DIRETTA GIRO D’ITALIA 2019, 2^ TAPPA/ Ha vinto Ackermann! Viviani battuto in volata

- Mauro Mantegazza

Diretta Giro d’Italia 2019, streaming video e tv: gruppo recupera, solo 3 davanti. In fuga anche Ciccone, Maglia Azzurra che punta alla Bianca. La seconda tappa

Giro d'Italia
Diretta Giro d'Italia: uno scorcio scenografico (da Facebook Giro d'Italia)

Ackermann ha vinto la seconda tappa del Giro d’Italia 2019: era uno dei grandi favoriti e ha confermato i pronostici. Una vittoria netta davanti ad Elia Viviani, partito troppo tardi. Sembrava potesse giocarsela, ma il veronese ha reagito in maniera tardiva alla progressione del tedesco, quindi non ha rimontato a sufficienza. Terzo Caleb Ewan, uno dei velocisti più attesi, quarto posto invece per il colombiano Gaviria, che è sembrato “svuotato” nello sprint finale. Ha chiuso davanti al francese Demare. Buon sesto posto di Davide Cimolai. Quello di Ackermann comunque è stato un successo meritato: il ciclista tedesco ha fatto lavorare molto la squadra, poi l’ha premiata con una vittoria grazie ad una prestazione autoritaria. Nella fase finale è apparso infatti carico e infatti si è confermato un osso duro da battere allo sprint. Da segnalare la caduta a 500 metri dall’arrivo del francese Le Gac (FDJ), ma fortunatamente non è stato travolto dal resto del gruppo. (agg. di Silvana Palazzo)

CICCONE TOP, MA IL GRUPPO…

Giulio Ciccone impone il ritmo e fa selezione nel GPM a pochi chilometri dall’arrivo di Fucecchio: passando per primo sotto il traguardo intermedio di Montalbano, la Maglia Azzurra consolida il suo primato con 18 punti complessivi, 14 invece per Bidard e Roglic mentre il gruppo guidato dal Team Bahrain è a un minuto e 39 secondi. A tirare come forsennati sono i corridori della UAE Emirates che per Gaviria e Ulissi stanno provando a riportare il groppone addosso ai fuggitivi rimasti ormai in 3, oltre a Ciccone anche François Bidard e Lucasz Owsian. Intanto il corridore della Istrael Academy Guillaume Boivin dopo la rovinosa caduta si è rialzato senza gravi conseguenze anche se è rimasto attardato rispetto al gruppo. Meno 25 chilometri dal traguardo, sarà dura per Ciccone e Co. tenere testa al gruppo che vuole a tutti i costi il primo arrivo in volata del Giro d’Italia. (agg. di Niccolò Magnani)

IL VANTAGGIO DEGLI 8 SI RIDUCE

Il gruppo si spezza e poi si ricompatta: cambia volto la Tappa Bartali del Giro d’Italia 2019. Il gruppo si era diviso in discesa, poi pian piano il gap è stato chiuso e a 120 chilometri dal traguardo si è ricompattato. E così il vantaggio dei fuggitivi si è ridotto, ma in testa al gruppo sta facendo un grande lavoro Nelle Vanendert (Lotto Soudal), il quale sta “tirando” da molti chilometri. Quando ci si è avvicinati al primo traguardo volante di giornata, i corridori hanno tolto le mantelline e i vari indumenti di copertura. Il forte vento ha lasciato spazio al sole. Marco Frapporti (Androni-Sidermec) ha vinto il traguardo volante di Montespertoli davanti a Damiano Cima (Nippo-Vini Fantini-Faizanè) e Mirco Maestri (Bardiani-CSF). Ora il gruppo transita a 3’15’’ di ritardo. Al comando Francois Bidard (Ag2r La Mondiale), Marco Frapporti (Androni-Sidermec), Mirco Maestri (Bardiani-CSF), Lukasz Owsian (CCC Team), Sean Bennett (EF Education First), Damiano Cima (Nippo-Vini Fantini-Faizanè), Giulio Ciccone e William Clarke (Trek-Segafredo). (agg. di Silvana Palazzo)

CICCONE IN FUGA CON ALTRI 7

Prosegue e si consolida la fuga degli 8 di testa quando mancano circa 120 chilometri alla fine della Tappa Bartali: durante la discesa di La Serra, è caduto un ciclista della Israel Academy e il gruppo si è diviso per un attimo nel tentare di correre verso la fuga degli 8 di testa, dove spicca l’ottima condizione della Maglia Azzurra Ciccone. La seconda parte del gruppo si è avvicinata alla prima ed è imminente la ricongiunzione, con la Maglia Rosa è sempre stata al sicuro nella prima parte del gruppo. Intanto là davanti gli 8 martellano con le prestazioni personali e il gruppo dovrà faticare per andarli a prendere: ricordiamo che Ciccone, degli 8 in fuga, è l’unico che concorre anche per la Maglia Bianca dei giovani e con i due GPM la sua Maglia Azzurra potrebbe rimanere sempre più stretta a lui dopo la seconda tappa. (agg. di Niccolò Magnani)

8 FUGGITIVI IN TESTA AL GIRO D’ITALIA

Prosegue la seconda tappa del Giro d’Italia 2019, iniziata dal centro di Bologna attorno alle ore 12:30 di stamane, e che si chiuderà a Fucecchio, in provincia di Firenze. Tappa al momento condizionata dal maltempo, visto che in Emilia si è abbattuta la pioggia, come del resto era stato ampiamente previsto negli scorsi giorni dagli esperti meteo. Al momento in cui vi scriviamo abbiamo superato non da molto i 30 chilometri di corsa e troviamo in vetta un gruppo composto da 8 fuggitivi, precisamente Francois Bidard (Ag2r La Mondiale), Marco Frapporti (Androni-Sidermec), Mirco Maestri (Bardiani-CSF), Lukasz Owsian (CCC Team), Sean Bennett (EF Education First), Damiano Cima (Nippo-Vini Fantini-Faizanè), Giulio Ciccone e William Clarke (Trek-Segafredo). Menzione speciale merita proprio Ciccone, già maglia azzurra ieri dopo aver vinto il gran premio della montagna, che al momento è la maglia rosa virtuale, essendo il primo in vetta con un margine di vantaggio di circa un minuto e mezzo. Ma alla fine della seconda tappa mancano ancora svariati chilometri e di conseguenza tutto potrebbe accadere, tenendo conto anche delle condizioni meteo avverse. Il gruppo di testa ha un margine inferiore ai cinque minuti dal resto dei corridori. (aggiornamento di Davide Giancristofaro)

DIRETTA GIRO D’ITALIA 2019, TAPPA 2

Il gruppone è partito poco fa da Piazza Maggiore di Bologna dando il via ufficiale alla seconda tappa del Giro d’Italia 2019, la prima “vera” di spostamento dopo la cronometro di “marca Rogliz” avvenuta ieri: intervistato allo start la maglia rosa ha spiegato che ancora non sa se difenderà strenuamente la prima posizione già oggi e deciderà anche in vista delle condizioni meteo assai mutevoli nel corso della giornata. Al momento piove a dirotto nei primissimi chilometri della seconda tappa e il groppone del Giro viaggia a velocità non molto sostenuta. Tra i più concentrati e carichi per la tappa odierna è di certo Elia Viviani, uno dei possibili grandi favoriti per il successo di giornata: l’arrivo in volata però non è per nulla scontata, visto che il Garibaldi assegna ben 3 stelle alla tappa odierna. Possibili fughe e imprese dei passisti di giornata potrebbero mettere i bastoni tra le ruote delle squadre dei velocisti: Elia resta il n.1 tra i presenti, come già dimostrato lo scorso Giro d’Italia, ma la concorrenza è tutt’altro che “spompa”. (agg. di Niccolò Magnani)

LA 2^ TAPPA DEL GIRO D’ITALIA È COMINCIATA

Siamo finalmente arrivati all’inizio della seconda tappa del Giro d’Italia 2019: vale la pena allora ricordare come erano andate le cose nella scorsa edizione. Si correva da Haifa a Tel Aviv, perché le prime tre tappe della corsa rosa erano state disputate in Israele; un percorso di 167 chilometri dopo la cronometro iniziale che aveva consegnato a Tom Dumoulin la prima leadership nella classifica. Quel giorno l’arrivo era stato in volata, e a vincere in 3h51’20’’ era stato il nostro Elia Viviani, per la Quick-Step. Il veneto aveva regolato Jakub Mareczko e Sam Bennett; si era anche preso la maglia ciclamino al termine di quella tappa, mentre Rohan Dennis era riuscito a ottenere la maglia rosa strappandola dalle spalle di Dumoulin per appena un secondo, con il belga Victor Campenaerts in terza posizione. Anche oggi si profila un arrivo con il gruppo compatto e la volata finale, ma staremo a vedere quello che succederà sulle strade del Giro d’Italia 2019, dove finalmente si torna a correre per la seconda tappa! (agg. di Claudio Franceschini)

STREAMING VIDEO E DIRETTA TV, COME SEGUIRE IL GIRO D’ITALIA (2^ TAPPA)

La diretta tv del Giro d’Italia 2019 è come sempre molto ampia, grazie all’eccellente copertura garantita dalla Rai e pure da Eurosport per i suoi abbonati. La Tv di Stato ha naturalmente il vantaggio di essere in chiaro per tutti: oggi la copertura della seconda tappa Bologna Fucecchio comincerà dalle ore 11.30 con i collegamenti su Rai Sport + HD (canale numero 57) dalla partenza e per le prime fasi della corsa, poi il passaggio dalle ore 15.00 su Rai Due, con la cronaca di tutte le fasi salienti ed infine il Processo alla Tappa dopo l’arrivo dei corridori. Discorso molto simile per quanto riguarda Eurosport, che seguirà la seconda tappa fin dalle ore 13.25, per un racconto anche in questo caso sostanzialmente integrale. Doppia possibilità anche per la diretta streaming video del Giro d’Italia, garantita a tutti tramite Rai Play oppure agli abbonati con i servizi Sky Go ed Eurosport Player. Infine ricordiamo i riferimenti ufficiali della Corsa Rosa: il sito www.giroditalia.it, la pagina Facebook Giro d’Italia e il profilo Twitter @giroditalia. CLICCA QUI PER LA DIRETTA STREAMING DEL GIRO D’ITALIA SU RAI PLAY

DIRETTA GIRO D’ITALIA 2019: CICCONE IN MAGLIA AZZURRA

Scatta oggi la seconda tappa del Giro d’Italia 2019, 205 chilometri da Bologna a Fucecchio. Ieri grande protagonista il vincitore Primox Roglic, la prima maglia rosa della gara, e fra coloro che si sono distinti anche Giulio Ciccone, vincitore della maglia azzurra, la speciale casacca riservata ai vincitori dei gran premi della montagna. Il suo tempo sulla salita di San Luca è stato di sei minuti e 3 secondi, meglio di tre secondi rispetto al vincitore della tappa. Un primo step studiato appositamente per la salita quello dello scalatore abruzzese, che si è risparmiato nel tratto in piano per poi dare il massimo in scalata: «Sicuramente è una bellissima sensazione – ha commentato il ciclista della Trek-Segafredo al termine della giornata – l’avevo già indossata l’anno scorso e per pochissimi punti l’ho persa l’ultimo giorno da Froome. Quest’anno era un obiettivo provare a prenderla subito sul San Luca, abbiamo studiato tutto a tavolino e sono contentissimo. Adesso tenerla sarà difficile perché la prima settimana non è durissima. Vivrò alla giornata, ma cercherò di essere protagonista nell’ultima settimana, quando si decide tutto». Durante la tappa di ieri Ciccone ha cambiato bicicletta in corso d’opera per essere il più veloce possibile in salita: «La dedica è alla mia famiglia – ha aggiunto e concluso – che mi supporta sempre, alla mia ragazza e alla squadra che in questi giorni ci sta supportando e ci sta facendo vivere dei giorni bellissimi». (aggiornamento di Davide Giancristofaro)

DIRETTA GIRO D’ITALIA 2019 STREAMING TV 2^TAPPA

In vista della seconda tappa del Giro d’Italia 2019 i bookmakers hanno già preso la loro decisione. Il favorito è infatti Fernando Gaviria anche se a 5.25 secondo le quote di Bet365. Dietro di lui troviamo Elia Viviani e Pascal Ackermann rispettivamente a 5.50 e 6.00. La sensazione dei bookie è che tra questi tre nomi uscirà quello che sarà il vincitore di questa attesissima seconda tappa che per 205 chilometri si estende da Bologna a Fucecchio. Sono molti i punti di spunto interessanti che vedremo in pista con diversi ciclisti pronti a fare il salto di qualità già da oggi. Ora però bisogna solo aspettare la partenza e capire come si proporranno i vari ciclisti, pronti a dimostrare la loro voglia di mettersi in mostra per provare a dare una svolta a questo classicissimo del ciclismo mondiale. (agg. di Matteo Fantozzi)

INFO E ORARIO

Il Giro d’Italia 2019 in diretta oggi domenica 12 maggio ci propone la seconda tappa Bologna Fucecchio di 205 km. Per l’edizione numero 102 della Corsa Rosa sarà dunque la prima frazione in linea, dopo la cronometro di ieri a Bologna. Sarà una domenica interessante, perché il percorso di questa frazione si presta a varie interpretazioni. Non è del tutto da escludere un arrivo in volata, ma Elia Viviani e le altre ruote veloci presenti in questo Giro d’Italia dovranno faticare non poco per arrivare allo sprint, perché il percorso accidentato fornirà sicuramente molti spunti agli attaccanti, il cui obiettivo sarà naturalmente opposto, cioè evitare una volata a ranghi compatti. Si correrà tra Emilia Romagna e Toscana, attraversando le province di Bologna, Prato, Firenze e Pistoia per tornare infine nella provincia fiorentina e per la precisione a Fucecchio, scelta come sede di tappa in occasione del 110° anniversario della nascita di Indro Montanelli, giornalista tra i più importanti nella storia d’Italia, che con il Giro ha sempre avuto un legame speciale e che tante edizioni della Corsa Rosa ha seguito.

DIRETTA GIRO D’ITALIA 2019: PERCORSO 2^ TAPPA BOLOGNA FUCECCHIO

Per presentare la diretta Giro d’Italia della seconda tappa, scopriamo adesso più nel dettaglio il percorso della Bologna Fucecchio, che prima abbiamo presentato solo per sommi capi. La partenza avrà luogo alle ore 12.20 da Bologna e si pedalerà naturalmente verso l’Appennino, come è normale che sia dovendo andare dall’Emilia alla Toscana. I primi 50 km dunque saranno tutti con tendenza a salire, anche se allo scollinamento di La Serra non sarà collocato alcun Gpm. Seguirà poi la discesa sul versante toscano e un tratto pianeggiante, seguito da un primo strappo che ci porterà al traguardo volante di Montespertoli (km 130,2). Il secondo sprint intermedio sarà collocato subito dopo, cioè ad Empoli al km 146,7, poi la tappa entrerà nella sua fase più interessante, perché ci sarà da affrontare la salita verso il Gran Premio della Montagna di terza categoria di Montalbano (il Castra), collocato al km 157,6 di corsa dopo un’ascesa di 5,8 km al 6,8% di pendenza media e punte fino al 13%, dunque una salita vera dove si muoverà chi non vorrà arrivare in volata. Discesa verso Vinci e si tornerà immediatamente a salire di nuovo verso il Gpm del San Baronto (km 178,7), ascesa più lunga ma anche meno impegnativa, tanto che sarà un Gpm di quarta categoria, che comunque renderà ancora più complicato il lavoro delle squadre degli sprinter. Dopo la discesa verso Lamporecchio ci sarà ancora un ultimo piccolo strappo verso Cerreto Guidi. Gli ultimi 10 km verso l’arrivo di Fucecchio saranno invece completamente pianeggianti, ma basteranno ai velocisti per giocarsi il successo? Da segnalare un restringimento della carreggiata ai -4 km, mentre il rettilineo finale sarà di 900 metri.

© RIPRODUZIONE RISERVATA