FORMULA 1 FERRARI/ Domenicali: in Australia una gara pazza, Vettel? Per ora è della Red Bull…

- La Redazione

Inizierà nel weekend il campionato mondiale di Formula 1. La Ferrari, dopo la cocente delusione dello scorso anno, cerca il riscatto. Le prime gare saranno un terno al lotto.

ferrari_f150_R400_10feb11
La Ferrari F150 (Foto Ansa)

FORMULA 1 FERRARI – Inizierà nel weekend il campionato mondiale di Formula 1 2011. La Ferrari, dopo la cocente delusione dello scorso anno, cerca il riscatto. Le prime gare saranno come da copione un terno al lotto. Molte le novità introdotte a cominciare dalle nuove gomme Pirelli. Il dirigente Ferrari, Stefano Domenicali, prevede un gp d’Australia “pazzo”: «Temo di sì – spiega in un’intervista a La Gazzetta dello Sport – nella prima simulazione di corsa a Barcellona per riuscire ad avere un ritmo veloce ci siamo fermati quattro volte. Domenica ci saranno come minimo tre soste, perché quando il rendimento delle gomme cala, è inutile lasciare il pilota in pista senza aderenza».

Una stagione che vedrà duettare per il titolo finale la Ferrari e la Red Bull senza dimenticarsi però di Mclaren e Mercedes: «Red Bull forte com’era prevedibile, Mercedes con un grande passo negli ultimi test, McLaren da scoprire. Le prestazioni assolute non sono chiare. Una cosa ci dà fiducia: l’affidabilità della 150». Per la disfatta del 2010 ha pagato solo Chris Dyer: «Il fatto che non sia più alla Gestione Sportiva ma nel comparto industriale non è legato a quello ma a equilibri interni che andavano valutati. Ora Dyer lavora con le GT, in futuro dovrà decidere se rimanere lì o rientrare nelle corse».

Il campione del mondo in carica è Sebastian Vettel, spesso e volentieri accostato alla Ferrari: «Gran pilota. Dice che verrà in Ferrari? Facciamo spesso battute insieme su questo. Ma intanto resterà alla Red Bull sino al 2014. Dopo potrà rientrare tra coloro che ci interessano» . Chiosa sul futuro: «La F. 1 cambia, richiede sempre più energie. Ma nella vita ci sono anche la famiglia e tante altre cose da guardare. Non ho un orizzonte temporale certo, magari sarà più preciso a fine stagione. Vediamo…» .

© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori