce sono diverse (il Monaco è in terza, la Juventus è testa di serie). Ci sono però altre possibilità concrete: per esempio la MLS, il principale campionato degli Stati Uniti. Che raccoglie anche alcune squadre canadesi: i Montréal Impact, il cui presidente è Joey Saputo (lo stesso del Bologna), hanno avuto tra le loro fila Marco Di Vaio, Alessandro Nesta, Bernardo Corradi e Matteo Ferrari, e oggi hanno in rosa Matteo Mancosu dimostrando di guardare fortemente al nostro calcio. In panchina c’è anche una vecchia conoscenza di Marchisio, ovvero Rémy Garde: il centrocampista e la Juventus lo avevano incrociato nei quarti di finale di Europa League (stagione 2013-2014) superando il turno. Ad ogni modo il futuro di Marchisio è ancora tutto da scrivere: il Principino prende tempo, le offerte sono tutte allettanti per un motivo o per l’altro e prima o poi (presumibilmente nei prossimi giorni) arriverà una decisione in merito. I tifosi della Juventus incrociano le dita: dopo Buffon, potrebbero doversi preoccupare di un altro avversario illustre e amatissimo.







© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori