Diretta/ Venezia Trento (risultato finale 69-51): la Reyer vola sul 2-0! (playoff)

- Claudio Franceschini

Diretta Venezia Trento, risultato finale 69-51: la Reyer domina una gara-2 a basso punteggio, e si porta sul 2-0 nella serie dei quarti playoff. Alla BLM Group Arena il primo match point.

Mazzola_Giuri_Venezia_basket_lapresse_2018
Diretta Venezia Trento, quarti playoff gara-2 (Foto LaPresse)

DIRETTA VENEZIA TRENTO (RISULTATO FINALE 69-51)

Venezia Trento 69-51: la Reyer vince anche gara-2 del primo turno dei playoff e va alla BLM Group Arena sul 2-0, avendo già a disposizione il primo match point per volare in semifinale. Non è stata una partita scintillante o spettacolare: tante interruzioni e parecchi errori, palle perse e percentuali basse come del resto si evince dal punteggio finale. All’intervallo lungo la Dolomiti Energia era addirittura sotto il 25% dal campo, tenendosi in scia con i liberi ma anche con uno svantaggio già in doppia cifra. La ripresa non ha poi offerto spunti diversi: Venezia ha saputo gestire il suo vantaggio pur senza trovare troppo ritmo, cavalcando i suoi lunghi (soprattutto Austin Daye e Gasper Vidmar, ma anche Mitchell Watt ha fatto il suo) e, controllando il cronometro, impedendo di rientrare a una Trento che ha avuto pochissimo dai suoi giocatori cardine, in particolare da un impreciso Aaron Craft e da un Dustin Hogue mai accesosi. Toto Forray ha raggiunto per primo e unico la doppia cifra per punti (11) nel quarto periodo, a partita andata; così Venezia, il cui miglior marcatore è risultato essere Daye (15 punti con 4/7 dal campo) è ad una sola vittoria dalla qualificazione alla semifinale dei playoff, Trento torna a casa con le spalle al muro. (agg. di Claudio Franceschini)

VENEZIA TRENTO (50-36): 4^ QUARTO IN CORSO

Venezia Trento 50-36: terzo quarto sostanzialmente in equilibrio in questa gara-2, ma quanto fatto prima dalla Reyer spinge la squadra di casa a prendersi la vittoria alla quale mancano solo 10 minuti. L’Aquila dovrebbe rintuzzare 14 punti di svantaggio, ma fa una tremenda fatica a segnare: le percentuali sono solo leggermente migliorate ma sono ancora i tiri liberi a foraggiare una squadra che dopo tre quarti ha segnato meno di 40 punti. Gasper Vidmar continua a essere un fattore nella serie; lo è anche Julyan Stone che ha preso appena due tiri (1/2) ma ha an che 7 rimbalzi e 3 assist, mentre in casa della Dolomiti Energia non c’è nessun giocatore in doppia cifra e Toto Forray è il miglior realizzatore con 7 punti. Dunque, difficile che la squadra di Maurizio Buscaglia possa recuperare la situazione ma mai dire mai, e allora gustiamoci questo quarto periodo che sta per arrivare, per scoprire chi vincerà questo secondo episodio della serie dei quarti di finale playoff. (agg. di Claudio Franceschini)

STREAMING VIDEO E DIRETTA TV: COME VEDERE LA PARTITA

La diretta tv di Venezia Trento sarà disponibile per tutti: i canali che la trasmettono sono infatti Rai Sport e Rai Sport +, e dunque potrete assistervi anche tramite il portale www.raiplay.it. In alternativa, questa come tutte le altre partite del campionato di Serie A1 è fornita dalla piattaforma Eurosport Player: i suoi clienti potranno seguire l’evento in diretta streaming video, usufruendo naturalmente di dispositivi mobili come PC, tablet e smartphone. Sul sito www.legabasket.it troverete invece tutte le informazioni utili, come il tabellino play-by-play e le statistiche dei giocatori in campo. CLICCA QUI PER LA DIRETTA STREAMING VIDEO SU RAIPLAY

VENEZIA TRENTO (34-21): INTERVALLO

Venezia Trento 34-21: è la Reyer a prendere il largo all’intervallo lungo, approfittando ancora una volta delle percentuali basse. L’Aquila ha tirato in maniera francamente rivedibile, per non definire pessima: 7/33 con appena tre triple tentate e nessuna a bersaglio. Se in qualche modo la squadra di Maurizio Buscaglia è ancora aggrappata a gara-2 lo deve al maggior numero di liberi tirati rispetto a Venezia, che però nonostante la scarsa vena dalla distanza ha le ottime prove di Austin Daye (9 punti con e 3/4) e Gasper Vidmar, 7 punti e 5 rimbalzi ancora senza errori dal campo (ma anche ¼ dalla linea della carità). Ci avviciniamo dunque alla conclusione dell’enigma, anche se manca tutto il secondo tempo: per Trento ci sono i 5 punti a testa di Davide Pascolo e Aaron Craft ma anche appena 21 punti segnati in una metà di partita dei playoff. Vedremo allora cosa succederà nella seconda parte di questo secondo episodio dei quarti di finale, sarà 2-0 Reyer oppure l’Aquila tornerà alla BLM Group Arena con il risultato di parità? (agg. di Claudio Franceschini)

VENEZIA TRENTO (15-11): 2^ QUARTO IN CORSO

Venezia Trento 15-11: gara-2 dei quarti playoff inizia in maniera decisamente lenta da parte di entrambe le squadre. Si segna davvero poco dal campo: l’Aquila ha le polveri bagnate e sbaglia i primi 9 tiri, ma poi improvvisamente si riscuote e con Nikola Jovanovic e Toto Forray ne infila tre consecutivi che portano al primo vantaggio esterno. La Dolomiti Energia se non altro ha saputo costruire punti dalla lunetta, e in questo modo è riuscita a rimanere attaccata agli orogranata che invece stanno tirando davvero male dall’arco. Altro buon inizio di partita per Gasper Vidmar, già protagonista nel primo episodio della serie; una sfida a basso punteggio tecnicamente potrebbe favorire Trento ma bisogna stare a vedere quello che succederà nel proseguimento della sfida, perché anche Venezia ha la capacità di vincere una sfida del genere. Ci attendono dunque altri 30 minuti davvero interessanti in una partita che si sta mantenendo in equilibrio, attenzione al numero di viaggi in lunetta e alle percentuali che potrebbero fare la differenza… (agg. di Claudio Franceschini)

VENEZIA TRENTO (0-0): PALLA A DUE!

Siamo alla palla a due di Venezia Trento: nel primo episodio dei quarti playoff la Dolomiti Energia aveva avuto uno straordinario approccio, un primo periodo da 23 punti segnati con il 50% dal campo e 13 rimbalzi. Tuttavia, dei 7 canestri dal campo solo due erano stati assistiti; in più Beto Gomes ha iniziato la sua gara con 9 punti e 3/5 al tiro, ma negli altri tre periodi ha avuto 1/6 e appena 2 punti. Certo altri giocatori ne hanno prese le responsabilità offensive, ma il concetto rimane: Trento è calata decisamente nella sua produzione, e rimane quel dato sugli assist che a fine partita sono stati 6. Tradotto: un maggior numero di giocate estemporanee che una vera azione corale, e dunque è soprattutto questo che Maurizio Buscaglia dovrà sistemare. Nel frattempo ha brillato Aaron Craft: appena 9 punti e 4/11 dal campo, ma i 7 recuperi ci dicono che anche in una serata difficile il playmaker ha saputo dare il suo contributo. Ora siamo pronti a vedere in che modo si concluderà questa gara-2 del primo turno playoff: mettiamoci comodi e lasciamo che a parlare sia il campo, finalmente la diretta di Venezia Trento sta cominciando! (agg. di Claudio Franceschini)

VENEZIA TRENTO: IL PROTAGONISTA ATTESO

Se volessimo indicare un protagonista potenziale in gara-2 di Venezia Trento, parleremmo di Gasper Vidmar: il centro sloveno incarna appieno lo spirito della Reyer, ovvero quello di avere tanti giocatori che riescano a diventare determinanti nella singola partita. Basta un dato: Vidmar aveva chiuso la stagione regolare con 5,1 punti e 2,8 rimbalzi, ma in gara-1 contro la Dolomiti Energia è arrivato a 13+6 tirando anche 5/6 dal campo. La capacità dei giocatori di Walter De Raffaele è questa: a turno, riuscire ad elevarsi sopra la media della squadra sia pure in un contesto nel quale giocano poco e sono comprimari. I problemi di falli di Austin Daye e Mitchell Watt hanno costretto il coach a puntare sullo sloveno, che ha ripagato la fiducia: i due di cui sopra hanno chiuso con un totale di 10 punti e 12 rimbalzi, e Vidmar ha avuto la sua grande serata arrivando ad un solo punto dal suo record in Italia, che è di 14 proprio nell’ultima partita della regular season. Solo tre volte in doppia cifra per l’ex centro di Fenerbahçe, Olimpia Lubiana, Darussafaka e Banvit. (agg. di Claudio Franceschini)

VENEZIA TRENTO: ORARIO E PRESENTAZIONE

Venezia Trento, partita diretta dagli arbitri Roberto Begnis, Beniamino Manuel Attard e Fabrizio Paglialunga, si gioca per gara-2 dei quarti di finale playoff nel campionato di basket Serie A1 2018-2019: squadre in campo martedì 21 maggio alle ore 20:45, e situazione che vede la Reyer in vantaggio. Il primo episodio della serie sa tanto di occasione sprecata dall’Aquila che, avanti di 12 punti nel primo periodo, ha poi perso la bussola incassando un controparziale che ha permesso agli orogranata di prendere il largo. Per quello che si è visto, la situazione è davvero equilibrata: sicuramente Venezia ha più armi a disposizione, ma senza dubbio la Dolomiti Energia ha la possibilità di espugnare il Taliercio e prendersi il fattore campo, anche perchè nel corso della stagione la compagine veneta non è stata nuova a cali di tensione e partite perse anche a sorpresa. Vedremo dunque quello che succederà nella diretta di Venezia Trento: mentre aspettiamo la palla a due di questa partita, possiamo anche analizzare quelli che sono i temi principali.

RISULTATI E CONTESTO

C’è un dato che, nel presentare Venezia Trento, dobbiamo tenere a mente: l’Aquila ha segnato 23 punti nel primo periodo e poi ne ha trovati appena 34 nei tre quarti seguenti. Si spiega così il ko: il secondo periodo da appena 8 punti segnati, tirando 2/12 dal campo e facendosi battere a rimbalzo, è stato quello che ha definitivamente girato la partita, perchè ha rimesso la Reyer a contatto e le ha dato la convinzione di avere nuovamente le redini in mano. Come sempre la squadra di Walter De Raffaele si è divisa i compiti: miglior marcatore MarQuez Haynes con 14 punti, due soli giocatori in doppia cifra (la partita è stata comunque a basso punteggio) e MVP ideale di serata Gasper Vidmar, autore di 13 punti con 5/6 al tiro e 6 rimbalzi. La Dolomiti Energia ha provato a cavalcare Devyn Marble (18 punti e 5 rimbalzi, anche se con 4/12) ma a parte lui nessuno degli altri è riuscito a giocare una partita di sostanza, tanto che la valutazione complessiva è stata di 50 e ben tre giocatori – tra cui Diego Flaccadori – hanno terminato con un valore negativo. Come detto in precedenza, però, l’intero scenario potrebbe cambiare nel giro di una serata…

© RIPRODUZIONE RISERVATA