Diretta Formula 2/ Gp Baku 2019, Latifi vince una surreale gara 2: è caos in pista

- Mauro Mantegazza

Diretta Formula 2 Gp Baku 2019 streaming video e tv, orario e vincitore di gara-2 che si disputa oggi nella capitale dell’Azerbaigian (28 aprile)

mick schumacher 2018 wikipedia
Diretta Formula 2: Mick Schumacher (Wikipedia)
Pubblicità

Gara 2 del Gp dell’Azerbaigian della formula 2 vede la vittoria di Latifi che viene accompagnato sul podio da Correa e Aitken, ma la vera notizia alla bandiera a scacchi di questo secondo banco di prova per la cadetteria a Baku è ancora una volta l’inefficienza del comitato di organizzatore della gara. Di fatto la corsa a cui abbaiamo appena assistito si è svolta quasi sempre in regime bandiere gialle e dietro alla safety car: nella gara di appena una ventina di giri ci sono stati in tutto 3 incidenti, tutti di poco conto e dove le sette vetture in tutto coinvolte hanno rimediati danni di poco conto. Eppure la lentezza da parte dei commissari di pista nel ripristinare le condizioni di sicurezza è qualcosa di adir poco scandaloso. Polemiche a parte che certo saranno infiammate per giorni vediamo che accaduto in pista oggi per gara 2 della formula 2 almeno nei pochi tratti in cui è stato possibile correre. Allo spegnimento dei semafori parte bene Gelael ma alle sue spalle Calderon, Deletraz e Boschung finiscono out già in curva due, richiamando la Safety Car: il pilota della Prema si tiene quindi dietro nel trenino Correa e Latifi. Presto viene data la bandira verde e assistiamo al brillante duello tra Latfi e Correa per la prima piazza: alla fine è il canadese ad andare avanti e a conquistare pure la posizione di leader della corsa ai danni di Gelael. Dalle retrovie però Ghiotto comincia a farsi vedere mettendo a segno un giro veloce dopo l’altro: al nono giro però tutto fermo perchè Alesi va a muro e richiama bandiere gialle e safety car. A nove giri al termine la Safety rientra ai box ma già al 13^ giro, lo schianto in curva 2 tra Ghiotto, King e Mazepin richiama la SC in pista: le operazioni di recupero delle vetture di Formula 2 è più lungo del previsto e perciò invece dei giri regolamentari si decide che la gara 2 verrà disputata sui 45 minuti. Nel mancano solo due quando viene ripristinata la bandiera verde e di fatto cambia ben poco: vince Latifi, dietro a Correa e Aitken, con Mick Schumacher che è riuscito ad arrivare quinto. (agg Michela Colombo)

STREAMING VIDEO E DIRETTA TV, COME SEGUIRE LA FORMULA 2

Rendiamo subito noto a tutti gli appassionati che gara-2, attesa oggi alle ore 11.10 per il Gran Premio d’Azerbaigian di Formula 2 a Baku, sarà in diretta tv sulla piattaforma satellitare di Sky, che per questa stagione ha acquistato i diritti televisivi anche per il secondo campionato automobilistico. Tutti gli abbonati quindi potranno seguire la prova di Baku sul canale Sky Sport Formula 1, al numero 207 della piattaforma satellitare. Sarà quindi garantita anche la diretta streaming video tramite il servizio garantito da Sky Go, disponibile per Pc, tablet e smartphone.

Pubblicità

SI PARTE!

Tutto è pronto per la partenza di gara-2 della Formula 2 a Baku, che completerà il Gp Azerbaigian 2019 per il campionato cadetto dell’automobilismo. Avvicinandoci dunque all’ultimo atto del weekend della Formula 2, dobbiamo dare una notizia non piacevole per Luca Ghiotto. Infatti, il pilota italiano è stato ritenuto responsabile del contatto con Sergio Sette Camara in occasione dell’ennesima ripartenza dopo la Safety Car ed è stato punito con 5 secondi di tempo aggiuntivi, scalando così dalla sesta alla nona piazza. Doccia fredda per Luca Ghiotto, che così perde diversi punti nella classifica del Mondiale Piloti di Formula 2 e dovrà anche partire da una posizione molto peggiore oggi in gara-2. Ricordiamo cosa era successo ieri: quando la Safety Car è tornata ai box dopo la neutralizzazione necessaria per rimuovere le monoposto di Zhou e Calderon, Ghiotto è entrato in contatto con la DAMS del brasiliano che lo precedeva. Sette Camara dopo lo scontro è finito contro il muro ed è stato costretto al ritiro, mentre Ghiotto è entrato ai box con l’ala anteriore danneggiata e subito dopo la sostituzione dell’elemento ha ottenuto una grande rimonta fino al sesto posto. I commissari tuttavia hanno punito Ghiotto per non aver mantenuto la propria posizione dietro Sette Camara prima della ripartenza. Adesso però la parola torna alla strada, gara-2 della Formula 2 a Baku sta davvero per cominciare! (Aggiornamento di Mauro Mantegazza)

Pubblicità

INFO E ORARIO

La Formula 2 è in diretta anche oggi con il Gran Premio d’Azerbaigian, seconda prova del Mondiale 2019: il circuito di Baku è infatti uno di quelli che ospita pure la categoria “cadetta” e tra ieri e oggi stiamo vedendo in azione sulle strade della capitale dell’Azerbaigian anche tutti i nomi più attesi della Formula 2. Il nostro Luca Ghiotto ci sta regalando soddisfazioni e gode anche della maggiore popolarità della categoria dovuta all’arrivo del figlio d’arte Mick Schumacher, senza dimenticare (a proposito di padri celebri) che c’è pure Giuliano Alesi. Come prevede il regolamento della Formula 2, oggi domenica 28 aprile sarà il giorno di gara-2, che è più breve rispetto a gara-1 cui abbiamo assistito ieri e assegna punteggio ridotto (15 punti al primo e punti fino all’ottavo, non al decimo) per la classifica del Mondiale Piloti di Formula 2. La partenza avrà luogo alle ore 11.10 italiane, quando a Baku saranno già le 13.10, considerato il fuso orario.

DIRETTA FORMULA 2, GP AZERBAIGIAN: I PROTAGONISTI

Verso la diretta Formula 2 del Gp Azerbaigian a Baku, i nomi più attesi sono certamente quelli di chi ha saputo fare meglio finora, cioè in Bahrain e poi ieri in gara-1. Il quadro però non è chiarissimo, perché le gerarchie sono profondamente cambiate: a Sakhir i protagonisti assoluti erano stati il nostro Luca Ghiotto, il canadese Nicholas Latifi e il brasiliano Sérgio Sette Câmara, che avevano monopolizzato i podi di entrambe le gare. Ieri invece, tra errori e sfortune, nessuno dei tre è stato protagonista e si è imposto il britannico Jack Aitken davanti all’olandese Nyck De Vries e all’altro britannico Jordan King, mentre era stato il giapponese Nobuharu Matsushita a fare la pole position. Sabato da dimenticare anche per Mick Schumacher, anche il tedesco aveva fatto molto meglio in Bahrain. Le gerarchie dunque sono ancora instabili: che cosa ci dirà la domenica di Baku?

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Pubblicità