FORMULA 1/ Schumacher prova a chiudere Barrichello e a spingerlo contro il muro. Il brasiliano: “Cosa volete che mi aspetti da Michael?”

- La Redazione

Schumacher ha azzardato una manovra pericolosissima a Hungaroring, tentando di chiudere Barrichello mentre lo stava superando e di spingerlo verso il muro

barrichelloR375

Schumacher ha azzardato una manovra pericolosissima a Hungaroring, tentando di chiudere Barrichello mentre lo stava superando e di spingerlo verso il muro. La manovra di Schumacher con Barrichello alimenta le polemiche e i dissapori che anni scorrono tra i due.

I vecchi rancori tra Barrichello e Schumacher non sembrano destinati a sopirsi. «Se il muro non fosse finito in quel punto, non sarei qui a parlare con voi adesso. Una manovra che si vede solo sulle piste di kart. Una cosa folle, che poteva essere molto rischiosa anche per lui se solo ci fossimo toccati»: lo ha dichiarato Rubens Barrichello dopo la manovra azzardata di Schumacher all’Hungaroring, che Barrichello considera il pilota più scorretto di tutta la Formula 1. Mentre i due ex compagni stavano lottando per la decima posizione, Barrichello stava per superare Schumacher quando questo lo ha stretto spingendolo verso il muro. Rubens è riuscito comunque a passare, mentre in radio urlava: «Bandiera nera, merita la bandiera nera!». E in effetti, i commissari di gara gli hanno dato ragione. Il 7 volte campione del mondo né stato punito con la retrocessione di dieci posizioni in griglia, da scontare a Spa.

Leggi anche: F1 Ungheria/ Un Mark Webber incredibile vince alla grande il Gran Premio d’Ungheria. Alonso secondo

Leggi anche: Formula 1/ Le pagelle del Gran Premio d’Ungheria: fantastico Webber! Alonso lotta con le unghie

«Se me lo aspettavo? Cosa volete che mi aspetti da Michael?», ha detto Barrichello, per anni nella stessa squadra con Schumacher, costretto a vivere nella sua ombra. «Ho rivisto – ha aggiunto – le immagini e sono rimasto shoccato: si vede lui che mi guarda e poi decide di allargare. Se lo ha fatto apposta perché ero io? Non lo so. Se gli ho parlato? E perché mai? Gli ho parlato per sei anni e non è mai cambiato. Di sicuro, però, vi dico una cosa: dopo quello che è successo oggi, non mi supererà mai più». Sprezzante la replica del tedesco: «Se mi ha superato vuol dire che aveva abbastanza spazio. È stata una lotta dura, ma siamo qui per questo. È il solito Rubens… La punizione? Molto pesante, però la accetto».



© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori