DIRETTA/ Perugia Lecce (risultato finale 1-2) streaming DAZN: Vigorito decisivo

- Claudio Franceschini

Segui Perugia Lecce in diretta streaming video: la partita del Curi è importante per entrambe le squadre che potrebbero ritrovarsi ai playoff, sempre che gli umbri riescano a centrarli.

Venuti Mazzocchi Lecce Perugia lapresse 2019
Diretta Perugia Lecce, Serie B 34^ giornata (Foto LaPresse)

DIRETTA PERUGIA LECCE (RISULTATO FINALE 1-2): VIGORITO DECISIVO

Arrigoni subito impegnato, con due buoni anticipi aerei nell’area leccese. Al 32′ Nesta getta nella mischia Han al posto di Verre, e al 34′ il coreano viene anticipato proprio da Arrigoni, che si erge a baluardo difensivo dei salentini. Il Lecce inserisce Palombi al posto di La Mantia, Liverani risponde al 37′ con Falasco inserito al posto di Mazzocchi. Cambia ancora Liverani con Tabanelli che entra al posto di Petriccione, quindi viene ammonito Bianco. Al 47′, iniziati i 5′ di recupero, doppia chance per il Perugia con Vigorito che salva prima su Han, poi è miracoloso sulla conclusione ravvicinata di Sadiq. E’ l’intervento decisivo, col Lecce che piazza un colpaccio da Serie A espugnando col punteggio di 1-2 il campo del Perugia. (agg. di Fabio Belli)

STREAMING VIDEO E DIRETTA TV: COME VEDERE LA PARTITA

La diretta tv di Perugia Lecce non sarà trasmessa sui canali tradizionali: la sfida del Tombolato sarà infatti un’esclusiva della piattaforma DAZN, che ha acquistato i diritti per il campionato di Serie B 2018-2019 e fornirà dunque le sfide del torneo ai suoi abbonati, che potranno attivare la diretta streaming video su apparecchi mobili come PC, tablet e smartphone. Ricordiamo che con una smart tv con connessione a internet sarà possibile installare l’applicazione direttamente sullo schermo.

DIRETTA PERUGIA LECCE (RISULTATO 1-2): COLPISCE FALCO!

Piove in maniera fitta allo stadio Renato Curi, e il secondo tempo si apre con un diagonale di Mancosu neutralizzato da Gabriel. Il Perugia prova a pungere soprattutto con rapide ripartenze, ma a ritrovare il vantaggio è il Lecce al 10′. Ad andare in gol è Falco, con una precisa conclusione a girare dopo aver ricevuto palla da La Mantia: di fatto si scambiano i ruoli di coloro che avevano realizzato il primo gol dei salentini. Perugia in difficoltà e con poche idee quando si trova a stazionare sulla trequarti avversaria. Il Lecce dalla sua perde banalmente qualche pallone facendo arrabbiare Liverani, che al 22′ sostituisce Marino con Arrigoni. A metà primo tempo il Lecce conduce 1-2 sul campo del Perugia. (agg. di Fabio Belli)

IN GOL LA MANTIA E FALZERANO!

Finale di primo tempo ricco di emozioni tra Perugia e Lecce. Gli ospiti si sono portati in vantaggio al 38′ con un gol di La Mantia, bravo a inserirsi sul secondo palo e a sfruttare di testa una sponda di Falco su azione da calcio d’angolo. Il Perugia però ci mette poco a riorganizzarsi e riesce a riequilibrare la situazione già prima dell’intervallo grazie a Falzerano, che colpisce al 44′ al culmine di una grande azione personale, rientrando sul sinistro e non lasciando scampo a Vigorito con la sua conclusione. Precedentemente era stato ammonito Melchiorri per un fallo su Petriccione, la prima frazione di gioco allo stadio Renato Curi si chiude sull’1-1. (agg. di Fabio Belli)

AMMONITO CREMONESI

Ci vogliono 6′ per aprire le danze allo stadio Renato Curi con una conclusione di Falco che viene neutralizzata dal portiere Gabriel senza troppi problemi. Serve altrettanto tempo al Perugia per rispondere, bella iniziativa di Verre che conclude in area ma trova la pronta risposta di Vigorito. Il primo ammonito della partita è Cremonesi nel Perugia per un fallo su Falco, quindi al 16′ è ancora Verre a rendersi pericoloso offensivamente, ma la sua conclusione finisce alta sopra la traversa. Alta anche una conclusione mancina di Petriccione al 21′, a metà primo tempo poche emozioni sul taccuini e risultato ancora a reti bianche tra Perugia e Lecce. (agg. di Fabio Belli)

DIRETTA PERUGIA LECCE (RISULTATO 0-0): IN CAMPO!

Stiamo per vivere la diretta di Perugia Lecce: per la squadra di casa il pareggio raccolto a Pescara ha messo fine ad una serie di 14 partite senza pareggiare. Una striscia nella quale il Perugia ha ottenuto esattamente la metà dei punti disponibili, con 7 vittorie e altrettante sconfitte; per due volte ha vinto due partite consecutivamente ma, con i ko contro Crotone e Benevento, è tornata a perdere due gare in fila come non accadeva dalla chiusura di 2018 e l’apertura di 2019 (Cremonese e Brescia). Dunque un trend che è fin troppo alterno, e che ancora una volta fa rischiare il Grifone di non giocare quei playoff che per la qualità della rosa sarebbero ampiamente alla portata; il Lecce invece si è rilanciato con il 4-1 al Carpi, al Via del Mare ha perso una sola volta (e non accade da metà ottobre) ma l’ultima vittoria in trasferta risale ormai a fine gennaio, da allora due pareggi e tre sconfitte. Riusciranno gli umbri ad approfittare di questa statistica o invece i giallorossi sapranno riprendersi anche lontano da casa? Stiamo per scoprirlo insieme, perchè finalmente è arrivato il momento di metterci comodi e lasciare che a parlare sia il terreno di gioco del Renato Curi, dove finalmente questa entusiasmante Perugia Lecce sta per cominciare! (agg. di Claudio Franceschini)

I PRECEDENTI

Volendo analizzare i precedenti di Palermo Padova ne troviamo molti, ma bisogna anche dire che nel nuovo millennio le sfide sono state appena tre. Quando le due squadre sono state avversarie nel 2013-2014 la sfida mancava da 16 anni e mezzo; il Palermo arrivava dalle due sconfitte maturate nel 1996-1997, tra cui il 3-1 interno firmato dalla doppietta di Cristiano Lucarelli e il gol di Ivone De Franceschi, ma si era immediatamente vendicato con due successi, onorando il fattore campo grazie al rigore di Abel Hernandez ed espugnando l’Euganeo con un netto 3-0. Un Palermo che, a leggere adesso i nomi, era impressionante: ci giocavano anche Paulo Dybala, Davide Di Gennaro e Kyle Lafferty mentre il portiere era Stefano Sorrentino, all’andata in panchina c’era ancora Gennaro Gattuso che poi sarebbe stato esonerato a favore di Beppe Iachini, artefice della promozione. L’ultima vittoria del Padova è quella già raccontata; i biancoscudati nell’andata di quel campionato avevano colto un netto 4-0 interno, stessi marcatori di cui sopra ovvero Lucarelli (stavolta tripletta) e De Franceschi. (agg. di Claudio Franceschini)

JUAN LUCA SACCHI SARÀ L’ARBITRO AL CURI

Oggi l’attesa sfida Perugia Lecce sarà diretta dal fischietto della sezione Aia di Macerata Juan Luca Sacchi, che al Curi si avvarrà del sostegno degli assistenti Rossi e Scatragli oltre che del quarto uomo Marini. Mettendo ora proprio il primo arbitro sotto ai riflettori scopriamo che in stagione il direttore di gara ha messo a tabella già 14 direzioni, di cui 10 per il campionato cadetto, dove ha pure deciso di 46 ammonizioni, una sola espulsione e pure 3 calci di rigore. Va quindi aggiunto alla nostra analisi che Sacchi in carriera ha collezionato già nove testa a testa con il Perugia, tra cadetteria, e terzo campionato oltre che in Coppa Italia. Sono invece otto i testa a testa segnati tra Sacchi e il Lecce, diretto pure tre volte in stagione nel campionato regolare di Serie B e per la precisione nella prima giornata (contro il Benevento), nella 12^ (con il Cosenza) e pure nel 26^ turno contro il Verona. (agg Michela Colombo)

ORARIO E PRESENTAZIONE PARTITA

Perugia Lecce, che verrà diretta dal signor Juan Luca Sacchi, si gioca alle ore 21:00 di lunedì 22 aprile e vale per la 34^ giornata nel campionato di Serie B 2018-2019. Si tratta di una bella sfida tra due squadre di qualità, ma con una classifica al momento diversa: il Grifone sembrava essersi rilanciato e invece ha perso due delle ultime tre partite (ottenendo un solo punto), al momento la differenza reti lo tiene fuori dai playoff e tra nove giorni ci sarà una partita di vitale importanza contro il Cittadella, cioè una delle squadre sulle quali fare la corsa per arrivare alla post season. Serve allora una vittoria contro un Lecce che ha confermato la sua seconda posizione in classifica grazie al roboante 4-1 contro il Carpi, ma che si deve ancora fermare per il turno di riposo: lo farà alla penultima giornata, e dunque per quel momento i salentini sperano di aver chiuso il discorso legato alla promozione diretta. Significa che bisognerà vincere oggi e poi provare a fare il colpo contro il Brescia (comunque in casa) nella sfida che potrebbe essere decisiva; ad ogni modo anche centrare i playoff è un ottimo risultato per la squadra, ma giunti a questo punto si mira al bersaglio grosso. Ora vediamo in che modo le due squadre potrebbero essere disposte in campo; aspettando la diretta di Perugia Lecce diamo uno sguardo alle probabili formazioni di questa partita.

PROBABILI FORMAZIONI PERUGIA LECCE

Per Perugia Lecce Alessandro Nesta deve fare a meno di Sgarbi, squalificato: torna El Yamiq a fare coppia con Gyomber al centro di una difesa completata dai terzini Rosi e Mazzocchi, mentre in porta andrà come sempre Gabriel. A centrocampo si va verso la conferma di Carraro come playmaker e Verre come mezzala di inserimento, mentre Falzerano può tornare titolare a scapito di Michael che ha giocato a Pescara; Dragomir sarà il trequartista a supporto dei due attaccanti, forse ancora Sadiq Umar e Vido ma con Melchiorri e Han Kwang-Song che scalpitano e che venerdì scorso non hanno giocato, probabilmente in vista di questo impegno. Fabio Liverani, grande ex della partita, perde Lucioni e lo sostituisce con Marino che prenderà posto insieme a Meccariello al centro del reparto, Venuti a destra mentre dall’altra parte Calderoni è fuori a scopo precauzionale e dunque sarà Di Matteo ad agire sulla fascia; Tachtsidis sarà il regista con il supporto di Tabanelli e Petriccione (favorito su Arrigoni) che agiranno in qualità di mezzali, anche qui un trequartista che sarà ovviamente Marco Mancosu (12 gol in campionato) che sarà schierato un passo indietro rispetto a La Mantia (che rientra) e Palombi.

QUOTE E SCOMMESSE

Secondo le quote fornite dall’agenzia di scommesse Snai, in Perugia Lecce regna l’equilibrio: leggermente favorito il Grifone che un valore sulla vittoria (segno 1) pari a 2,55 volte la somma che avrete deciso di mettere sul piatto, ma per il successo esterno dei salentini, per il quale dovrete giocare il segno, 2 la vincita corrisponderebbe a 2,80 volte la puntata e dunque siamo molto vicini. Vale di più il segno X che regola l’eventualità del pareggio: il valore posto dal bookmaker è infatti di 3,25 volte la cifra giocata.



© RIPRODUZIONE RISERVATA