Diretta Madrid Open 2019/ Streaming video e tv: Hurkacz vola nel tabellone principale

- Claudio Franceschini

Segui il torneo Madrid Open 2019 in diretta streaming video: l’appuntamento con il grande tennis prosegue sulla terra rossa della capitale spagnola, Atp Master 1000 e Wta Premier Mandatory.

Alexander Zverev slice Madrid lapresse 2019
Diretta Madrid Open 2019: Alexander Zverev è il campione in carica Atp (Foto LaPresse)

Leggiamo i primi risultati del torneo Madrid Open 2019: nel tabellone maschile delle qualificazioni arrivano le vittorie di Taylor Fritz, che si libera di Marius Copil per 7-6 7-5, e di Hubert Hurkacz che, battendo Carballes Baena, si guadagna come lo statunitense il pass per il main draw. Qualificazione al secondo turno invece per Belinda Bencic: la svizzera si libera con un convincente 6-4 6-3 di Alison Van Uytvanck, confermando il suo buon momento. Avanza anche la croata Donna Vekic grazie al 7-5 6-4 su Qian Wang, una delle tante cinesi che stanno provando ad emergere in questo momento di tennis femminile; vittoria in due set per Viktoria Kuzmova che fa il colpo grosso e si libera di Julia Goerges con risultato identico. E’ al tie break del secondo set Naomi Osaka: la numero 1 Wta ha dovuto accettare la crescita di Dominika Cibulkova e dunque deve ancora chiudere i conti, con il rischio di giocare un terzo parziale che, contro un’avversaria esperta come la slovacca, potrebbe essere davvero pericoloso. (agg. di Claudio Franceschini)

STREAMING VIDEO E DIRETTA TV: COME SEGUIRE IL TORNEO

Duplice appuntamento per la diretta tv del Madrid Open 2019: il torneo maschile è infatti trasmesso sulla televisione satellitare – canale Sky Sport Arena, 204 del decoder – mentre quello femminile è esclusiva della web-tv federale SuperTennis, al numero 64 del televisore. Naturalmente ci sarà la possibilità di seguire i match anche in diretta streaming video: basterà attivare l’applicazione Sky Go per il torneo Atp, mentre con riferimento alle sfide del tabellone Wta bisognerà visitare, sempre senza costi aggiuntivi, il sito www.supertennis.tv.

MADRID OPEN 2019: BENCIC E OSAKA IN VANTAGGIO

Le prime partite del torneo Madrid Open 2019 sono già in corso: se per gli uomini dobbiamo aspettare per vedere i primi match del primo turno – in campo oggi Nick Kyrgios e Denis Shapovalov – le donne stanno giocando dalle ore 11:00 e tra le protagoniste troviamo anche la numero 1 Wta Naomi Osaka, che dopo aver vinto gli Australian Open non è riuscita a imporsi e ha perso un po’ di smalto, pur se non rischia di farsi superare da Petra Kvitova che, essendo campionessa in carica, non guadagnerà punti a Madrid a differenza eventualmente della giapponese, che da qui al Roland Garros ne ha pochissimi da difendere e potrà allungare. La Osaka ha vinto il primo set di slancio, contro Dominika Cibulkova: risultato 6-2, bene anche Belinda Bencic che sembra davvero ritrovata e ha ottenuto un 6-4 ai danni di Alison Van Uytvanck. Anche Viktoria Kuzmova è in vantaggio: per la slovacca un bel 7-5 nei confronti di Julia Goerges, tedesca sempre molto temibile nei grandi tornei. Vedremo allora come proseguiranno le cose; nel frattempo possiamo dire che al tabellone principale del torneo Atp sta provando ad arrivare il giovane polacco Hubert Hurkacz, che ha un 6-4 nel primo set contro lo spagnolo Carballes Baena. (agg. di Claudio Franceschini)

MADRID OPEN 2019: SI COMINCIA A GIOCARE

Siamo al via del Madrid Open 2019: pronti a vivere le sfide della prima giornata, dobbiamo ricordare un’edizione diventata celebre. Parliamo del 2012: allora gli organizzatori, per ravvivare l’atmosfera e dare un tocco di novità all’appuntamento, decisero di colorare la terra con un blu elettrico. Andò malissimo: dal primo all’ultimo protagonista si lamentarono tutti degli strani e fastidiosi riflessi che il sole creava sui campi, e inoltre per qualche strano e imprecisato motivo la superficie risultava parecchio scivolosa e insidiosa. Per la cronaca vinsero Roger Federer e Serena Williams, ma l’esperimento non fu più ripetuto; la terra colorata in una maniera diversa dal rosso resiste nel Premier femminile di Charleston, nel South Carolina. Lì però i campi sono di un verde particolarmente tenue, e pare che non causino tutti i problemi di cui sopra. Ora comunque siamo finalmente pronti per vivere le prime partite di questo entusiasmante appuntamento con il Madrid Open 2019: mettiamoci comodi perchè finalmente si gioca, e noi non vediamo l’ora di scoprire come andranno le cose aspettando che anche i big facciano il loro esordio nel torneo. (agg. di Claudio Franceschini)

L’ALBO D’ORO

Nell’analizzare l’albo d’oro del Madrid Open 2019, è importante dire che, come già accennavamo, questo torneo si è disputato su cemento indoor fino al 2008 compreso, anche se ha sempre fatto parte del circuito che oggi conosciamo come Master 1000. Solo dal 2009, ad ogni modo, il torneo di Amburgo è stato sostituito da questo torneo, che da allora è stato vinto quattro volte da Rafael Nadal (già campione nel 2005), due da Roger Federer e Novak Djokovic e una a testa da Andy Murray e Alexander Zverev. In campo femminile – si gioca dal 2009, per l’appunto – domina Petra Kvitova con tre titoli, a quota due ci sono Serena Williams e Simona Halep e poi troviamo i trofei singoli per Dinara Safina, Aravane Rezai e Maria Sharapova (che ha dato forfait quest’anno). Curiosità: la prima finale nella storia di questo torneo Atp, nel 2002, non fu disputata. Andre Agassi avrebbe dovuto sfidare Jiri Novak ma il ceco, che in semifinale aveva battuto il qualificato Fabrice Santoro, diede forfait; fino al 2006 la finale si è disputata, come negli altri Masters, sulla distanza dei cinque set ma al quinto sono arrivati solo Rafa Nadal e Ivan Ljubicic nel già citato 2005, con vittoria dello spagnolo per 3-6 2-6 6-3 6-4 7-6. (agg. di Claudio Franceschini)

INFO E ORARIO

Il torneo Madrid Open 2019 parte oggi, domenica 5 maggio, con inizio dei match alle ore 11:00. Il nuovo appuntamento con un Master 1000 maschile – mentre per il tabellone femminile si parla di Wta Premier Mandatory, in ogni caso la categoria appena sotto gli Slam – segue a ruota quelli di Montecarlo e Stoccarda, dove hanno trionfato rispettivamente il nostro Fabio Fognini – che nel frattempo ha dato forfait all’Estoril – e Petra Kvitova, che è anche campionessa in carica qui alla Caja Magica. In campo maschile il giocatore da scalzare dal trono è invece Alexander Zverev: non Rafa Nadal, che qui ha vinto cinque volte ma non dominato come negli altri appuntamenti sulla terra rossa, anche perchè il Mutua Madrid Open è diventato un Master 1000 soltanto nel 2009, quando ha preso il posto del torneo di Amburgo nello specifico calendario del circuito. Vedremo allora quello che succederà nella prima giornata del torneo Madrid Open 2019, anche se per i big dovremo aspettare i giorni successivi.

RISULTATI E PRECEDENTI

I motivi di interesse per seguire la diretta del Madrid Open 2019 sono tanti: innanzitutto il ritorno sul rosso di Roger Federer, che nelle ultime due stagioni aveva scelto di non competere su una superficie poco congeniale ma, ora che si avvicina all’ultimo stint di una carriera leggendaria, vuole aumentare le chance di avvicinare il record di 109 titoli vinti da Jimmy Connors e soprattutto, non avendo punti da difendere, provare a riprendersi il numero 1 della classifica mondiale. Poi, torna uno straordinario protagonista come Juan Martin Del Potro, uno dei giocatori più amati del circuito che, dopo il grave infortunio dell’autunno scorso, ha giocato i quarti a Delray Beach per fermarsi nuovamente e adesso sembra pronto a competere per arrivare in forma al Roland Garros. Da vedere anche se Rafa Nadal, dopo le delusioni dei primi appuntamenti sulla terra, sarà in grado di vincere il primo titolo del 2019 o se invece sia arrivato il momento di lasciare il testimone (magari a Dominic Thiem, che lo ha battuto a Barcellona). Nel tabellone femminile mancherà la nostra Camila Giorgi, che ha già dovuto rinunciare ai match di Fed Cup; assente anche Bianca Andreescu, che dopo il clamoroso titolo a Indian Wells ha pagato qualche problema fisico di troppo. Ovviamente le speranze azzurre si chiamano soprattutto Fabio Fognini e Marco Cecchinato, con il sanremese reduce dal grande trionfo di Montecarlo e che ha la possibilità concreta di entrare nei primi 10 giocatori al mondo.



© RIPRODUZIONE RISERVATA