Niang lascia il Torino / Il senegalese verso il Rennes, ennesimo addio all’Italia

- Matteo Fantozzi

Niang lascia il Torino, il senagalese verso il Rennes: è l’ennesimo addio al campionato italiano dell’attaccante francese, eterna promessa non mantenuta del calcio contemporaneo.

Douglas_Costa_Niang_Juventus_Torino_lapresse_2017
Douglas Costa, prima stagione con la Juventus (Foto LaPresse)

Mbaye Niang è a un passo dall’ennesimo addio al nostro campionato, dopo esser stato rilanciato dal Torino infatti lascerà la Serie A per tornare a giocare in Ligue 1. Il calciatore del Torino, chiuso dall’arrivo di calciatori importanti come Simone Zaza, è pronto a firmare con il Rennes. Si parla di un prestito con diritto di riscatto che potrebbe regalare al calciatore l’ennesima occasione di una carriera vissuta tra alti, pochi e sporadici, e bassi, sempre dietro l’angolo. Attaccante esterno dotato di un grandissimo scatto non è riuscito a conquistare Walter Mazzarri nonostante questo lo avesse allenato anche quando era al Watford dove era stato bravo a rilanciarlo ad altissimi livelli. Difficile ipotizzare se per il calciatore ci sarà un’altra occasione in Italia.

AMORE-ODIO CON LA SERIE A

Mbaye Niang fu scoperto dal Milan nell’estate nel 2012 quando ad appena 18 anni fu pescato dal Caen. Giocatore rapido e dotato di grandissima tecnica era apparso un po’ timido e impacciato soprattutto sotto porta in 28 partite infatti non era riuscito a segnare nemmeno una rete. Nel 2014 per lui arriva l’idea di un prestito al Montpellier dove trova gol e continuità, meritandosi il ritorno in Italia. Col Milan però l’avventura dura appena sei mesi e parte di nuovo in prestito per andare a giocare col Genoa. In Liguria finalmente Niang esplode anche in Serie A, collezionando 14 presenze e 5 reti. Allora il Milan nella stagione 2015/16 decide di puntarci. In un anno e mezzo segna 8 reti in 34 partite prima di ripartire ancora in prestito al Watford. Un anno fa la cessione a titolo definitivo al Torino e ora il nuovo addio al nostro campionato.







© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori