Diretta Giro d’Italia oggi 2019/ Demare vince la 10^ tappa: Viviani beffato, è 2^

- Mauro Mantegazza

Diretta Giro d’Italia 2019 streaming video e tv: orario, percorso e vincitore della 10^ tappa Ravenna Modena di 145 km, breve frazione adatta ai velocisti

viviani amburgo 2018 giro d'italia
Diretta Giro d'Italia: Elia Viviani è molto atteso (da Facebook)

La decima tappa del Giro d’Italia 2019 va a un ottimo Arnaud Demare che da quarto incomodo nella lista dei velocisti favoriti oggi al successo, ha alla beffato tutti al fotofinish al traguardo di Modena. Vediamo che cosa è successo in questo fine di tappa così concitato, dove si sono toccati i 70 km/h. La frazione è entrata nel vivo solamente quando mancavano 7 km al traguardo finale: è stato infatti solo al 19km dal traguardo che finalmente i due fuggitivi Covili e Hatsuyama sono stati ripresi ma successivamente il gruppo è rimasto a lungo compatto. Il ritmo si è fatto sempre più elevato e non sono mancate però le distrazioni, con una sbadata che si è rivelata pericolosa per la maglia rosa Conti, che è comunque rimasto in sella. In avanti intanto hanno cominciato a formare i primi treni: Lotto Soudal, Mitchelton, Katusha, Bardiani, Androni e Bahrain-Merida e CCC occupavano la prima fila e siamo solo in attesa del primo attacco. A meno tre km dal traguardo di Modena per la decima tappa del Giro d’Italia 2019 però si continua a sgomitare e nessuno prende il largo verso la volata finale: è quando che ne mancano due che parte l’attacco di Francisco Ventoso della Lotto soudal. Lo spagnolo comincia a guadagnare metri mentre alle sue spalle i big sgomitano per raggiungerlo nonostante uno scatto bruciante: la tensione è tanta e si vede tanto che a meno di un km dalla linea finale ecco la caduta di gruppo che coinvolge pure la maglia ciclamino di Ackermann (che si rialza però con parecchie escoriazioni). Negli ultimi metri è lotta aperta per la vittoria: Ventoso è superato ed è duello tra Elia Viviani e il francese Demare. E’ solo al fotofinish che il successo viene concesso al ciclista della Groupama Fdj, mentre il campione italiano si deve accontentare del secondo gradino del podio, davanti a Selig. (agg Michela Colombo)

STREAMING VIDEO E DIRETTA TV, COME SEGUIRE OGGI IL GIRO D’ITALIA (10^ TAPPA)

La diretta tv del Giro d’Italia 2019 è come sempre molto ampia, grazie all’eccellente copertura garantita dalla Rai e pure da Eurosport per i suoi abbonati. La Tv di Stato ha naturalmente il vantaggio di essere in chiaro per tutti: oggi la copertura della decima tappa Ravenna Modena comincerà già dalle ore 12.50 con i collegamenti su Rai Sport + HD (canale numero 57) dalla partenza e per le prime fasi della corsa, poi il passaggio dalle ore 14.30 su Rai Due, con la cronaca di tutte le fasi salienti e in conclusione il Processo alla Tappa dopo l’arrivo dei corridori. Discorso molto simile per quanto riguarda Eurosport, che seguirà la decima tappa fin dalle ore 13.35, per un racconto anche in questo caso sostanzialmente integrale. Doppia possibilità anche per la diretta streaming video del Giro d’Italia, garantita a tutti tramite Rai Play oppure agli abbonati con i servizi Sky Go ed Eurosport Player. Infine ricordiamo i riferimenti ufficiali della Corsa Rosa: il sito www.giroditalia.it, la pagina Facebook Giro d’Italia e il profilo Twitter @giroditalia. CLICCA QUI PER LA DIRETTA STREAMING DEL GIRO D’ITALIA SU RAI PLAY

VERSO IL GRAN FINALE

Ci avviciniamo al gran finale della decima tappa del Giro d’Italia 2019: mancano infatti poco meno di 45 km al traguardo di Modena e di certo ci attendiamo che il ritmo della corsa finalmente si alzi, con i big che finalmente usciranno allo scoperto per riacciuffare i fuggitivi e prendersi la vittoria di tappa. Intanto però in testa alla corsa rosa Covili e Hatsuyama continuano a rimanere avanti a tutti, con un vantaggio di due minuti scarsi. In fondo ancora una volta Groupama Fdj e Deceuninck Quick Step stanno facendo il passo, mentre Bora e Lotto soudal (rispettivamente di Ackemann e Ewan) non si sono fatte vedere: fanno però compagnia in avanti anche gli uomini della Israel Cycling Academy, che puntano forte su Cimolai e Sbaragli per la volata finale. Intanto ci avviciniamo ai traguardi volanti e di certo a San Giovanni in Persiceto saranno i fuggitivi a passarlo per primi. (agg Michela Colombo)

FDJ COMANDA IN FONDO

Prosegue su ritmi placidi la corsa rosa verso il traguardo di Modena: mancano infatti 70 km all’arrivo della decima tappa del Giro d’Italia 2019 e davvero ben poco è finora accaduto in strada. Certo il tracciato completamente piatto della frazione non aiuta e verosimilmente ben poco accadrà ancora, almeno fino agli ultimi km finali. Al momento infatti troviamo davanti il solido duo andato in fuga al via formato da Covili e Hatsuyama, che si stanno dividendo il lavoro con grande accordo. Alle loro spalle il gruppo si limita a controllare, avendo ora fissato il proprio distacco su i due minuti e 15’. In fondo poi il ritmo è quasi da cicloamatore e non vengono superati i 30 km/h: un avvio quindi della seconda settimana del Giro d’Italia 2019 ben dolce per i big al momento. Da ricordare che sono sempre i francesi della Groupama Fdj a guidare l’inseguimento, a tutto vantaggio di Arnaud Demare. (agg Michela Colombo)

IL GRUPPO CONTROLLA

Superati i primi 40 km della Corsa rosa ecco che la situazione in strada per la 10^ tappa del Giro d’Italia è ancora invariata: al momento è sempre il duo Covili-Hatsuyama a guidare la corsa, ma ora il distacco dei due fuggitivi in cerca di gloria è più ridotto. Il gruppo infatti si è presto svegliato e ora sta tenendo sotto controllo la situazione onde evitare che i due guadagnino troppo tempo fino al traguardo finale di Modena. Ecco quindi che tra il duo in fuga e il resto del gruppo al momento il cronometro segna i tre minuti scarsi e per ora il ritmo della corsa non è poi elevatissimo, visto che si aggira sui 38,1km all’ora. Va però detto che se prima le big avevano lasciato correre senza prendere posizione in mezzo al gruppo, ora le scuderie stanno agendo com maggiore criterio: davanti sono gli uomini della Quick Step e della Groupama a spartirsi il lavoro, con l’obiettivo chiaramente di creare le condizioni il più favorevoli possibili per i propri uomini di punta, ovvero Elia Viviani e Arnaud Demare. Ora però è troppo presto per prevedere alcunché al traguardo di Modena. (Agg Michela Colombo)

DUE IN FUGA

Ha preso il via la decima tappa del Giro d’Italia 2019 e per il momento è accaduto ben poco in strada che porta da Ravenna fino al traguardo finale di Modena. Complice infatti la frazione completamente piatta e senza scosse, il gruppo sta lasciando andare e anzi il ritmo della corsa è ancora molto rilassato, senza che nessuna big abbia per ora preso alcuna posizione. Intanto mentre indietro ci si attarda in chiacchiere, alla partenza sono stati in due a tentare la fuga, ovviamente con grande successo: Luca Covili della Bardiani e Sho Hatsuyama della Nippo Vini Fantini Faizanè hanno dato lustro ai propri sponsor ponendo in testa alla corsa. Per ora nessuno si è messo al loro inseguimento e il distacco tra i due tronconi della corsa rosa è destinato ad aumentare col tempo, anche se già ora dopo dieci km è fissato sui 4 minuti abbondanti. (Agg Michela Colombo)

SI PARTE!

Tutto è pronto per la partenza della decima tappa del Giro d’Italia 2019, che oggi ci propone la Ravenna Modena. Parliamo adesso di Elia Viviani, che in questa edizione non è ancora riuscito a vincere – o meglio, ci sarebbe riuscito ad Orbetello, ma la giuria lo ha punito per un cambio di traiettoria che aveva ostacolato Matteo Moschetti. A Viviani dunque per ora restano due secondi posti, a Fucecchio e ad Orbetello, decisamente troppo poco per chi un anno fa aveva vinto ben quattro tappe e la maglia ciclamino, obiettivo che stavolta appare quasi impossibile. Il 2019 per Elia era cominciato alla grande, ma la quarta e ultima vittoria risale a marzo, cioè alla terza tappa della Tirreno Adriatico: il digiuno comincia a farsi lungo per uno sprinter di tale livello, oggi e domani ci saranno due tappe pianeggianti consecutive (che al Giro sono una rarità) e di conseguenza gran parte delle ambizioni residue di Elia Viviani si giocheranno proprio da adesso a domani pomeriggio. Che cosa succederà? Per scoprirlo, parola alla strada: si comincia! (Aggiornamento di Mauro Mantegazza)

IL QUARTO INCOMODO

Ci avviciniamo alla partenza della 10^ tappa del Giro d’Italia 2019 e oggi come abbiamo visto saranno i velocisti i favoriti data la natura pianeggiante del tracciato previsto. Come abbiamo detto prima, il borsino dei favoriti non prescinde dai classici nomi come Ackermann, Elia Viviani e Caleb Ewans con proprio il ciclista italiano sotto ai riflettori data la sua voglia di riscatto dopo la vittoria sfumata nella prima settimana. i tre però non saranno gli unici e la totale assenza di salite renderà la frazione di oggi parecchio movimentata. Ecco infatti che il quarto nome da tenere d’occhio già dal via di Ravenna è il francese Arnaud Demare, l’unico finora che è riuscito in qualche modo a insidiare i tre big: l’alfiere della Groupama Fdj infatti ha trovato il secondo posto nella frazione di Orbetello e il terzo gradino del podio a Terracina. inoltre Demare ha fretta di mettersi in mostra: le grandi montagne si avvicinano e ha pochi palcoscenici dove poter ancor brillare. (agg Michela Colombo)

OCCHIO AI VELOCISTI

Verso la diretta della decima tappa Ravenna Modena del Giro d’Italia 2019, possiamo ricordare che già altre quattro frazioni si sono risolte in volata in questo Giro d’Italia numero 102. Il primo sprint fu alla seconda tappa con arrivo a Fucecchio, quando il tedesco Pascal Ackermann vinse davanti ad Elia Viviani e Caleb Ewan, cominciando a chiarire perché la Bora-Hansgrohe avesse scelto lui al posto di Sam Bennett, che un anno fa si prese ben tre tappe. Il giorno dopo ad Orbetello ci fu il discusso declassamento di Viviani, che era giunto per primo sul traguardo: la vittoria così era andata a Fernando Gaviria, che però nel frattempo si è ritirato. Detto che nella tappa di Frascati Ewan è riuscito ad arrivare secondo, ma in una tappa certo non da velocisti nel senso classico, ecco che a Terracina abbiamo assistito alla seconda vittoria di Ackermann, davanti a Gaviria e ad Arnaud Demare. Infine la tappa di Pesaro, che ha presentato molte difficoltà ma alla fine si è comunque decisa in volata, con la vittoria di Ewan davanti a Viviani e Ackermann. (Aggiornamento di Mauro Mantegazza)

LA FRAZIONE DI OGGI

Torna in diretta il Giro d’Italia 2019: oggi martedì 21 maggio è il giorno della decima tappa Ravenna Modena, di appena 145 km. Dopo il primo giorno di riposo, oggi il gruppo dovrà affrontare una frazione molto breve e interamente pianeggiante, in un certo senso un’altra giornata di “riposo” per molti, sempre salvo imprevisti che nel ciclismo sono una variabile mai da sottovalutare. In linea di massima però sembra davvero impossibile ipotizzare per oggi un epilogo diverso da un arrivo allo sprint: in copertina dunque Pascal Ackermann, finora il migliore velocista del Giro d’Italia numero 102 fin dalla vittoria a Fucecchio. Invece Elia Viviani avrà grande voglia di riscatto dopo una settimana beffarda, mentre Caleb Ewan cercherà di mettersi in luce anche in una tappa ben diversa da quella di Pesaro, in cui si è faticato parecchio per arrivare alla volata. Un’occasione da non perdere per gli sprinter: il Giro d’Italia oggi e domani riserva a loro due chance consecutive, li aspettiamo dunque alla ribalta. Dalla partenza da Ravenna fino all’arrivo a Modena si pedalerà per intero sulle strade dell’Emilia Romagna, passando anche dalla provincia di Bologna.

DIRETTA GIRO D’ITALIA 2019: PERCORSO DI OGGI, 10^ TAPPA RAVENNA MODENA

Per presentare la diretta Giro d’Italia di oggi della decima tappa, analizziamo adesso con maggiore precisione il percorso della Ravenna Modena, che prima abbiamo presentato solamente a grandi linee. Va subito detto in tutta onestà che ci sarà poco da raccontare, dal momento che sarà una frazione per intero nella Pianura Padana, senza nemmeno l’ombra di una salita. La partenza avrà luogo alle ore 13.55 da Ravenna, in considerazione anche della brevità del tracciato di questa tappa, che dunque non sarà impegnativa nemmeno dal punto di vista del chilometraggio. Possiamo dunque definire la frazione di oggi come la tappa più facile di tutto il Giro d’Italia 2019, utile per ripartire dolcemente dopo il riposo di ieri. Solo pianura e tante strade dritte e larghe, al massimo si dovrà prestare attenzione ad elementi quali rotonde, dossi e spartitraffico. Ci resta dunque da annotare che i due traguardi volanti saranno collocati a San Giovanni in Persiceto al km 98,4 e poco dopo a Crevalcore al km 108, infine descriviamo gli ultimi chilometri che ci porteranno alla volata all’arrivo di Modena. Negli ultimi 5 km ci sarà una sola curva a 2200 metri dal traguardo, per cui anche da questo punto di vista sarà il giorno ideale per gli sprinter. Da segnalare solamente un tratto di 450m di pavé (porfido) dai 1500 a poco prima dello striscione dell’ultimo chilometro.

© RIPRODUZIONE RISERVATA