FATY PAPY MORTO IN CAMPO/ Calciatore collassa: giocava contro parere dei medici

- Dario D'Angelo

Faty Papy è morto in campo: tragedia nel mondo del calcio. Il centrocampista del Burundi stroncato da un collasso: aveva dei problemi di cuore.

faty papy 2019 youtube
Faty Papy, foto Youtube

Il mondo del calcio scosso da una nuova tragedia: il giocatore Faty Papy è morto in campo durante una partita dei Malanti Chiefs, squadra dello Swaziland in cui militava. Il centrocampista 28enne, facente parte della nazionale del Burundi, si è accasciato sul terreno di gioco vittima di un malore e per lui non c’è stato niente da fare. Non sono valse a nulla le manovre di primo soccorso poste in essere dai medici che si sono precipitati in campo per soccorrere il calciatore africano. Il giovane, come riportato da Fanpage, è deceduto nonostante il repentino trasporto in ospedale. al dolore di un evento di per sé tragico come può essere la morte di un ragazzo di 28 anni morto su un campo di calcio, si aggiunge anche il retrogusto amaro che suggerisce che questo epilogo potesse essere evitato: a Faty Papy, infatti, era stato diagnosticato nei mesi scorsi un problema cardiaco…

FATY PAPY MORTO IN CAMPO

Era stato proprio Faty Papy ad insistere con i medici perché gli consentissero di inseguire il suo sogno nonostante il problema di cuore che era emerso alcuni mesi fa in seguito ad alcuni controlli cardiaci. Come riportato da Fanpage, il giocatore dei Malanti Chiefs aveva infatti deciso di sottoporsi ad un intervento chirurgico e di continuare la sua carriera da calciatore nonostante i rischi. Il suo grande sogno, dopo essere rientrato nel giro della nazionale del Burundi da cui era uscito dopo aver esordito nel 2008, era quello di disputare la Coppa d’Africa. Per il calciatore classe 1990, cresciuto in patria e con una doppia esperienza in Turchia con la maglia del Trabzonspor (senza lasciare il segno) e poi con quella del MVV in Olanda, questo grande sogno è stato spezzato da un collasso che non gli ha lasciato scampo.



© RIPRODUZIONE RISERVATA