CLASSIFICA GIRO D’ITALIA 2019/ Valerio Conti maglia rosa: un italiano al comando

- Mauro Mantegazza

Classifica Giro d’Italia 2019: la maglia rosa passa a Valerio Conti dopo la fuga di oggi, secondo Giovanni Carboni che adesso è maglia bianca

Valerio Conti Giro d'Italia
Valerio Conti è la maglia rosa nella classifica Giro d'Italia (LaPresse)

Valerio Conti è la nuova maglia rosa, grandi novità nella classifica del Giro d’Italia 2019. Oggi la fuga da lontano ha avuto il via libera e ne ha approfittato nel migliore dei modi il corridore romano della UAE Team Emirates, che era già il meglio piazzato in classifica generale tra tutti i fuggitivi ed è arrivato secondo al traguardo, alle spalle solamente di Fausto Masnada. Il bergamasco e il romano sono arrivati da soli dopo avere collaborato in modo splendido e la divisione delle soddisfazioni è stata naturale: tappa per Masnada e maglia rosa per Conti, che colma un vuoto pesante. Nelle ultime due edizioni del Giro d’Italia infatti non c’era mai stato un corridore italiano in maglia rosa, dobbiamo dunque tornare a Vincenzo Nibali in trionfo a Torino al termine del Giro 2016. Tra gli altri fuggitivi c’era anche Giovanni Carboni, altro protagonista che merita di essere celebrato: il corridore della Bardiani-CSF infatti adesso è secondo nella generale a 1’41” da Conti e si prende la maglia bianca di migliore giovane. Primoz Roglic adesso è undicesimo a 5’24”. (Aggiornamento di Mauro Mantegazza)

FOCUS SULLA MAGLIA AZZURRA

Siamo solo all’inizio di questa intensissima 6^ tappa della corsa rosa e le alte montagne sono ancora ben lontane: non per questo non pare interessante fare focus sulla classifica del Giro d’Italia che riguarda proprio gli scalatori. La graduatoria è una delle più significative data la natura della grande corsa a tappe italiana e come è noto concede al suo leader l’iconica maglia azzurra che ora è indossata dal ciclista italiano Giulio Ciccone, anche al via di Cassino questa mattina. Benché come abbiamo visto i Gpm affrontati finora in questa prima settimana del Giro d’Italia 2019 si siano rivelati più che modesti, l’alfiere della Trek Segafredo si è comunque si è comportato ottimamente riuscendo a mettere a segno 24 punti e quindi pure un vantaggio di 18 punti sul primo rivale, ovvero François Bidard della Ag2r La Mondiale. Completa poi il podio provvisorio Marco Frapporti della Androni Giocattoli, che ha messo a tabella 4 punti, gli stessi della maglia rosa Primoz Roglic. (agg Michela Colombo)

OCCHIO AD ACKERMANN

Una classifica del Giro d’Italia 2019 molto importante in questa prima fase della corsa è la graduatoria a punti della maglia ciclamino, dal momento che ci sono già stati ben tre arrivi in volata. Due vittorie sono andate al tedesco Pascal Ackermann e di conseguenza proprio il tedesco della Bora-Hansgrohe è il leader con un buon margine di vantaggio sugli inseguitori. Per la precisione, Pascal Ackermann ha 121 punti e il margine di vantaggio su Fernando Gaviria comincia a farsi interessante, perché il colombiano della UAE Emirates ha 93 punti. In terza posizione Arnaud Demare con 86 punti, poi si scende decisamente perché Caleb Ewan è quarto a quota 66. Molto bene Matteo Moschetti, sesto con 32 punti: il milanese classe 1996 è già una bella realtà, anche se naturalmente gli manca ancora un ultimo salto di qualità per lottare davvero con i big della classifica generale. Nei prossimi giorni ci saranno tappe miste nelle quali i velocisti potrebbero rimanere all’asciutto, ma soprattutto ci sarà da capire chi fra loro arriverà fino a Verona. Scenario che comincia ad essere difficile per Elia Viviani, che a causa della penalizzazione ha -32 punti: per lui l’obiettivo maglia ciclamino è già svanito, punterà a vincere qualche tappa ma non è detto che completerà il Giro d’Italia. (Aggiornamento di Mauro Mantegazza)

ROGLIC IN MAGLIA ROSA

La classifica del Giro d’Italia 2019 vede sempre in maglia rosa Primoz Roglic. Queste giornate apparentemente interlocutorie dell’edizione numero 102 del Giro d’Italia stanno in realtà dicendo già molto: la pioggia e il freddo infatti pesano e purtroppo anche le cadute. Ieri infatti abbiamo dovuto registrare il ritiro di Tom Dumoulin, che ha provato a prendere il via ma ha dovuto subito arrendersi al dolore causato dalla caduta nel finale del giorno precedente. La neutralizzazione del finale ha comunque aiutato a “congelare” (quasi letteralmente) la situazione nella classifica generale, dove Roglic ha sempre un vantaggio di 35″ su Simon Yates e 39″ su Vincenzo Nibali. Nei prossimi giorni ci sono tappe mosse che qualche novità potrebbero anche portarla, ma cresce già l’attesa per la cronometro di domenica da Riccione a San Marino, altra giornata sulla carta favorevole a Roglic, che dunque potrebbe entrare nella seconda settimana del Giro d’Italia da leader con ampio margine, anche se poi ci saranno tante montagne che naturalmente porteranno ulteriori cambiamenti.

CLASSIFICA GIRO D’ITALIA 2019: LE ALTRE GRADUATORIE

Parlando anche delle altre graduatorie del Giro d’Italia 2019, in primo piano in queste giornate spesso dedicate ai velocisti c’è naturalmente la classifica a punti. Da questo punto di vista bisogna notare che Pascal Ackermann è saldamente in maglia ciclamino e la vittoria di ieri a Terracina naturalmente ha permesso al velocista tedesco della Bora-Hansgrohe di consolidare il suo primato. La maglia azzurra è altrettanto saldamente sulle spalle di Giulio Ciccone, uno dei grandi protagonisti del primo scorcio della Corsa Rosa: l’abruzzese della Trek Segafredo è stato infatti il mattatore dei pochi Gpm finora affrontati da questo Giro d’Italia numero 102 e per adesso il suo primato nella apposita classifica Gpm è saldo, anche se naturalmente questa è una classifica che si infiammerà solo fra diverse tappe e di conseguenza al momento è impossibile sbilanciarsi. Infine la classifica dei giovani: la maglia bianca è sempre sulle spalle di Miguel Angel Lopez, il colombiano della Astana che naturalmente ha ambizioni di altissimo livello anche sulla generale ma punta pure al bis della classifica degli Under 25 già conquistata un anno fa, anche per lui comunque il momento della verità sarà più avanti.

CLASSIFICA GENERALE GIRO D’ITALIA DOPO LA 6^ TAPPA

1 Valerio Conti, UAE 25h22’00”
2 Giovanni Carboni, Bardiani-CSF, + 1’41”
3 Nans Peters, Ag2R + 2’09”
4 José Rojas, Movistar + 2’12”
5 Valentin Madouas, Groupama-FDJ + 2’19”
6 Amaro Antunes, CCC + 2’45”
7 Fausto Masnada, Androni-Sidermec + 3’14”
8 Pieter Serry, Deceuninck-Quick Step + 3’25”
9 Andrey Amador, Movistar + 3’27”
10 Sam Oomen, Sunweb + 4’57”

© RIPRODUZIONE RISERVATA